Lavanda: come farla crescere a partire dai semi

La lavanda è una delle erbe più popolari ed è da sempre una pianta scelta spesso per decorare il proprio giardino.

Una siepe di lavanda in piena fioritura è meravigliosa da vedere e puoi coltivare la tua siepe da solo se coltivi la pianta dai semi.

I semi di lavanda sono disponibili in vivai assortiti o in negozi per il fai da te, in alternativa puoi reperirli in rete.

Una volta che ti sei procurato i semi di lavanda, vediamo insieme come farla crescere a partire proprio dai semi!

Quando piantare i semi

Puoi iniziare a far germinare i semi di lavanda almeno due o tre mesi prima che arrivi il caldo.

Se hai prelevato i semi dai fiori della tua vecchia pianta di lavanda devi mettere i semi su un tovagliolo chiuso umido, messo a sua volta in un sacchetto di plastica (dovrai conservarli nel sacchetto per circa un mese).

Mentre se hai acquistato i semi allora sono già pronti per essere piantati.

Riempi un vaso con terriccio drenante e pianta i semi. Non devi spingerli in profondità, ma solo coprirli con un po’ di terreno.

Cura dei semi

Arrivato a questo punto, conserva il vaso con i semi in un luogo caldo e innaffiali leggermente.

Mantieni il terreno sempre umido, ma non zuppo: continua così fino a quando i tuoi semi non iniziano a germogliare.

Possono volerci da due settimane a un mese per germogliare. In questa fase hanno bisogno di molta luce, soprattutto non appena compaiono i primi germogli.

Trapianta la nuova piantina

Quando la lavanda ha fatto spuntare le prime foglioline, puoi spostare la nuova piantina in un vaso più grande.

Riempi un vaso con del terreno sempre drenante ma fresco: puoi usare una miscela di terra, torba e perlite.

A questo punto puoi mescolare un po’ di concime a lenta cessione (puoi usare anche i bastoncini) per aiutare la crescita della lavanda.

Lascia che la lavanda continui a crescere. Le piante devono raggiungere un’altezza di circa 8 centimetri prima di essere trapiantate nella loro posizione finale, potrebbero volerci mesi.

Porta le piante all’esterno

Man mano che le piantine maturano possono essere spostate anche all’esterno.

All’inizio hanno bisogno di ombra parziale o sole parziale per poche ore alla volta, aumentando un po’ alla volta le ore durante le quali stanno all’aperto ogni giorno.

Fallo per circa una settimana, giusto il tempo necessario affinché la lavanda abbia il tempo di adattarsi.

Considera che, una volta stabilite, le piante di lavanda crescono meglio se coltivate in pieno sole.

Se sono cresciute troppo, puoi trapiantare le piante o in un vaso più grande o direttamente in giardino.

Piantale ad una distanza di 40 centimetri circa l’una dall’altra.

Cura quotidiana

Una volta che la lavanda è matura puoi curarla come sei abituato a fare se hai coltivato una lavanda in precedenza.

Innaffia la lavanda solo quando il terreno è asciutto. La lavanda matura è abbastanza resistente alla siccità.

Non è necessario concimare di nuovo o regolarmente una volta che hai aggiunto fertilizzante quando hai piantato.

Pota la lavanda tagliando gli steli fioriti una volta che i primi fiori iniziano ad aprirsi durante la prima stagione di crescita.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.