Hai il ficus bonsai all’esterno? Dovresti conoscere alcuni metodi per proteggerlo dal gelo

Ogni coltivatore di bonsai dovrebbe sapere come gestire questi alberi in miniatura durante il periodo invernale.

La corretta conservazione dei bonsai ti aiuta ad evitare di rovinare tutti i tuoi sforzi. La stagione invernale è il momento perfetto per far riposare il tuo bonsai.

In questo post imparerai di più su come proteggere il tuo bonsai durante il clima freddo o l’inverno usando metodi efficaci.

Scopriamolo subito!

Usa un telo protettivo

Si consiglia di coprire i bonsai con della plastica o con un telo di tessuto attorno all’esterno del bonsai.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

L’esposizione della plastica alla luce conduce efficacemente la temperatura e favorisce il calore. Appena sorge il sole però togli subito il telo e la plastica per evitare che le foglie si brucino.

La luce è importante

Quando si coltivano i bonsai in casa durante l’inverno, le luci di coltivazione sono importanti per ottenere la massima crescita.

Tuttavia, se non hai a disposizione le luci led artificiali puoi posizionare il bonsai vicino alla finestra in modo che possa correttamente ricevere la luce del sole e in modo da non esporre troppo la pianta a troppo raggi UV dalle luci di coltivazione.

Rispetta la routine di innaffiatura invernale

Quando il bonsai si coltiva all’aperto, assicurai di osservare un’irrigazione adeguata.

Ricorda che il tuo bonsai non ha bisogno di molta acqua durante il periodo di dormienza invernale.

Innaffia il tuo bonsai solo quando il terreno si asciuga.

Come preparare l’albero dei bonsai per l’inverno

Ecco cosa dovresti fare con il tuo ficus bonsai nelle varie fasi dell’inverno a partire dalla fase precedente ai mesi freddi.

Prima dell’inverno

Durante il periodo dell’anno che va da maggio a metà novembre, è consigliabile posizionare il bonsai all’esterno per ottenere un’esposizione solare ottimale necessaria per la crescita prima di sperimentare il periodo di dormienza.

Lascia che il bonsai si prepari adeguatamente al suo periodo di dormienza durante l’inverno concimandolo solo fino ad agosto.

Evita di potare le parti del bonsai almeno due mesi prima dell’inverno perché potrebbe non avere abbastanza tempo per riprendersi rendendo il bonsai molto debole.

Durante l’inverno

Durante il periodo di dormienza, puoi trasferire i bonsai da esterno in un luogo fresco. Se il tuo bonsai è una specie resistente, puoi lasciarlo all’aperto purché abbia una protezione adeguata.

Quando si coltiva in casa, non è necessario fornire luce finché la temperatura di conservazione è compresa tra -6 e 10 gradi.

Se il tuo bonsai è piantato in un vaso poco profondo, proteggi le radici assicurandoti che ci sia abbastanza terra per coprirle o meglio ancora trasferiscilo in un vaso più grande.

Assicurati solo che la temperatura non scenda a 2-3 gradi. Se la temperatura è a questo punto, inizia con le tue strategie di protezione dal freddo.

Se non vuoi lasciare il tuo bonsai all’aperto, puoi posizionarlo in un ambiente interno per prepararlo al periodo primaverile.

Dopo l’inverno

Quando non ci sono segni di freddo intenso che potrebbero danneggiare le radici, puoi rinvasare il tuo bonsai soprattutto se lo hai messo direttamente nel terreno del tuo giardino o se vuoi trasferirlo in un vaso di dimensioni normali.

Puoi iniziare potatura per la strutturazione e la manutenzione del ficus bonsai, questi procedimenti sono attuati anche per riportare la bellezza naturale del tuo bonsai.

È essenziale una corretta conoscenza di come prendersi cura del proprio bonsai durante l’inverno.

Anche se stai coltivando una specie resistente, richiederà comunque cure speciali. I bonsai sono versatili perché possono ancora essere coltivati all’aperto o al chiuso a seconda delle misure che prenderai per proteggerlo durante le condizioni difficili, soprattutto durante l’inverno.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.