Se i frutti del Limone sono attaccati da Parassiti identificali così

Una pianta di limone è preziosa per i suoi frutti, più che per il suo potere ornamentale in giardino.

Tuttavia, quando ti accorgi che proprio i frutti vengono presi di mira dai parassiti, potrebbe essere un problema.

Il primo passo è identificare i parassiti per poi agire il prima possibile, per evitare ulteriori danni.

Vediamo allora come identificare i parassiti che hanno attaccato il tuo albero di limone!

Afidi

Gli afidi sono piccoli insetti e quasi tutti gli individui sono femmine che depongono uova. Per questo motivo, le popolazioni di afidi possono crescere rapidamente e causare gravi danni.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

I focolai di afidi amano particolarmente la nuova crescita succulenta di una pianta. Gli afidi attaccano l’albero succhiando la linfa dalle foglie.

Un albero di agrumi colpito formerà rapidamente foglie arricciate, foglie ingiallite, colonie di afidi e la relativa melata diventerà visibile.

Questo può attirare le formiche e la muffa fuligginosa. Alla fine, le foglie moriranno e i ramoscelli marciranno e cadranno.

Gli afidi possono essere controllati utilizzando insetticidi e sapone insetticida sulle aree infette e trattando sia la parte superiore che quella inferiore delle foglie e tutti i rami e i ramoscelli.

Mosca bianca degli agrumi

La mosca bianca degli agrumi (Dialeurodes citri) è una piccola mosca che sfrutta la crescita del nuovo fogliame degli alberi di limone per lo sviluppo e la riproduzione.

Le mosche bianche degli agrumi si nutrono della parte inferiore delle foglie degli alberi di limone e prenderanno il volo in sciami quando il ramo infetto viene disturbato.

Le larve di mosca bianca creano melata quando succhiano la linfa dalle foglie, che a sua volta crea fuliggine e attira altri insetti.

Diverse colonie di mosche bianche possono riprodursi in una singola stagione di crescita.

Pertanto, spruzzare soluzioni di insetticida per controllare le mosche bianche giovani che ancora trovi intorno all’albero è il mezzo più efficace per trattare gli alberi di agrumi infetti.

Tripidi di agrumi

Quando un albero è infetto dai tripidi degli agrumi, il segno più visibile dell’infestazione sono le foglie arricciate, chiuse o avvizzite.

I tripidi degli agrumi sono minuscoli insetti arancioni, gialli o addirittura neri che possono attaccare gli alberi di qualsiasi età.

I tripidi attaccano le foglie giovani e i nuovi frutti e si nutrono della linfa degli agrumi.

Gli adulti Citrus Thrips depongono le uova in autunno e gli insetti giovani si schiudono in primavera.

Per controllare i tripidi degli agrumi spruzza sull’albero uno spray a base di acqua e sapone molle da bucato. Potrebbero essere necessarie applicazioni spray ripetute ogni due settimane.

Mantieni l’albero ben irrigato e adeguatamente concimato, perché un albero sano è meno suscettibile, anche se non immune, ai tripidi.

Lumache

Le lumache mangeranno foglie, bucce dei frutti e, talvolta, la corteccia degli agrumi.

Le lumache possono essere individuate ad occhio nudo o individuando il danno creato mentre si nutrono.

Usano le foglie sul terreno come terreno fertile e come nascondiglio. Pertanto, per controllare le lumache, è importante rimuovere le foglie e i frutti caduti intorno e sotto gli alberi.

Inoltre, è una buona idea potare tutti i rami bassi che possono toccare il suolo, per impedire alle lumache di accedere facilmente sugli alberi di agrumi.

Acari degli agrumi

L’acaro degli agrumi è un minuscolo insetto allungato che attacca principalmente gli alberi di limoni situati nelle zone costiere.

I fiori di limone sono molto suscettibili perché l’acaro attacca il delicato fiore e i frutti, nutrendosi della linfa.

Per controllare gli acari degli agrumi spruzza l’albero con repellenti naturali o usa insetticidi sistemici formulati.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.