Se i fiori dell’Orchidea cadono appena sbocciati ecco i motivi e come risolvere

Le orchidee perdono i loro fiori dopo che la stagione della fioritura è finita. Accade che, per limitare la perdita di nutrienti preziosi e per entrare nel periodo dormiente, l’orchidea lasci andare i fiori.

Questo accade in modo coerente con quella che è la sua natura.

Tuttavia, può accadere che la tua orchidea perda i fiori già sbocciati troppo in fretta. Questo è altrettanto naturale? O c’è qualcosa che non va?

Vediamo insieme quali possono essere i motivi per la caduta anticipata dei fiori dalla tua orchidea.

Quanto dura una fioritura?

I fiori di orchidea hanno un’evoluzione che può durare dalle 6 alle 8 settimane. Alcune specie anche alcuni mesi.

Quando l’orchidea è sana e cresce bene i fiori nascono durante la stagione di fioritura e restano sulla pianta quasi per tutta la stagione.

Ad un certo punto, dopo diverse settimane, il fiore perde di tono e freschezza e cade.

Motivi innaturali per la perdita dei fiori

Se le esigenze di luce e di acqua sono adeguatamente soddisfatte e la caduta dei fiori avviene prima del previsto, ad esempio subito dopo sbocciati, allora potrebbe esserci un problema.

Trauma da ambiente

Quando la tua orchidea è esposta ad un ambiente traumatico, può perdere le sue fioriture per preservarsi in un tentativo di sopravvivenza.

I traumi ambientali includono improvvisi sbalzi di temperatura, stagioni secche e irrigazione insufficiente delle radici.

Troppa acqua

Se dai troppa acqua alla tua orchidea, questa non sarà in grado di assorbire i nutrienti dal terreno necessari per garantire che le fioriture rimangano sane.

Le radici saranno immerse in un terriccio zuppo, tenderanno a marcire, e la prima cosa di cui la pianta si libera per sopravvivere sono i fiori. Deve necessariamente preservare le sue energie.

Dare troppa acqua all’orchidea inoltre comporterà anche l’indebolimento dei delicati steli dei fiori: il peso dei fiori può farli cadere.

Poca acqua

Quando fornisci poca acqua all’orchidea, questa tenderà ad essere disidratata. I fiori, per primi, assumeranno un aspetto rugoso e appassiranno.

Di conseguenza gli steli dei fiori perderanno integrità, causando la caduta dei fiori.

Poca luce

Le orchidee sono sensibili alla luce, ma i fiori in particolare sono suscettibili alla scarsa illuminazione. I fiori si accartocciano facilmente e perdono colore quando non ricevono abbastanza luce.

In condizioni di scarsa illuminazione, il normale processo di fotosintesi che avviene nelle foglie non può sostenere le esigenze nutrizionali dei fiori.

Troppa luce

Quando c’è troppa luce, e per troppa luce intendiamo luce diretta o troppo calda, l’orchidea farà fatica a mantenere l’integrità cellulare. Questo potrebbe bruciare i fiori delicati, facendoli cadere.

In condizioni di forte luce, probabilmente la percentuale di umidità sarà molto bassa.

Questo potrebbe far soffrire l’orchidea, che manifesta il suo disagio per quell’ambiente perdendo come prima cosa i suoi fiori, la sua parte più bella, ma anche la parte più delicata.

Shock da rinvaso

Spesso, quando portiamo a casa la nostra orchidea non sappiamo se lasciarla nel suo vaso trasparente o darle nuova dimora. L’improvviso cambio di vaso, soprattutto se non fatto nel modo giusto, potrebbe creare qualche problema.

Per i primi tempi, se non vi sono esigenze radicali importanti, è fondamentale che l’orchidea resti nel suo vaso trasparente. Rispetta il suo periodo di fioritura: non è quello il momento adatto per il rinvaso.

All’inizio della primavera, dopo il suo periodo dormiente, potrebbe essere il momento giusto, se necessario, per darle nuova dimora.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.