Nutri le foglie dell’orchidea con lo sciroppo Zuccchero-Miele-Limone ma non sbagliare le dosi

Il fascino di questa pianta sta nei suoi fiori, ma anche nelle sue grandi foglie color verde intenso: si tratta dell’orchidea.

Preziosa e rara, questa pianta è abbastanza diffusa nel nostro Paese come pianta decorativa. Tante le specie e le varietà, di cui sicuramente la più nota è la phalaenopsis.

Fiorisce di norma in primavera e in estate, per poi cadere in uno stato di riposo vegetativo in cui recupera le forze per la fioritura successiva. In questo periodo, però, mantiene le sue foglie.

Capita che questa pianta possa perdere la sua naturale lucentezza. Colpa della carenza delle sostanze nutritive, ma anche della polvere che si deposita sulle foglie o di qualche errore di coltivazione che possiamo commettere.

Esiste, però, un trucchetto con cui possiamo donarle di nuovo lo splendore e la lucentezza perduta: si tratta di uno sciroppo naturale che possiamo preparare con gli ingredienti che abbiamo in casa.

Come preparare lo sciroppo

Preparare questo sciroppo non è affatto complicato: vi basterà aprire la credenza e scegliere gli ingredienti giusti.

Prendete una ciotola e metteteci dentro 2 cucchiai di zucchero e uno di miele.

Poi, aggiungete un po’ di acqua bollente per facilitare l’amalgamarsi di questi ingredienti e permettere al miele di sciogliersi.

Infine, prendete un mezzo limone e spremetene il succo nella ciotola. Mescolate con un cucchiaino e lasciate riposare il tutto per circa un’ora, tenendo la ciotola coperta con un panno.

Come applicarlo

A questo punto, il vostro sciroppo per orchidee è pronto!

Dovrete passarlo sulle foglie. Per farlo, prendete un panno morbido o un fazzoletto di carta non ruvida e intingetelo nello sciroppo.

Passatelo sulle foglie con movimenti lenti.

Il miele, unito allo zucchero, nutre le foglie in profondità, colmando eventuali carenze di sostanze nutritive. Il succo di limone, invece, oltre a pulire la superficie delle foglie, ha un’efficacia antiparassitaria e riduce il rischio di funghi o muffe.

N.B: se lo sciroppo vi sembra troppo denso, aggiungete un po’ d’acqua per renderlo più liquido.

Ovviamente, dovrete fare massima attenzione alle quantità utilizzate. Se, infatti, usate troppo zucchero o miele, queste sostanze possono attirare le formiche, portando problemi alla vostra pianta.

Se avete dubbi, perplessità o notate problemi, rivolgetevi subito a un professionista.

Come lucidare le foglie

Se non avete i precedenti ingredienti in casa, non abbiate paura! Esistono anche altri trucchetti per lucidare e nutrire le foglie dell’orchidea.

Scopriamo insieme quelli più efficaci e utili.

Bucce di banana

Un metodo semplice e veloce: basta una buccia di banana.

Prendete la buccia di una banana e utilizzate la parte interna come se fosse una spugnetta da passare sulle foglie della vostra orchidea.

Grazie all’azione abrasiva, la buccia di banana eliminerà macchie e polvere dalle foglie. Inoltre, rilascerà potassio che nutre le foglie e ne stimola la crescita.

Si tratta di un metodo molto utile quando vogliamo dare alla nostra orchidea una rinfrescata e renderla splendente.

Utilizzatelo soprattutto nei cambi di stagione, per nutrire le foglie in vista di un cambio di temperatura.

Latte

Aprite il frigorifero e prendete… del latte! Questo alimento dalle incredibili proprietà è, infatti, utilissimo anche per far tornare la vostra orchidea a risplendere.

Prendete una ciotola e versateci dentro due cucchiai di latte e due cucchiai di acqua a temperatura ambiente. Mescolate e lasciate riposare per qualche minuto.

Poi, passate il composto sulle foglie, utilizzando un batuffolo di cotone imbevuto.

In alternativa, potete realizzare una quantità maggiore del composto (mantenendo la stessa proporzione degli ingredienti) e metterlo in una bottiglia spray: in questo modo, potrete spruzzarlo comodamente sulle foglie.

Il latte nutre le foglie e ha un’immensa efficacia lucidante: le lascerà splendenti in una sola passata.

Attenzione: il latte, se troppo denso, può inibire la respirazione dell’orchidea, occludendo i pori delle foglie. Ricordate di non utilizzarlo mai puro, ma diluirlo sempre con acqua.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".