La doccia calda all’Orchidea la renderà di nuovo verde e fiorita

Non è un caso se questa pianta venga amata e odiata allo stesso tempo: l’orchidea è tanto bella quanto fragile e ha bisogno di alcuni accorgimenti per mantenersi sana e bella.

Il suo ciclo vegetativo la porta ad essere fiorita nel periodo primaverile-estivo, per poi cadere in una sorta di riposo nel periodo autunnale.

Capita che, pur rispettando tutte le regole di coltivazione, la nostra orchidea appaia secca e morente. Succede nel periodo in cui la temperatura cambia o quando la pianta affronta un periodo di particolare stress.

Esiste però un trucchetto molto utile per dare all’orchidea una botta di vita, facendole anche produrre nuove foglie: si tratta del trucco della doccia calda.

Procedimento

Vediamo come funziona questo trucchetto, procedendo passo dopo passo.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Portate l’orchidea in bagno

Innanzitutto, prendete la vostra piantina e portatela in bagno.

Collocate l’orchidea su di un mobiletto, sul davanzale della finestra o temporaneamente sul pavimento.

Importante è che chiudiate tutte le aperture (finestre e porte).

N.B: più il bagno è piccolo più il trucchetto avrà efficacia, in quanto il vapore acqueo si concentrerà con maggior densità.

Aprite la doccia calda

A questo punto, aprite l’acqua calda in doccia: per non sprecare l’acqua, potete approfittarne per lavarvi o potete conservare l’acqua per un utilizzo successivo.

Lasciate l’acqua aperta per almeno 20 minuti. In questo lasso di tempo noterete che l’acqua si è riempita di vapore acqueo (potrete accorgervene meglio guardando uno specchio e notando che è appannato).

Attenzione: non dovete assolutamente mettere l’orchidea sotto il getto di acqua calda. Tenetela abbastanza lontano dalla doccia e dai getti di acqua calda o bollente che potrebbero colpirla.

Rimettete l’orchidea al suo posto

Attendete ancora un po’ senza aprire né porte né finestre. In questo modo lascerete l’orchidea ancora a contatto con il vapore.

Poi, dopo circa 30 minuti, è arrivato il momento di riportare la piantina al suo solito posto.

Dopo qualche ora, noterete già che la vostra orchidea appare più viva e in salute: le sue foglie sono meno flosce, più lucide e verdi, e il suo portamento è meno cadente.

N.B: se il bagno è dotato di una finestra con vetro opacizzato o coperto da una tendina filtrante, potete lasciare anche qui la vostra orchidea. Questa stanza, già normalmente, ha un tasso di umidità maggiore rispetto alle altre ed è quindi un ambiente ottimale per la pianta.

Vantaggi

Perché una doccia calda ha questo effetto rinvigorente sulla nostra orchidea al pari di una concimazione?

Il merito è del vapore acqueo. Questo, infatti, raggiunge e avvolge l’orchidea: la pianta assorbe l’acqua anche attraverso le radici aeree e le foglie. Di conseguenza, è come se ottenesse una bella innaffiatura diretta, senza l’intermediazione delle radici.

Un altro vantaggio è dato dall’aumento del tasso di umidità ambientale.

Con il diffondersi del vapore acqueo, infatti, l’umidità della pianta ha un grande e improvviso aumento che fa bene alla nostra orchidea.

L’orchidea, infatti, essendo una pianta di origini tropicali, è abituata a un tasso di umidità ambientale abbastanza alto (tra il 55 e l’80%, a seconda della specie e della varietà).

Ecco perché un “bagno di umidità” dona alla nostra pianta un effetto benefico: le foglie sono subito più verdi, le radici aeree meno secche, i fiori più rigogliosi.

Quando ricorrere al trucchetto?

Non dovete esagerare con questo trucco. Utilizzatelo solo quando l’orchidea è stata trascurata per un po’ di tempo, soprattutto sotto il profilo delle innaffiature.

Usarlo troppo spesso non fa altro che danneggiare la pianta, aumentando il rischio di marciume radicale o lo sviluppo di muffe e infezioni.

L’ideale è 2-3 volte all’anno.

Attenzione: se l’orchidea continua a presentarsi debole e morente, forse il problema potrebbe essere un altro. Chiedete consiglio al vostro fioraio o giardiniere di fiducia.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".