Orchidea Phalaenopsis: macchie nere sulle foglie

La Phalaenopsis è una bellissima (e soprattutto la più conosciuta) varietà di orchidea.

Ma tutti i tipi di orchidea hanno in comune il fatto che, appena c’è qualcosa che non va, te lo fanno capire in tutti i modi.

Se ti capita di vedere delle macchie nere sulle foglie della tua phalaenopsis, devi sapere che sono un campanello d’allarme.

Scopriamo insieme cosa c’è che non va nella tua orchidea!

Marciume nero

Il primo passo per trattare le macchie scure sulle foglie della tua orchidea è capire il problema.

Le macchie nere sulle foglie della tua orchidea possono indicare che è in corso una malattia batterica o fungina.

Le malattie fungine causano macchie fogliari, specialmente se la pianta viene lasciata esposta all’umidità nelle notti fredde.

Un pericolo per le orchidee, ogni volta che all’interno del vaso restano zuppe per lunghi periodi, è il marciume nero che può distruggere rapidamente un’intera pianta se non intervieni subito.

Causato dai funghi Pythium ultimum e Phytophthora cactorum, il marciume nero colpisce un’ampia varietà di orchidee.

Sintomi

Come suggerisce il nome, il marciume nero si presenta sotto forma di macchie o lesioni nere e scure sulla zona della pianta colpita.

La macchia o le macchie nere si ingrandiscono rapidamente e possono diffondersi in tutta la pianta.

Le foglie colpite possono ingiallire intorno all’area infetta e le lesioni stesse saranno mollicce.

Come salvare l’orchidea?

Vasi, coprivasi o altri accessori non sterilizzati, sono tutti mezzi perfetti per diffondere il fungo.

Sia all’esterno che all’interno, non lasciare che le foglie delle tue orchidee rimangano bagnate per troppo tempo. Una buona circolazione dell’aria nell’area intorno alla pianta è fondamentale.

Ai primi segni di infezione, isola le piante colpite per evitare di contaminare le piante sane. Per fermare la diffusione del marciume nero nella tua orchidea, usa delle cesoie sterilizzate e ritaglia la parte malata della pianta.

Posizionare la pianta in una zona che riceva una buona circolazione d’aria per far asciugare il taglio.

Una volta rimosse le parti infette, è necessario applicare un fungicida per proteggere il tessuto sano rimanente. La cannella è un eccellente fungicida e può essere applicata direttamente nell’area del taglio.

A questo punto, dai alla tua orchidea tutte le cure di cui ha bisogno e aspetta che la pianta si riprenda del tutto.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.