3 Regole fondamentali per prelevare una Talea di Pothos che radicherà con successo

Il pothos è indiscutibilmente la pianta d’appartamento più coltivata nelle nostre case. Ma appena inizi con una sola pianta è facile che tu sia preso dall’irrefrenabile voglia di riempire tutta la casa di foglie verdi a forma di cuore.

Se non vuoi prenderne di nuove in vivaio, moltiplicare una pianta di pothos è molto semplice.

Ma anche se è facile propagare una talea di pothos, puoi incorrere in alcuni errori che compromettono la riuscita della radicazione.

Vediamo allora insieme 3 regole fondamentali per prelevare una talea di pothos destinata a crescere con successo!

Taglia la talea di Pothos nel punto giusto

Se vuoi davvero massimizzare il successo delle tue talee di pothos, è bene che tagliare nel punto giusto.

Una talea senza nodi non radicherà, dunque una singola talea deve avere almeno un nodo.

Un nodo è il punto in cui lo stelo principale incontra il ramo secondario o la foglia, dove cioè si forma una ramificazione.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Inoltre, sullo stelo del pothos noterai delle piccole protuberanze marroni, non sono altro che piccoli germogli di radici aeree la cui crescita si attiva quando la pianta deve arrampicarsi su una superficie.

Dunque una talea che avrà successo deve comprendere nel taglio il nodo e le protuberanze sullo stelo.

Poiché le radici per attivarsi devono essere a contatto con una superficie o un mezzo di coltivazione, devi considerare che va messa in terreno o in acqua la sezione in cui sono presenti le protuberanze.

Puoi fare talee più lunghe con viti con più foglie e nodi, e non c’è niente di sbagliato in questo.

Ma prendendo talee a nodo singolo, massimizzerai il numero di piante risultanti poiché ogni nodo propagato produrrà una nuova pianta.

Pianta la talea direttamente nel terreno

Anche se è diffusissima la moltiplicazione in acqua, ci sono pro e contro per l’utilizzo di questo metodo.

Se tagli una talea e la metti in acqua, le radici si svilupperanno in modo da resistere quel tipo di ambiente e quando la sposti in terreno non sempre sopravvive.

Poiché il pothos cresce subito anche senza il passaggio in acqua, ti consiglio di mettere la talea direttamente nel terreno e di mantenere il terriccio umido e mai zuppo finché la talea non è consolidata.

Scegli un luogo caldo e luminoso

Una talea per crescere bene ha bisogno di un ambiente mite e con luce solare sufficiente da permetterne la crescita.

Più luce riceve e più velocemente la crescita delle radici viene incentivata.

In più, poiché la talea non ha i mezzi per affrontare temperature troppo basse, è meglio tenerla in casa poiché le temperature sono più miti.

Non mettere la nuova piantina al buio se vuoi che cresca in modo sano e veloce.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.