Come ottenere nuovi gerani per talea

È molto semplice propagare il geranio per talea se segui tutte le istruzioni passo passo.

Il geranio è il popolare fiore annuale (Pelargonium), che in tanti abbiamo nelle nostre fioriere in balcone o in giardino.

Spesso, prima delle gelate, in inverno è utile moltiplicarlo per talea in modo da avere gerani nuovi e in salute la primavera successiva.

Qui troverai tutto il procedimento per ottenere nuovi gerani passo passo.

Prima di iniziare

Il momento migliore per tagliare le talee è quando una pianta ha una nuova crescita ma non ha ancora messo le gemme.

Se coltivi i gerani da giardino come annuali, puoi prendere le talee in autunno prima che le piante sfioriscano, in questo modo ne avrai di nuove e fresche da piantare in primavera.

Step 1: taglio dello stelo

Scegli uno stelo robusto con foglie sane. Cerca di evitare gli steli più fragili e più nuovi e gli steli più vecchi e legnosi, così come quelli con foglie scolorite o danneggiate.

Usa delle cesoie pulite e disinfettate per tagliare lo stelo. Fai il taglio appena sotto un nodo, ovvero il punto dello stelo da cui spuntano le foglie. Lo stelo deve avere una dimensione di circa 10-15 centimetri.

Rimuovi le foglie nella parte in basso dello stelo, lasciando solo due o tre foglie in alto, in modo da avere 7-8 centimetri di stelo spoglio.

Rimuovi eventuali boccioli di fiori o foglie, poiché potrebbero consumare l’energia che invece ti servirà per la formazione delle radici.

Step 2: metodi per la radicazione

Esistono due metodi per far spuntare le radici, entrambi funzionano bene: il metodo in acqua o il metodo in terra.

Talea in acqua

Metti la talea in un bicchiere o barattolo pulito e trasparente. Riempi il barattolo con abbastanza acqua da coprire il ramo della talea, ma fai in modo che le foglie non tocchino l’acqua.

Posizionalo su un davanzale soleggiato in un luogo che mantenga una temperatura media di 15-20 gradi.

Cambia l’acqua ogni giorno per mantenerla fresca. Dopo circa quattro settimane, dovresti vedere le radici svilupparsi nella parte inferiore dello stelo.

Talea in vaso

Scegli un vaso pulito, che abbia i fori di drenaggio. Riempi il vaso con del terriccio, fino a circa mezzo centimetro sotto il bordo. Se vuoi, puoi immergere l’estremità tagliata del gambo nell’ormone radicante in polvere.

L’ormone radicante non è necessario, ma facilita molto la radicazione.

Fai un buco nel terreno e posiziona la talea nel vaso, spingendo il ramo abbastanza in basso da coprire tutti i punti in cui sono state rimosse le foglie, poiché le radici si formeranno da questi nodi fogliari.

Premi il terriccio attorno allo stelo per fissare bene la talea nel vaso. Innaffia e posiziona in un luogo con una temperatura di circa 18-20 gradi e con luce solare intensa.

Mantieni il terriccio leggermente umido ma non lasciare che si inzuppi, né che si asciughi completamente.

Puoi creare una mini serra per ogni talea mettendo un sacchetto di plastica trasparente sul vaso. Questo è un modo intelligente per mantenere la temperatura costante e l’umidità alta.

Fai qualche piccolo foro sul sacchetto e non mettere la pianta alla luce solare diretta perché potrebbe surriscaldarsi.

Step 3: rinvaso

Quando vedi che spuntano le radici, vuol dire che le tue talee stanno avendo successo.

Quando le radici sono lunghe 3-4 centimetri, o quando vedi una nuova foglia che cresce, puoi portare le tue talee fuori.

Se hai fatto le talee in autunno, assicurati di aspettare fino a quando il rischio di gelo è passato. Metti le piante all’aperto per alcune ore al giorno per una settimana.

Dopodiché puoi piantare le talee radicate e germogliate nel giardino o nella fioriera.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.