Cosa si intende per Terreno stanco o esausto? Scopriamolo insieme

Stai offrendo le cure solite alla tua pianta ma hai notato che non cresce più come prima nonostante tu non abbia cambiato nulla.

Se ti trovi in questa situazione devi considerare che il terreno potrebbe essere stanco: hai capito bene!

Il terreno stanco o esausto non è in grado di offrire alla pianta i nutrienti necessari per farla prosperare nel modo giusto.

Ma quali sono i segni di un terreno stanco e come fare a rimediare? Scopriamolo insieme!

Cosa significa “terreno stanco”

In genere il termine terreno stanco o esausto viene utilizzato in agricoltura, quando il substrato di coltivazione è stato utilizzato per una coltura intensiva e non è in grado di offrire i giusti nutrienti alle piante.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Tuttavia è un concetto che serve anche a chi come te coltiva le piante d’appartamento.

Il terreno fresco contiene dei nutrienti che la pianta assorbe in modo costante nei primi anni di coltivazione. Man mano che la pianta esaurisce i nutrienti del terreno questo si impoverisce.

Quante volte hai riutilizzato il terreno usato per piantarci altre piante pensando di fare bene? Ci sono tanti motivi per cui non dovresti farlo.

Non riutilizzare il vecchio terriccio

I motivi per cui non dovresti riutilizzare il vecchio terriccio per nuove piante sono vari, dipende non solo dalla scarsità di nutrienti ma anche dalla presenza o meno di funghi e parassiti.

Una volta che hai usato del terriccio, ad esempio per 2 anni e la pianta che coltivavi al suo interno muore per marciume, anche il terriccio avrà al suo interno agenti patogeni che verranno trasmessi alla nuova pianta.

Se invece hai del vecchio terriccio che magari sei certo non abbia al suo interno funghi o batteri, sarà comunque povero di nutrienti e dunque non garantirà una crescita sana alle tue piante.

Come rigenerare il vecchio terreno

Arrivati a questo punto, la domanda è lecita: posso rigenerare il vecchio terreno?

La risposta è: dipende! Se stai coltivando delle piante d’appartamento è più pratico che tu ti procuri una nuova busta di terriccio fresco e di qualità.

Se invece hai tanto terreno stanco ed esausto per il tuo giardino che vorresti rigenerare potresti seguire questi passaggi:

  • eliminare spore, funghi o parassiti
  • aggiungere 1/3 di compost per apportare nutrienti
  • aspettare 1 mese che la miscela si amalgami

Metodi per eliminare agenti patogeni dal terreno

Come hai visto, ci sono alcuni metodi che puoi adottare per eliminare gran parte degli agenti patogeni dal tuo terreno vecchio.

Ovviamente si parla sempre di coltivazione da giardino poiché se hai da riempire un vaso piccolo per una semplice pianta d’appartamento potrai semplicemente sostituirlo con del terriccio fresco.

Uno dei metodi per eliminare spore e funghi dal vecchio terreno e versare dell’acqua bollente che ucciderà la maggior parte di questi elementi.

Ovviamente dovrai poi far asciugare il tutto prima di poterlo riutilizzare.

Un altro metodo è versare del bicarbonato sul terreno in modo da eliminare le spore che causano malattie fungine.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.