Piante aeree: come si innaffiano?

Le piante aeree fanno parte del genere tillandsia, sono un tipo unico di pianta che non richiede terreno per crescere.

Al contrario, queste piante assorbono l’umidità dall’aria attraverso speciali strutture simili a capelli chiamate tricomi sulle loro foglie.

Le piante aeree sono epifite (come le orchidee), il che significa che in natura crescono su altre piante.

Invece di usare le loro radici per assorbire acqua e sostanze nutritive dal suolo come la maggior parte delle piante, le piante aeree usano le loro radici per attaccarsi agli alberi.

Poiché la tua casa è probabilmente molto meno umida del loro ambiente nativo, hanno comunque bisogno di essere annaffiate di tanto in tanto.

Esistono diversi metodi che vengono spesso utilizzati per annaffiare queste piante, tra cui la nebulizzazione o l’immersione.

Scopriamo insieme come si innaffiano le piante aeree!

In che modo assorbono l’acqua senza terreno?

A differenza della maggior parte delle piante, le piante aeree non usano le loro radici per assorbire acqua e sostanze nutritive.

Queste piante si sono evolute per crescere su altre piante nella foresta pluviale, piuttosto che nel terreno.

Per questo motivo, si sono adattate ad usare le loro radici per ancorarsi alle piante ospiti. Poiché non usano le loro radici per nutrirsi, non sarà un danno per la pianta decidere di tagliare le radici per motivi estetici.

Poiché le loro radici non hanno più la funzione di assorbire acqua e sostanze nutritive dal suolo, hanno evoluto cellule specializzate nelle loro foglie per assorbire acqua e sostanze nutritive dall’aria umida che le circonda.

Questi organi argentei simili a peluria sulle loro foglie sono chiamati tricomi e hanno lo stesso scopo delle radici in altre piante.

Che tipo di acqua usare

Le piante aeree preferiscono l’acqua piovana o l’acqua del rubinetto filtrata.

Non dovresti usare acqua distillata perché manca di minerali di cui le piante aeree hanno bisogno.

Dovresti anche evitare di usare acqua di rubinetto non filtrata, perché il cloro in essa contenuto può danneggiare le piante.

Se non hai un filtro per l’acqua, lascia riposare l’acqua per 24 ore prima di usarla per innaffiare le tue piante aeree.

Metodi per annaffiare le piante aeree

Qui di seguito sono elencati i tre metodi più comuni per innaffiare le tue piante aeree nel modo giusto, evitando di fare errori che potrebbero farle morire.

Nebulizza le piante

Anche se non dovresti fare affidamento solo sulla nebulizzazione per innaffiare le tue piante aeree, puoi sempre utilizzare questo metodo tra un’annaffiatura per immersione e l’altra.

Usa un flacone pieno di acqua filtrata o acqua piovana per spruzzare leggermente le foglie della pianta aerea.

Cerca di non far entrare troppa acqua negli spazi tra le foglie alla base della pianta, poiché l’umidità intrappolata potrebbe eventualmente portare al marciume, facendo cadere a pezzi la tua pianta.

Nebulizza la tua pianta ogni 2-3 giorni, a seconda di quanto secca o umida è l’aria nella tua casa.

A meno che tu non viva in un ambiente molto umido simile alla foresta pluviale, non dovresti fare affidamento esclusivamente sulla nebulizzazione per innaffiare la tua pianta aerea.

Ha bisogno di essere completamente immersa di tanto in tanto per soddisfare le sue esigenze di annaffiatura.

Annaffiatura per immersione

L’immersione è il metodo migliore per annaffiare le piante aeree per assicurarsi che rimangano adeguatamente idratate.

Per fare ciò, è sufficiente riempire una ciotola con acqua di rubinetto filtrata a temperatura ambiente o acqua piovana raccolta.

Usa una ciotola abbastanza profonda da riempire con acqua a sufficienza per immergere completamente la tua pianta.

Il tempo necessario per lasciare in ammollo le tue piante aeree dipende da quanto è umida la tua casa.

Se l’ambiente in cui le coltivi è già di per sé molto umido, potresti dover immergere le tue piante aeree solo per circa 20-30 minuti.

Se è molto secco, potrebbe essere necessario immergere le piante fino a 1-2 ore.

Bagna la pianta

Se sei di fretta e non hai il tempo di immergere adeguatamente la tua pianta aerea, va bene inzupparla rapidamente nell’acqua di tanto in tanto (a patto che a volte lo lasci in ammollo).

Ci sono un paio di opzioni facili e veloci per bagnare le tue piante aeree per un’annaffiatura rapida.

La prima opzione è quella di tenere la pianta capovolta sotto il rubinetto del lavandino.

Usa questa opzione solo se hai un filtro dell’acqua collegato, poiché il cloro può danneggiare le piante aeree.

Basta tenerlo sotto l’acqua corrente per alcuni secondi per dare una rapida irrigazione.

Se la tua pianta aerea è incollata su qualcosa, come un pezzo di legno galleggiante (una composizione di piante aeree comunemente venduta), potresti dover utilizzare questo metodo esclusivamente (o nebulizzazione, a seconda della disposizione) se la composizione non può essere completamente sommersa.

L’altra opzione rapida è immergere la pianta rapidamente in una ciotola d’acqua, proprio come faresti se dovessi innaffiare per immersione.

L’unica differenza è che la tieni sott’acqua per qualche secondo, poi la metti da parte capovolto ad asciugare.

Problemi ed errori

Anche se segui le istruzioni sull’annaffiatura corretta delle piante aeree potresti incappare in alcuni errori comuni o la pianta potrebbe presentare alcuni problemi.

Vediamo insieme di cosa si tratta!

Dopo l’annaffiatura

Una volta che le tue piante aeree sono state adeguatamente annaffiate, è di vitale importanza che si asciughino completamente.

Metti le tue piante appena annaffiate capovolte ad asciugare in un’area che ha un buon flusso d’aria.

Lasciarle asciugare a testa in giù assicura che l’umidità non rimanga intrappolata alla base delle foglie.

L’acqua intrappolata ala base può causare la putrefazione e la morte della pianta, quindi è molto importante che la pianta si asciughi completamente prima di essere riportata in una posizione normale.

Lascia asciugare la pianta aerea per 4-8 ore o finché non è completamente asciutta.

Errori comuni di irrigazione

È un malinteso comune che le piante ad aria ottengano tutta l’acqua di cui hanno bisogno dall’umidità dell’aria circostante, quindi molti nuovi coltivatori non danno alle piante acqua aggiuntiva.

Poiché l’aria nella maggior parte delle nostre case è molto più secca rispetto all’habitat naturale in cui si trovano piante aeree in natura, queste hanno bisogno di un po’ di acqua in più.

Dall’altra parte, anche altri proprietari di piante d’aria credono erroneamente che le piante d’aria debbano essere costantemente mantenute umide posizionandole su una miscela umida, come il muschio di sfagno umido in un terrario.

In questo modo ci sarà troppa umidità che porterà rapidamente le piante a marcire. Le piante aeree crescono meglio se coltivate su superfici asciutte, come sopra una conchiglia o su rocce e annaffiate regolarmente, ma lasciate asciugare completamente tra un’annaffiatura e l’altra.

Problemi comuni di irrigazione

La mancanza di acqua e l’eccesso di acqua possono far sì che le piante aeree mostrino segni di sofferenza e diventino malate.

Una pianta aerea assetata può mostrare punte marroni che potrebbero persino sembrare secche al tatto.

Le foglie di una pianta aerea assetata possono anche mostrare una forma concava o arricciata più pronunciata del solito.

Se la tua pianta aerea mostra questi segni, bagnala immediatamente.

Una pianta aerea troppo innaffiata è molto più difficile da riparare. Se una pianta aerea è troppo annaffiata, potrebbe iniziare a diventare marrone o addirittura nera alla base e iniziare a diventare molle con le foglie inferiori che iniziano a cadere.

Ciò significa che la pianta ha iniziato a marcire. Questo accade spesso quando le piante aeree non riescono asciugarsi completamente dopo essere state annaffiate o vengono lasciate nell’acqua troppo a lungo.

Se è ancora nelle primissime fasi e non è completamente malata, potresti essere ancora in grado di salvarla.

Rimuovi le foglie inzuppate che hanno iniziato a staccarsi e assicurati che la pianta aerea si trovi in ​​un luogo asciutto con un flusso d’aria buono.

Se la sua posizione attuale ha un flusso d’aria limitato, come in un terrario, è sufficiente rimuovere la pianta dal terrario e spostarla in uno spazio più ventilato.

Se la pianta è già completamente andata in pezzi, è una causa persa. Assicurati di seguire le istruzioni di irrigazione corrette per la tua prossima pianta aerea.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.