I Segreti dei vivaisti per proteggere i tuoi Gerani da questi parassiti!

I gerani sono i protagonisti dei nostri balconi come poche altre piante fiorite. La semplice cura che dedichi ai gerani però, non basta.

Potresti notare alcuni parassiti che attaccano la pianta: potresti trovarne sui fiori, sulle foglie o addirittura all’interno degli steli, ma cosa si fa in questi casi?

La maggior parte di questi parassiti sono facili da riconoscere e controllare, ma alcuni potrebbero essere più problematici.

Vediamo insieme quali metodi puoi adottare per proteggere i gerani da questi parassiti!

Afidi

Gli afidi, a volte indicati come pidocchi delle piante, possono attaccare anche i gerani.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questi piccoli insetti hanno un apparato boccale succhiante e attingono al sistema vascolare della pianta, aspirando i nutrienti di cui hanno bisogno.

Tendono a trovarsi sul tessuto più giovane e succulento (steli e foglie in crescita attiva compresi i fiori).

Il tasso di riproduzione dell’afide può essere alto, considera che è più alto se ci sono temperature più elevate, quindi dovresti essere vigile e controllare spesso la pianta.

La loro presenza crea una patina appiccicosa chiamata melata che fornisce una base e fonte di cibo per i funghi ed è all’origine di depositi neri (chiamati fuliggine) sulle foglie delle piante.

Un semplice metodo di controllo per gli afidi è spruzzare la pianta con una soluzione di sapone diluita: 1 cucchiaio di sapone/detergente in 1 litro di acqua.

Cocciniglie

Le cocciniglie sono piccoli insetti bianchi striscianti ricoperti da una massa cotonosa che secernono per proteggersi.

Inoltre, succhiano gli insetti e si comportano meglio dove i tessuti sono morbidi. Sono più comuni dove il gambo e la foglia si uniscono e assomigliano a piccoli ciuffi di cotone.

Possono essere eliminati manualmente con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol.

Mosche bianche

Le mosche bianche sono anch’esse piccoli insetti con apparato boccale succhiante.

Vivono sulla pagina inferiore delle foglie e sono di colore biancastro come suggerisce il nome.

Le mosche bianche sono più fastidiose sui gerani regali e prosperano in zone umide con poco vento.

Usa delle comuni trappole gialle per ridurne la diffusione e limitare i danni alla pianta di geranio.

Farfalle dei Gerani

I bruchi che poi diventano farfalle sono parassiti definiti propriamente del geranio perché attaccano quasi solo i gerani zonali.

Il verme attacca steli, fiori e giovani germogli. Più comunemente, entrano nello stelo scavandone il contenuto e rendendolo cavo.

Se esamini attentamente le piante di gerani troverai un piccolo foro che indica la presenza (o precedente presenza) del minuscolo bruco.

Una miscela organica, specifico per i bruchi (contiene un batterio denominato BT o Bacillus thuringiensis) li eliminerà ma non danneggerà animali domestici.

Prevenzione

Vari prodotti possono essere utilizzati per controllare alcuni di questi parassiti.

Verifica sempre prima con esperti agricoli o vivaisti per consigli specifici

L’olio di neem, un estratto naturale di un albero tropicale, controlla molti problemi tra cui afidi, cocciniglie e ruggine.

Un controllo efficace può richiedere applicazioni ripetute della miscela che va vaporizzata sulla pianta di geranio.

Oltre a ciò, se puoi, usa metodi meccanici (eliminare manualmente i parassiti). Se poi l’infestazione è grave ed è necessario utilizzare una miscela chimica, utilizza il tipo più specifico disponibile (quello che attacca solo il parassita che sta causando un problema).

Di nuovo, prima di agire consulta sempre esperti o maestri giardinieri e segui le loro indicazioni.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.