Come coltivare le piante aeree

Le piante che appartengono al genere Tillandsia crescono in modo diverso rispetto alla maggior parte delle altre piante da appartamento.

Sono piante davvero molto resistenti e richiedono meno attenzione rispetto ad altre piante da appartamento.

Queste piante vengono dette anche Air Plants (piante aeree), ma perché? Devi sapere che queste piante crescono senza bisogno di essere immerse nel terreno o in acqua, crescono allora in aria!

Semplicemente puoi poggiarle dove vuoi e prosperano felici, dando anche un tocco decorativo alla tua casa.

Scopriamo allora insieme come coltivare le piante aeree!

Di quanta luce hanno bisogno

Le piante aeree dovrebbero essere tenute dove ricevono la luce solare diretta e indiretta.

Le ore di luce solare diretta vanno bene, ma solo se si tratta di qualche ora: se esponi al sole diretto le tue piante aeree per molte ore, il caldo eccessivo toglierà alla pianta tutta la sua umidità.

Le piante aeree si innaffiano?

Le piante aeree vivono di aria, giusto? Non è proprio così! Sebbene le piante aeree non crescano nel terreno, hanno sicuramente bisogno di essere annaffiate.

Anche se queste piante possono sopravvivere a lunghi periodi di siccità, non cresceranno né prospereranno (e alla fine moriranno) se l’acqua è troppo scarsa.

Come metodo principale per annaffiare le tue piante aeree, ti consiglio di sciacquarle accuratamente sotto l’acqua corrente o di lasciarle a bagno in una bacinella d’acqua per 15-20 minuti.

Puoi usare una ciotola, il lavandino o anche la vasca da bagno. Dopo questo passaggio, scuoti delicatamente le piante per rimuovere l’acqua in eccesso dalla base e dalle foglie.

Metti le piante ad asciugare in un posto con circolazione d’aria per farle asciugarle in poche ore.

Potresti anche nebulizzare le piante aeree con un flacone spray, è un ottimo metodo. Una pianta aerea che è in fiore dovrebbe essere risciacquata piuttosto che immersa nell’acqua e dovresti fare attenzione quando si risciacquano i fiori delicati.

Innaffia le piante aeree una volta a settimana. Se ti trovi in ​​un clima più secco e caldo, saranno necessarie annaffiature più frequenti.

Inizierai a notare che dopo aver innaffiato, le foglie della tua pianta saranno più rigide e piene d’acqua e saranno più morbide e di colore più chiaro quando avranno bisogno di acqua.

Le foglie rugose o arrotolate possono essere un segno di disidratazione.

Temperatura giusta

Le piante aeree crescono meglio in ambienti caldi, in genere crescono sane dai 15 ai 30 gradi.

In climi senza gelo o quasi al riparo dal gelo possono vivere all’aperto per tutto l’anno.

Come la maggior parte delle piante da appartamento, possono essere portate all’aperto su un portico o un balcone per la stagione calda, ma non esporle a temperature estreme o a sole diretto per troppe ore.

Se le foglie si seccano?

Tutti hanno bisogno di un po’ di cura di tanto in tanto. È normale che alcune delle foglie inferiori delle tue piante di tillandsia si secchino mentre la pianta cresce o si abitua a un nuovo ambiente.

Le foglie secche possono essere delicatamente staccate dalla pianta. Se solo le punte delle foglie si sono seccate, puoi tagliare via la punta secca (prova a tagliare ad angolo per lasciare una punta appuntita dall’aspetto naturale).

Puoi fare lo stesso con le radici della pianta. Non preoccuparti di danneggiare le tue piante durante la potatura: ricresceranno.

Le piante aeree si concimano?

La fertilizzazione delle tue piante di tillandsia non è necessaria, ma il concime le manterrà in perfetta forma e dovrebbe favorire la fioritura e la riproduzione.

Ti consigliamo di utilizzare un concime per le orchidee diluito nell’acqua in cui le immergi per innaffiarle una volta al mese.

Puoi conservare la miscela di concime diluito in acqua in una vecchia brocca per il riutilizzo.

Moltiplicazione

Durante il periodo di fioritura di una pianta aerea, questa produrrà germogli, o “cuccioli“.

Noterai che queste nuove piantine hanno un centro separato e distinto, che li distingue dalle altre foglie.

Una volta che il nuovo germoglio raggiunge almeno un terzo delle dimensioni della pianta madre, può essere rimosso separandolo delicatamente dal genitore.

Mantieni sia la pianta madre che il figlioletto alla base e ruota delicatamente con un movimento verso il basso staccandoli.

Puoi anche tagliare le piante usando una lama pulita, tagliando il più possibile il gambo del cucciolo.

Ogni nuovo germoglio di tillandsia seguirà il ciclo di vita trasformandosi a sua volta in una pianta madre, fiorendo e producendo cuccioli da solo.

Le tillandsie possono crescere in gruppi se non separi i nuovi germogli, creerai una pianta man mano più grande e folta.

I ciuffi possono anche essere creati collegando più piante insieme, poiché inizieranno a crescere l’una nell’altra.

Dove metto le piante aeree?

Poiché le piante aeree sono davvero uniche in quanto non richiedono il terreno per crescere e prosperare, possono essere montate su quasi tutte le superfici.

Possono crescere su un piccolo tronco, su un disco di legno o addirittura puoi appenderle con dello spago per farle crescere sospese in aria.

Insomma puoi sbizzarrirti con la fantasia!

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.