Stai sbagliando l’innaffiatura dell’Aloe? Segui questa guida semplice per capirlo subito

La differenza tra una pianta di aloe che ha bisogno d’acqua e una pianta di aloe troppo zuppa risiede nei segni che mostrano le foglie.

Le foglie di un’aloe troppo innaffiata diventano marroni e gialle con una consistenza pastosa e molliccia, mentre le foglie di un’aloe che non riceve abbastanza acqua diventano più sottili e si raggrinziscono prima di diventare marroni.

Le piante di aloe sono piante grasse che immagazzinano l’umidità nelle loro foglie, motivo per cui le foglie si restringono di dimensioni se la pianta manca d’acqua.

Dunque continua a leggere per capire se l’aloe sta ricevendo troppa acqua o se, al contrario, non la innaffi abbastanza!

Come capire se hai innaffiato troppo l’Aloe

Se una pianta di aloe è stata innaffiata troppo, le foglie diventano gialle o marroni e hanno una consistenza morbida e pastosa e un aspetto cadente. Le radici diventano marroni e hanno un aspetto marcescente e un odore sgradevole.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Le piante di aloe sono originarie della penisola arabica e crescono in terreni drenanti e granulosi con precipitazioni rare.

Pertanto le piante di aloe si sono adattate a tollerare condizioni di siccità, il che le rende molto sensibili all’irrigazione eccessiva e ai terreni a lento drenaggio e di solito provoca marciume radicale o foglie mollicce.

Le radici di un’aloe sana sono sode e di colore più chiaro. Innaffiature troppo frequenti e una pianta di aloe piantata in terreni a drenaggio lento sono di gran lunga gli errori più comuni quando ci si prende cura delle piante di aloe.

Le piante di aloe prosperano quando ricevono un’annaffiatura completa seguita da un periodo di asciugatura di almeno due settimane, poiché questo replica il ciclo pioggiaperiodo di siccità che tipicamente sperimentano nel loro habitat naturale.

Le piante di aloe hanno bisogno che il terreno si asciughi completamente tra un’annaffiatura e l’altra, il che in genere significa annaffiare l’aloe ogni 2 settimane circa.

Come salvare l’Aloe se hai innaffiato troppo

Per salvare una pianta di aloe troppo annaffiata, replica le condizioni del suo ambiente nativo sostituendo il terreno con un terreno per succulente granuloso e drenante.

Innaffia l’aloe solo quando il terriccio si è asciugato e taglia le foglie di aloe marroni e pastose per evitare che il marciume si diffonda.

Preleva la tua pianta di aloe dal vaso e ispeziona le radici per capire se stanno marcendo. Le radici dovrebbero apparire sane e di colore più chiaro (nota le radici possono essere scolorite di marrone con il terreno).

Se ci sono radici marroni, di consistenza pastosa e di cattivo odore, allora queste radici stanno marcendo ed è importante tagliare queste radici per interrompere la diffusione della malattia.

Sterilizza le cesoie per evitare la diffusione di agenti patogeni fungini alle radici sane. Taglia via tutte le radici in decomposizione finché non rimangono solo radici solide sane.

Rimuovi le foglie che stanno diventando gialle o marroni con un paio di potatori affilati. A volte puoi sbucciare delicatamente le foglie.

Rinvasa l’aloe in un terreno per succulente e cactus per replicare le condizioni naturali del suolo dell’ambiente nativo delle piante di aloe. Ciò consente all’acqua di drenare in modo efficiente.

Pulisci il vaso con un disinfettante poiché il vaso può ospitare malattie fungine causate dal terreno umido. Metti la pianta di aloe in un posto con luce indiretta brillante mentre si riprende.

Come capire se una pianta di Aloe ha bisogno di più acqua

Se una pianta di aloe viene trascurata troppo, l’aloe si restringe di dimensioni con le foglie che diventano più sottili e si arricciano verso l’interno. Anche le foglie diventano marroni se sono gravemente a corto d’acqua.

Le piante di aloe sono originarie delle regioni aride e aride con terreno ben drenante e piogge rare.

Sebbene le piante di aloe non abbiano bisogno di essere annaffiate con la stessa frequenza della maggior parte delle piante d’appartamento, dovrebbero comunque sempre essere annaffiate con un abbondante ammollo.

Un errore comune con le piante di aloe è interpretare erroneamente il consiglio che le piante grasse non hanno bisogno di molta acqua, cioè si traduce nell’idea sbagliata che dovrebbero essere annaffiate solo con qualche goccia d’acqua.

Se innaffi il terreno troppo leggermente, solo la superficie del terreno diventa umida e l’acqua non si infiltra nel terriccio e non raggiunge le radici dell’aloe dove ce n’è bisogno.

Il primo segno di una pianta di aloe che ha bisogno d’acqua è che le foglie diventano più sottili man mano che l’aloe attinge proprio da queste.

Fortunatamente questa capacità di immagazzinare acqua fa parte della strategia di sopravvivenza dell’aloe per far fronte alle condizioni calde e secche del suo ambiente nativo. Pertanto l’aloe di solito sopporta bene l’essere sott’acqua e si riprende abbastanza rapidamente.

Come salvare l’Aloe se non hai innaffiato abbastanza

Per salvare una pianta di aloe a corto d’acqua, banalmente, devi innaffiare!

Innaffia con il metodo dell’immersione, metti l’aloe in una bacinella d’acqua per circa 10 minuti, assicurandoti che il terreno e la zolla siano sommersi.

Questo è il modo migliore per annaffiare una pianta di aloe molto secca in quanto consente al terriccio di assorbire correttamente e raggiungere le radici.

Il rischio con un’aloe secca da molto tempo è che il terriccio diventa idrofobo (cioè respinge l’acqua) che fa sì che l’acqua fuoriesca dal vaso senza essere correttamente assorbita.

Una volta che la pianta di aloe si è ben inumidita nella bacinella, fai scorrere l’acqua in eccesso e riponila al suo posto. Non innaffiare di nuovo l’aloe fino a quando il terriccio non è asciutto, per evitare di annaffiare eccessivamente.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.