Se vuoi piantare più Ciclamini nella stessa Fioriera tieni d’occhio questi 3 Fattori essenziali

Il ciclamino viene sempre esposto nei vivai nel singolo vaso in terracotta, ciascuno nel proprio vaso.

È possibile posizionare più ciclamini nella stessa fioriera o c’è qualcosa che lo impedisce?

Di sicuro anche il ciclamino può essere coltivato insieme ad altri suoi stessi esemplari, in vasi più grossi o in fioriere da balcone capienti.

L’importante è prestare attenzione a questi pochi accorgimenti così da non arrecare danno alla pianta e fare in modo che crescano sani per fare sfoggio delle luminose fioriture.

Vediamo insieme come fare per piantare più ciclamini nella stessa fioriera.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Scegli la giusta fioriera

La prima cosa da fare è senz’altro la scelta della fioriera. Devi necessariamente scegliere una fioriera che possa contenere e dare il giusto spazio a più ciclamini insieme.

Caratteristiche

Il ciclamino non ha particolari pretese rispetto alla qualità del vaso e quindi dei materiali di cui è composto. Anche una fioriera in plastica può andare bene.

Tuttavia, se ne hai la possibilità, prediligi una fioriera in terracotta: questo materiale è poroso ed è in grado di trattenere l’umidità all’occorrenza e di isolare il terriccio dall’esterno meglio di quanto faccia la plastica.

Assicurati che la fioriera abbia i fori di scolo sul fondo per permetter all’acqua in eccesso delle innaffiature di uscire e non causare ristagni dannosi per le radici.

Come posizionare i Ciclamini

In base all’apparato radicale dei ciclamini scelti, devi calcolare almeno 5 cm di distanza tra le piante. In questo modo eviterai un sovraffollamento, impedendo che le foglie si facciano ombra le une con le altre e che l’apparato radicale possa avere lo spazio per crescere.

Assicurati che vi siano almeno 3 cm di spazio dal bordo del vaso così che l’apparato radicale non abbia un contatto diretto con le pareti della fioriera.

Scegli Ciclamini sani

Assicurati di scegliere piante di ciclamino da metter insieme che siano sane. Questo ti garantirà non solo una lunga durata della pianta ma eviterà che una possibile pianta malata possa far ammalare anche quella prossima nello stesso vaso.

Attenzione ai parassiti

Potrebbero trasmettersi anche parassiti, essendo le chiome fogliari così vicine.

A tal proposito, prima di piantare più ciclamini nello stesso vaso dai un’occhiata alle foglie, soprattutto sul lato inferiore poiché è lì che si annidano spesso i parassiti.

Le foglie carnose del ciclamino possono essere vittime di cocciniglia o parassiti rosicchiatori come bruchi versi, limacce, ragnetti rossi.

Attenzione alle infezioni

Potrebbero trasmettersi infezioni fungine condividendo lo stesso terriccio, la tessa acqua, e la stessa umidità circostante.

Nel metterli a dimora, approfitta per controllare lo stato delle radici. Scrolla il terriccio e ripulisci l’apparato radicale da eventuali radici marce. Potrai riconoscerle dal loro aspetto annerito e maleodorante. Con cesoie ben disinfettate potale via.

Fai caso alla presenza di muffa, patina bianca o qualsiasi segnale che possa far pensare ad anomalie provocate da infezioni fungine.

Serviti di un fungicida prima del rinvaso, con il quale nebulizzare l’apparato radicale così da prevenire eventuali infezioni e quindi contaminazioni di tutti i ciclamini nello stesso vaso.

Terriccio ancora più drenante

Anche se il vaso è della dimensione giusta per ospitare più ciclamini, senza parlare di sovraffollamento, è comunque uno spazio condiviso ed è opportuno rendere la miscela di terriccio utilizzata ancora più drenante.

Serviti di tanta perlite da mescolare al terriccio durante il rinvaso e assicurati di non ammassare il terriccio sulla superficie o l’acqua faticherà a scendere.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.