Papavero rosso: come coltivare il famoso fiore di campo

Il papavero comune (Papaver rhoeas) è un fiore di campo annuale caratterizzato da sorprendenti fioriture rosse.

Le fioriture del papavero comune durano tipicamente dalla tarda primavera all’inizio dell’estate.

I fiori sono comunemente rosso scarlatto, ma col tempo sono stati creati numerosi ibridi con fiori nei toni del giallo, arancione, rosa e persino bianco.

I papaveri non richiedono quasi alcuna cura quando vengono piantati in una zona con un clima adatto a loro. Crescono bene anche nelle aiuole, nei giardini rustici o nelle bordure.

Attenzione: questi fiori sono velenosi se ingeriti, tieni lontani bambini o animali dalla pianta.

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche del papavero rosso, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Nel genere Papaver sono comprese circa 252 specie, di cui la più comune è certamente il nostro Pavaver rhoeas, il papavero rosso comune, ma altre varietà conosciute sono:

  • Papaver orientale: si tratta di una varietà ibrida con fiori molto grandi, sono molto resistenti anche a temperature rigide.
  • Papaver somniferum: è il famoso papavero da oppio il cui lattice ha un potere calmante.
  • Papaver rhaeticum: si tratta del papavero alpino che sboccia dalle rocce delle Dolomiti.
  • Papaver nudicaule: è il papavero islandese che produce fioriture tra giugno e luglio e che è caratterizzato da fiori di colore bianco, giallo, rosa o arancio.

Esposizione

Il papavero comune preferisce condizioni di pieno sole con almeno 6 ore di luce solare diretta.

Se necessario il papavero comune può adattarsi anche all’ombra parziale dove riceve meno ore di sole, ma la crescita non sarà così vigorosa e il tempo di fioritura potrebbe essere ridotto.

Fioritura

Il nostro papavero è un annuale, germina in autunno o in primavera e cresce in una pianta cespugliosa.

Da maggio in poi emergono i grossi boccioli dei fiori, che si aprono per liberare i petali rossi e delicati.

I fiori scarlatti portano una sporgenza di stami nero-bluastri e ogni petalo a volte porta una macchia nerastra alla base.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno il papavero rosso per crescere sano e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Il papavero comune si adatta bene a quasi tutti i tipi di terreno, purché il terreno sia drenante.

Possono crescere in terreni di scarsa qualità e poco nutrienti e si è persino scoperto che spuntano e crescono in luoghi anche difficili, come le crepe in un vialetto.

Tuttavia, se stai piantando il papavero comune in un’aiuola o in una bordura, forniscigli un terreno ricco e drenante per una crescita ottimale.

Quando innaffiare

Una volta stabilito, il papavero comune ha un bisogno d’acqua minimo.

In effetti, troppa acqua può provocare steli con le gambe lunghe e troppo cresciuti.

Se vivi in ​​una zona che riceve piogge frequenti in primavera e in estate, è probabile che questi papaveri non richiedano ulteriori annaffiature.

Tuttavia, in lunghi periodi di siccità, un’annaffiatura in più può aiutare a prolungare i tempi di fioritura.

Concime

I papaveri non richiedono fertilizzazione durante la stagione di crescita.

Tuttavia, se noti un’abbondanza di foglie e pochissimi fiori questo potrebbe essere il risultato di una mancanza di fosforo che puoi integrare con un concime per piante fiorite.

Potatura

I papaveri sono piante annuali che producono baccelli pieni di minuscoli semi.

La potatura dei papaveri aiuta a prepararli alla rigenerazione della primavera successiva.

Poiché i papaveri si auto-seminano così facilmente, raccogliere i loro baccelli aiuta a controllarne la diffusione.

Una volta che i fiori cadono, le foglie iniziano a diventare marroni e gli steli neri. Quando i baccelli sono diventati giallognoli, sono sicuramente pronti per essere raccolti.

Quando gli steli sono diventati scuri, tagliali a circa 5 centimetri sopra la base della pianta.

Alla fine, la struttura dello stelo si decomporrà, lasciando solo un gambo secco e cavo. La primavera successiva, i nuovi germogli compariranno in genere intorno al mese di marzo e il ciclo di crescita ricomincia.

Moltiplicazione

Il papavero comune, come si diceva sopra, si auto-semina purché sia ​​coltivato in condizioni adeguate, oltre al fatto che i suoi semi possono anche essere seminati direttamente in giardino.

Per le fioriture estive, pianta i semi all’inizio della primavera una volta che il terreno non è più gelido.

Copri i semi con una leggera spolverata di terriccio. I semi di papavero comuni possono anche essere piantati in autunno se desideri piante che fioriranno all’inizio dell’anno.

Ricorda che il papavero può essere difficile da trapiantare e spostare, quindi anche se avviare i semi in casa è un’opzione, di solito è più facile avviare le piante direttamente in giardino.

Malattie e parassiti

Gli afidi possono essere un problema per il papavero comune, insieme all’oidio.

Tratta le piante infestate da afidi con un insetticida come olio di neem o con rimedi fatti in casa.

Se l’infestazione è lieve, uno getto forte d’acqua dal tubo del giardino può rimuovere i parassiti e potrebbe essere in grado di curare il problema.

Per trattare l’oidio, un fungicida come il bicarbonato di potassio è efficace nel controllare ed eliminare il fungo.

Significato

Il papavero è uno dei fiori più utilizzati al mondo per il suo significato. Greci, egizi e romani lo collegavano al sonno a causa dell’effetto sedativo della linfa della pianta.

In Cina e in Giappone consigliano il papavero alle coppie perché significa amore profondo tra due persone, ma i papaveri bianchi sono legati alla morte in quelle stesse culture.

Il papavero rosso è il fiore tradizionale del ricordo per l’Europa e il Nord America a causa dei suoi legami con la prima e la seconda guerra mondiale.

I semi del papavero comune, infatti, possono rimanere dormienti fino a 80 anni, germinando una volta che il terreno viene smosso.

Proprio per questo sono simbolo del ricordo, perché distese di papaveri crescevano in campi di battaglia il cui terreno veniva smosso dai soldati.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.