Come curare una mini orchidea

Le mini orchidee, come le orchidee di dimensioni normali, sono disponibili in una varietà di colori diversi.

Poiché le mini orchidee sono più piccole di quelle a grandezza naturale, spesso hanno anche fiori più piccoli, nonostante questi fiori abbiano lo stesso colore intenso dei fiori delle orchidee più grandi.

La maggior parte delle mini orchidee fiorirà per diversi mesi purché siano curate nel modo giusto: il tempo di fioritura può variare a seconda della salute dell’orchidea e dalla specie.

Scopriamo insieme come curare una mini orchidea!

Di quanta acqua ha bisogno

Le orchidee dovrebbero essere innaffiate una volta ogni 1 o 2 settimane, se necessario.

Ma le annaffiature variano molto dalla temperatura, dall’umidità, dalla circolazione dell’aria e dai livelli di luce della casa.

Come le orchidee più grandi, le mini orchidee possono essere lasciate asciugare leggermente tra un’annaffiatura e l’altra senza problemi.

Per capire se la tua orchidea ha bisogno di acqua, dovrai controllare le radici: quando le radici sono bianche o grigie, è tempo di innaffiare.

Dopo aver innaffiato, noterai che le radici diventeranno di nuovo verdi.

Le orchidee amano essere innaffiate per immersione. Immergi la tua mini pianta in acqua per circa 15 minuti e poi scolala bene finché tutta l’acqua in eccesso non sarà fuoriuscita.

Non lasciare mai che l’acqua si accumuli nel vaso, poiché ciò può contribuire a problemi che vanno dalla crescita di muffe e marciume radicale, all’attrazione di parassiti.

Concime

Non è necessario concimare la tua mini orchidea durante il periodo di crescita attiva e fioritura, di solito, da aprile a settembre, in quanto ciò potrebbe compromettere il ciclo di crescita o addirittura stressare la pianta.

Durante gli altri periodi, puoi nutrirla due volte al mese con un fertilizzante per orchidee diluito in acqua. Se non trovi il concime specifico per orchidee puoi utilizzare un comune fertilizzante bilanciato.

Luce giusta

Alle mini orchidee piace avere una luce indiretta che varia da media a intensa. Tieni d’occhio la tua pianta per vedere come reagisce a vari tipi di luce e spostala di conseguenza.

La luce solare diretta può bruciare le foglie e portare alla caduta dei boccioli. Se necessario, utilizza le tende per proteggere la pianta dalla luce solare diretta, soprattutto da maggio a settembre.

Controlla regolarmente le foglie della tua mini orchidea: se le foglie diventano gialle, una delle cause potrebbe essere la luce solare troppo forte.

In questo caso, sposta la tua orchidea in una zona meno soleggiata. Ma attenzione: se la pianta non riceve abbastanza luce, le foglie si abbasseranno e diventeranno verde molto scuro.

Temperatura e umidità

Mantieni la tua mini orchidea a temperature moderate. Durante il giorno, non dovrebbe stare ad una temperatura più bassa di circa 20° C e non più alta di 25° C.

Evita di posizionare la tua mini orchidea in un’area in cui potrebbe essere soggetta a correnti d’aria, poiché ciò potrebbe causare la caduta dei fiori o dei boccioli dei fiori.

Le orchidee crescono in ambienti ad alta umidità: considera di mettere la tua pianta in bagno o in cucina, le stanze più umide della casa.

Consigli per il rinvaso

Come ogni pianta da interno, le mini orchidee devono essere rinvasate di tanto in tanto.

Il rinvaso di una pianta consente alle radici di avere più spazio per crescere e aiuta a ridurre le possibilità di marciume radicale e altri problemi.

Dovresti rinvasare la tua orchidea ogni due anni circa: metti una miscela fresca di pezzi di corteccia (o bark).

E in inverno?

In inverno, le mini orchidee sono solitamente fuori dal loro periodo di crescita attiva, il che significa che non fioriranno, avranno bisogno di meno acqua e non dovranno essere concimate.

Durante la stagione fredda, dovrai mettere la tua mini orchidea in un luogo dove riceverà molta luce solare indiretta.

Questo aiuterà la pianta a prepararsi a rifiorire una volta che la temperatura sarà di nuovo salita.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Fermamente convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Di cosa parlo? Delle piante, ovviamente.