Come innaffiare le orchidee Cymbidium

I Cymbidium sono una varietà di orchidea diversa dalla phalaenopsis che è per noi più comune.

Crescono all’aperto per la maggior parte dell’anno, mentre quasi tutte le altre orchidee preferiscono stare all’interno.

Sono molto facili da curare, ma una cosa confonde la maggior parte dei nuovi coltivatori di Cymbidium: come si annaffiano?

Poiché i Cymbidium vengono coltivati ​​all’aperto, dovranno essere annaffiati più spesso perché il terreno si asciuga prima.

Ma scopriamo insieme come innaffiare le orchidee Cymbidium!

Di quanta acqua hanno bisogno i Cymbidium

Alle orchidee cymbidium piace avere il terriccio un po’ umido, ma mai inzuppato.

È un equilibrio che devi mantenere con cura ma è facile sbagliare. Però considera che i cymbidium preferiscono più acqua di quella che dai normalmente alla tua Phalaenopsis.

Quindi, se innaffi la tua phalaenopsis una volta ogni dieci giorni, ad esempio, cerca di innaffiare il Cymbidium una volta ogni tre giorni o due volte a settimana.

Ovviamente questa è una indicazione generale. Tutto dipenderà da dove vivi, cosa c’è nel tuo terriccio, in quanto tempo l’acqua scorre via dal vaso e così via.

Un metodo che funziona bene per vedere se il terriccio è umido ma non inzuppato è inserire uno spiedino di legno al centro del vaso: tienilo inserito per cinque minuti, quindi estrailo.

Se la parte superiore del terreno è bagnata, te ne accorgerai dal bastoncino. L’obiettivo è che il vaso sia per metà asciutto e per metà umido.

Un altro metodo consiste nell’inserire il dito nel vaso: la superficie dovrebbe essere asciutta. Ad un paio di centimetri dalla parte superiore, il tuo dito dovrebbe iniziare a sentire l’umidità.

Quando innaffiare

Innaffia il cymbidium al mattino, finché l’acqua non fuoriesce dal fondo del vaso. Assicurati di ruotare il vaso, così tutti i lati del terriccio riceveranno acqua.

Il periodo di crescita dei Cymbidium sarà durante la primavera, l’estate e l’autunno. In inverno fioriscono, ma nella maggior parte dei climi dovranno essere portati dentro.

Durante la crescita avranno bisogno della massima quantità di acqua possibile, soprattutto durante la primavera e l’estate.

Assicurati che durante i mesi estivi più caldi ricevano più acqua, anche più dell’autunno e della primavera.

In autunno, puoi ridurre le annaffiature. Durante l’inverno, quando li porti in casa, puoi annaffiare di meno.

Le foglie possono bagnarsi?

La risposta è sì, le foglie di Cymbidium possono bagnarsi, più delle foglie di Phalaenopsis.

Se arriva dell’acqua sulle foglie quando innaffi il terreno, non è un problema poiché questo aiuterà anche ad aumentare l’umidità generale.

Fai solo attenzione a non innaffiare direttamente le foglie, poiché ciò causa problemi.

Un altro motivo per vaporizzare le foglie di Cymbidium con acqua è abbassare la loro temperatura durante la notte.

Se la tua orchidea si trova in un luogo dove le temperature sono alte, il calore accumulato rimane intrappolato all’interno delle foglie e potrebbero non raffreddarsi adeguatamente di notte.

Tocca le foglie di sera, se le senti calde o tiepide, nebulizzale di nuovo finché non sono fredde. Fallo solo all’inizio dell’autunno per indurre la produzione di steli di fiori.

Che succede se innaffio troppo

Se innaffi troppo la tua orchidea cymbidium, potresti far morire la tua pianta.

Se dai troppa acqua tutta in una volta (o se lasci acqua stagnante nel coprivaso) fai in modo che il terriccio in vaso non riesca ad asciugarsi tra un’annaffiatura e l’altra.

Questo provoca un lungo processo che porta alla decomposizione delle radici.

Quando innaffi, assicurati che tutta l’acqua in eccesso sia scivolata via dai fori di drenaggio del vaso. Così eviterai di far marcire le radici.

C’è una regola generale?

Una regola generale che spesso puoi leggere per la maggior parte dei cymbidium, è dare acqua una volta alla settimana.

Ma questa informazione è sbagliata e fuorviante.

Dovrai testare il tuo ambiente, poiché ogni zona è diversa. Anche il luogo in cui metti la tua orchidea influisce sull’annaffiatura.

Perché se vivi in un luogo caldo, il terreno si asciugherà prima e dovrai innaffiare più spesso, al contrario se vivi in una zona fresca e umida ci vorrà più tempo perché la maggior parte del terriccio si asciughi e dovrai innaffiare meno spesso.

Quindi, è quasi impossibile stabilire una regola generale e rispettarla.

Scegli un metodo che funzioni per te e rispettalo. Osserva sempre le radici e le foglie, perché saranno le prime ad indicare se la routine che hai scelto è giusta o no.

Posso usare i cubetti di ghiaccio per annaffiare?

No! Non usare mai cubetti di ghiaccio per innaffiare un’orchidea, qualsiasi orchidea.

Innanzitutto, i cubetti di ghiaccio sono disponibili in varie forme e dimensioni. I miei cubetti di ghiaccio potrebbero essere enormi, mentre altri cubetti di ghiaccio potrebbero essere piccoli.

Quindi come faccio a capire quanta acqua sono esattamente tre cubetti di ghiaccio?

In secondo luogo, i cubetti di ghiaccio inumidiscono solo l’area su cui si trovano. L’acqua non raggiunge la maggior parte del vaso e le radici si disidratano.

Per annaffiare bene, è necessario innaffiare tutti i lati del terriccio.

In più, l’acqua è fredda: lo shock termico non fa mai bene alle radici. L’acqua dovrebbe essere a temperatura ambiente.

Il freddo danneggerà parte del tessuto delle radici, anche se non tutto.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.