Se la pianta di Peperoncino si secca ecco cosa sta succedendo

Niente è più frustrante che impegnarsi per piantare e coltivare il peperoncino, solo per vedere le tue piante appassire e morire. La domanda è, perché questo accade? Ancora più importante, come puoi fermarlo?

L’irrigazione eccessiva è la ragione più comune per cui le piante di pepe appassiscono e muoiono, tuttavia è probabile che il motivo sia anche una siccità prolungata.

Se sai che l’irrigazione non è il problema, allora ci sono alcune altre possibilità. Innanzitutto, dovresti controllare i fattori fondamentali, come la luce solare, la temperatura e il suolo (pH e sostanze nutritive).

Ma diamo un’occhiata più da vicino a cosa fa seccare le piante di peperoncino e come puoi evitare che ciò accada!

Stai innaffiando troppo

L’irrigazione eccessiva è il motivo più comune per cui le piante di peperoncino muoiono.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Molti coltivatori di peperoncino per la prima volta finiranno per innaffiare troppo la pianta. In questo caso, non solo la frequenza di irrigazione conta ma è importante anche la qualità del suolo.

La cosa più importante da ricordare è aggiungere materiale organico (compost) al tuo giardino ogni anno.

L’aggiunta di materiale organico al terreno migliora il drenaggio. Ciò significa che l’acqua non rimarrà per troppo tempo nel terreno senza defluire. Di conseguenza, eviterai i sintomi comuni di un’irrigazione eccessiva, come il marciume radicale.

Se la tua è una piccola pianta in vaso, invece del compost potrai semplicemente miscelare il terreno con inerti come perlite e preoccuparti di aggiungere del concime.

Quando e come innaffiare le piante di peperoncino

Dovresti innaffiare al mattino la pianta di peperoncino, quando le temperature sono fresche e il sole è ancora basso nel cielo. Ciò garantisce che l’acqua penetri fino alle radici prima che evapori.

Quando si annaffia, farlo più lentamente è meglio. Innaffiare troppo velocemente con una quantità d’acqua improvvisa laverà via il terriccio e i nutrienti, di cui le tue piante hanno bisogno per sopravvivere.

Infine, tieni d’occhio le piante di peperoncino e il terreno stesso per sapere quando annaffiare. Se le piante di peperoncino hanno un bell’aspetto, probabilmente non hanno bisogno di acqua.

Se le piante di peperoncino iniziano ad appassire un po’, soprattutto in una giornata calda, controlla il terreno.

Va bene lasciare che il terreno si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra, poiché questo dà alle radici la possibilità di asciugarsi un po’ ed evitare il marciume radicale.

Tuttavia non far seccare mai completamente il terreno soprattutto in fase di fioritura o di fruttificazione.

Controlla l’ambiente per le tue piante di peperoncino

A questo punto, sei sicuro che l’irrigazione non è il problema che sta causando la morte delle tue piante di peperoncino. In tal caso, diamo un’occhiata ad altri fattori comuni che possono ucciderlo.

Luce solare e temperatura

Le piante di peperoncino hanno bisogno di piena luce solare, il che significa da 6 a 8 ore di luce solare diretta al giorno. Dovrebbero essere al sole per la maggior parte della giornata durante l’estate.

Le tue piante di peperoncino potrebbero soffrire per mancanza di luce solare se si trovano in un luogo ombreggiato nel giardino o in balcone.

Le temperature estreme possono anche influenzare le tue piante di peperoncino. La temperatura ideale è compresa tra 18 a 27 gradi durante il giorno.

Se le temperature scendono sotto i 13 gradi di notte, potresti iniziare a vedere un rallentamento della crescita. Le basse temperature interferiscono anche con la capacità di una pianta di assorbire i nutrienti.

Ricorda che un gelo improvviso generalmente uccide le piante di peperoncino che non sono protette. Avviare le piante di peperoni troppo presto o troppo tardi nella stagione può portare alla perdita del raccolto a causa di gelate notturne in tarda primavera o all’inizio dell’autunno.

pH del terreno

Il pH del terreno è importante affinché le piante crescano correttamente, poiché determina se saranno in grado di assorbire i nutrienti dal terreno. Un pH del terreno ideale per le piante di peperoncino è compreso tra 6,0 e 7,0 (leggermente acido).

Se il pH del terreno è troppo basso o troppo alto, alcuni nutrienti nel terreno non saranno disponibili per le radici della pianta. Questo vale anche se c’è abbondanza di nutriente nel terreno.

Per scoprire se il pH del tuo terreno è giusto, puoi usare un kit per il test del terreno che trovi nei vivai più forniti.

Nutrienti

Se il pH del tuo terreno rientra in un intervallo appropriato, un altro punto da guardare sono i livelli di nutrienti nel tuo terreno.

Come accennato in precedenza, aggiungere compost al tuo giardino è uno dei modi migliori per aggiungere nutrienti al terreno, fornendo anche nuovo materiale organico.

Puoi anche usare fertilizzanti già pronti, che possono integrare i tre grandi nutrienti (NPK, o azoto, fosforo e potassio), insieme ad altri nutrienti, come ferro, magnesio, zolfo, zinco o rame.

Fai attenzione a non aggiungere troppo concime al tuo terreno. Se identifichi una carenza di magnesio e aggiungi troppo sale di Epsom (solfato di magnesio) al tuo terreno, puoi invece ritrovarti con una carenza di calcio.

Parassiti

Se pensi che l’irrigazione, il suolo e l’ambiente siano giusti, la prossima cosa da fare è cercare i parassiti. A volte saranno evidenti quando guardi le tue piante, ma altre volte saranno nascosti.

Ecco due parassiti più comuni.

Afidi

Gli afidi sono piccoli parassiti che affliggono spesso sia le piante d’appartamento che quelle in giardino.

Possono essere verdi, neri, bianchi, marroni o di altri colori. Si nutrono dei succhi presenti negli steli e nelle foglie delle piante ed espellono una secrezione dolciastra: la melata.

Mosche bianche

Le mosche bianche sono un altro parassita che può indebolire o uccidere le tue piante di peperoncino. Vivono sulla pagina inferiore delle foglie.

Li scoprirai durante il giorno, nella stagione più calda. Se scuoti la pianta di peperoncino, probabilmente vedrai le mosche bianche volare in giro.

Anche le mosche bianche espellono la melata, la stessa sostanza appiccicosa e dolciastra che gli afidi lasciano dietro di sé.

Come con gli afidi, puoi usare un tubo da irrigazione per lavare via le mosche bianche o usare una soluzione di acqua e sapone da spruzzare sulle foglie.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.