Come curare nel modo giusto la Varietà di Rododendro gigante

Il Rododendro gigante (Rhododendron maximum) è una specie di rododendro originaria del Nord America orientale appartenente alla famiglia delle Ericaceae.

Come suggerisce il nome sia comune che botanico, è la specie più grande di rododendro, sia per le dimensioni di crescita dell’arbusto, sia per la grandezza dei fiori.

Per le dimensioni che può raggiungere, viene più spesso coltivato come arbusto da giardino piuttosto che come pianta in vaso.

Ma vediamo insieme quali sono le caratteristiche del rododendro gigante e quali invece le cure di base!

Caratteristiche

Il rododendro gigante è un arbusto sempreverde che cresce fino a 4 m.

Considera che solo le foglie sono lunghe dai 10 ai 20 cm (ricorda che possono essere velenose) e i suoi fiori sono molto più grandi dei classici arbusti di rododendro.

I fiori hanno un diametro di 3 cm e possono essere bianchi, rosa o viola pallido, spesso con piccole macchie giallo-verdi.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Cure di base

Per mantenere sano il rododendro gigante bastano poche regole di base, se scegli il posto giusto in cui piantare l’arbusto sei già a buon punto.

Requisiti di luce

Il rododendro apprezza un punto del giardino con ombra screziata o almeno una protezione dal caldo sole pomeridiano e dai forti venti.

Troppo sole porta a foglie sbiancate e bruciate, mentre troppa ombra provoca una crescita esile e una scarsa fioritura. Una regola pratica è che più grande è la foglia, maggiore è l’ombra che preferiscono.

Quanto innaffiare

Innaffia le piante preferibilmente con acqua piovana, anche in giardino, a meno che l’acqua del rubinetto non sia estremamente povera di calcare.

La maggior parte dei rododendri necessita di un terreno sempre uniformemente umido.

Terreno

Tutti i rododendri necessitano di terreno drenante, sciolto e poroso. Le loro radici fini non possono penetrare in terreni pesanti e compatti.

Amano il terreno acido, essendo piante acidofile, in un intervallo di pH compreso tra 4,5 e 6. Quando le condizioni del terreno sono giuste, hanno bisogno di poco o nessun fertilizzante.

Concime

Un’applicazione annuale di pacciame organico come trucioli di legno parzialmente compostati o corteccia è importante per scoraggiare le erbacce e mantenere l’umidità del suolo, ma fornisce anche cibo per batteri e funghi benefici del suolo, che quindi rilasciano sostanze nutritive in una forma che le piante possono facilmente utilizzare.

Se hai bisogno di concimare, applica un fertilizzante bilanciato in autunno dopo il gelo o a marzo per dare alle piante una spinta all’inizio della primavera.

Malattie e parassiti

La Phytophtora è una malattia che provoca la morte di singole parti del ramo o dell’intera pianta. Si verifica spesso su terreni impregnati d’acqua.

Inoltre, le infezioni fungine generalmente innocue sono malattie che provocano macchie fogliari e, nelle specie e varietà decidue, l’oidio.

Se il tuo rododendro ha foglie gialle con nervature verdi, soffre di clorosi ferrica. Un terreno non adatto alle piante di acidofile interrompe l’apporto di ferro poiché i cespugli possono assorbire i nutrienti in quantità sufficienti solo con un terreno dai bassi valori di pH.

Il fenomeno è generalmente accompagnato da interruzioni della crescita. Aiuta a ripiantare il rododendro in un punto con terreno più adatto.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.