Ceropegia woodii: come curare il filo di cuori

Se stai cercando una pianta d’appartamento facile da curare, unica e attraente, allora non puoi sbagliare con la Ceropegia woodii.

Questo rampicante sempreverde è perfetto per essere coltivato in vasi sospesi o su davanzali. È una pianta longeva e a crescita rapida.

Le foglie a forma di cuore, carnose e grigio-verde hanno un accattivante motivo marmorizzato e gli steli sottili e simili a fili hanno una caratteristica sfumatura viola.

Scopriamo insieme come coltivare la ceropegia woodi, la pianta filo di cuori!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della ceropegia woodii, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Le varietà e le cultivar di Ceropegia Woodii sono molto limitate.

In effetti, è probabile trovare solo la varietà standard o quella variegata.

Queste due specie sembrano molto simili a prima vista perché anche la varietà standard è leggermente variegata, quindi può essere difficile distinguerle.

La specie variegata ha lo stesso verde screziato e grigio argenteo sulla superficie fogliare ma appena prima dei bordi della foglia, il verde e il grigio scompaiono e vengono invece sostituiti da una leggera tonalità violacea.

In più, sul retro della foglia la tonalità viola diventa più evidente.

Esposizione

Posizionando la tua pianta di filo di cuori in un punto in cui riceverà luce solare brillante, ma screziata e filtrata, otterrai i migliori risultati in termini di crescita e produzione di fiori.

Fioritura

Se ti piacciono i fiori grandi e appariscenti, la pianta di ceropegia woodii non fa per te: le fioriture su questa pianta sono inusuali.

Tubolari e lunghi circa 2 centimetri, i fiori hanno una base bulbosa e crescono in verticale.

I fiori hanno solitamente una colorazione magenta pallido e, sebbene tendano a fiorire più abbondantemente tra fine estate e autunno, possono apparire anche in altri periodi dell’anno.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno la ceropegia woodii per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

La ceropegia woodii cresce bene in una miscela di terreno per cactus drenante.

Sebbene apprezzino una buona fertilità, se il terriccio è eccessivamente ricco, le piante possono diventare disordinate.

Se stai usando un normale terriccio, avrai bisogno di aggiungere o la pomice o la perlite per assicurarti che abbia un drenaggio sufficiente.

Quando innaffiare

Sebbene il filo di cuori sia resistente alla siccità, preferisce annaffiature più frequenti rispetto a molte altre specie succulente.

Lascia asciugare il terreno tra un’annaffiatura e l’altra e poi annaffia profondamente. Troppa acqua può provocare fogliame gonfio, caduta delle foglie e l’abitudine di crescita può diventare disordinata.

È fondamentale che la tua pianta di cuori non venga lasciata nell’acqua stagnante. Questo è un modo rapido per far morire la pianta e un drenaggio eccellente è fondamentale.

Concime

La tua pianta di ceropegia woodii apprezzerà una concimazione regolare con un fertilizzante appositamente progettato per le piante grasse.

Dovrà essere un concime che non ricco di azoto poiché un fertilizzante troppo azotato può far sì che le piante diventino eccessivamente morbide.

Potatura

Non va fatta una potatura vera e propria della ceropegia woodii.

Tuttavia, poiché tende a crescere molto ricadente può capitare che diventi troppo lunga per i tuoi gusti e in questo caso potrai tagliarla.

Moltiplicazione

Le ceropegia woodii sono generalmente moltiplicate per talea piuttosto che attraverso la germinazione dei semi, perché procurarti i semi è difficile.

Usare il metodo di taglio dello stelo è facile e generalmente ha un buon successo. Le talee con almeno due nodi di solito mettono radici in un periodo compreso tra due settimane e due mesi.

Per la moltiplicazione possono essere utilizzati anche i tuberi che si formano lungo il fusto e anche le singole foglie.

Assicurati solo che il terriccio sia mantenuto umido e sia posizionato in un luogo caldo e con una luce brillante ma filtrata.

Le talee possono anche essere inizialmente messe in acqua. Una volta che le radici si sono formate, possono essere trapiantate nel terreno.

Malattie e parassiti

Gli steli, dalla base alle punte, sono molto sottili e ispidi e possono essere facilmente danneggiati da parassiti o malattie.

Quindi, quando hai grappoli di steli nello stesso vaso, per scoraggiare parassiti e malattie, ti consiglio una buona ventilazione.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.