Tulipani: come piantare i bulbi in vaso e in giardino

Il più iconico di tutti i bulbi da fiore, i tulipani hanno una bellezza semplice ed elegante che attira la nostra attenzione da centinaia di anni.

Sono regali e affascinanti nel tuo giardino, nei vasi o nelle fioriere.

Sono disponibili in un’incredibile gamma di colori e dimensioni e sono facili da tagliare per uno splendido bouquet primaverile.

Spesso vengono acquistati i bulbi di questo fiore, perché è emozionante vederli crescere e poi sbocciare in casa propria in primavera.

Ma come si piantano i bulbi e di quali cure hanno bisogno? Qui troverai queste informazioni e qualche consiglio in più.

Prima di iniziare

Se hai finalmente i tuoi bulbi di tulipani, ma non puoi piantarli immediatamente perché la temperatura è ancora troppo alta, è importante conservarli correttamente.

Togli l’imballo e mettili in un luogo asciutto con molta circolazione d’aria, dove la temperatura è compresa tra 5 e 20 gradi.

Considera però che in genere i bulbi devono essere piantati dopo circa una settimana, quindi abbi cura di acquistarli nel periodo giusto.

Inoltre, considera che da ogni bulbo si genereranno da 1 a 4 fiori.

Come piantare i bulbi

Qui troverai le principali indicazioni su come piantare correttamente i bulbi, sia in vaso che nel tuo giardino.

In giardino

In genere il periodo giusto per piantare i bulbi è in autunno.

Aspetta fino a quando la temperatura è di circa 15 gradi o più fredda. Al nord il periodo giusto sarà settembre-ottobre, al sud ad ottobre-novembre

Scegli un punto nel tuo giardino che abbia un terreno drenante (ovvero che non trattenga troppa acqua) e che abbia pieno sole o, in alternativa, un po’ d’ombra.

Puoi piantare i bulbi di tulipano a circa 20 centimetri di profondità e a 10 o 15 centimetri di distanza tra di loro.

Posizionali nel terreno con la punta rivolta verso l’alto e copri col terriccio facendo attenzione a non farli capovolgere. Innaffia bene dopo la semina.

Per aiutare i bulbi a crescere rapidamente è importante annaffiarli dopo la semina, ma non dovrai annaffiarli di nuovo.

Tutto ciò che devi fare è aspettare pazientemente che la primavera ti sorprenda con i frutti del tuo lavoro.

In vasi

Anche in questo caso devi aspettare che fuori faccia freddo, con una temperatura di 15 gradi o inferiore. Generalmente, il periodo giusto è in autunno.

Prendi un vaso e riempilo per 1/4 con del terriccio, puoi miscelare il terriccio con della sabbia per assicurarti che l’acqua scorra via senza problemi e che non rimanga sul fondo.

Pianta i bulbi di tulipano, posizionandoli nel terreno sempre con la punta rivolta verso l’alto.

Poiché spesso i vasi hanno uno spazio limitato, puoi anche posizionare i bulbi più vicini tra loro, ma assicurati che non si tocchino.

Conserva i bulbi in un posto fresco per almeno 3 mesi. Quando è passato il periodo di dormienza, metti i tuoi bulbi in un posto caldo e soleggiato.

I tulipani amano il sole diretto, puoi posizionarli vicino ad una finestra o in un posto luminoso del tuo balcone.

Come curarli in modo corretto

Dopo aver piantato i bulbi, questi hanno bisogno di cure ben precise, come la giusta quantità d’acqua o la giusta esposizione al sole.

Acqua

I bulbi da fiore sono resistenti e facili da coltivare, ma una cosa che non sopportano è essere zuppi d’acqua: un bulbo inzuppato d’acqua marcirà in pochissimo tempo

Quindi evita a tutti i costi il ​​terreno inzuppato. Una cosa che puoi fare è miscelare il terreno inzuppato aggiungendo torba o corteccia.

Sole

I tulipani hanno bisogno del sole per crescere ma, nonostante questo, possono anche crescere bene in luoghi con poca ombra o con luce solare diffusa.

Dopo la fioritura

Dopo che i tulipani sono sbocciati, non tagliare le foglie. Lasciali in vita finché non sono completamente appassiti e gialli, solo allora puoi rimuoverli.

Questo perché attraverso la fotosintesi le foglie creeranno comunque i nutrienti di cui il bulbo avrà bisogno per la sua prossima stagione di crescita, per questo le foglie sono sempre necessarie.

Non preoccuparti perché dopo alcune settimane le foglie ingialliranno automaticamente, quindi potrai rimuoverlo.

In questo momento il bulbo diventerà dormiente e non avrà bisogno di annaffiature fino alla prossima primavera.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.