Perché la mia Fittonia è afflosciata?

La Fittonia è una piccola pianta con foglie molto particolari e con colori bizzarri.

Anche se è una pianta forte, ha bisogno delle cure giuste altrimenti inizia a fare i capricci. Può capitarti, infatti, di trovarla da un giorno all’altro completamente afflosciata e con le foglie ripiegate su se stesse.

Fortunatamente, la pianta è abbastanza resistente e di solito si riprenderà se risolvi rapidamente il problema.

Quindi, perché la tua Fittonia è improvvisamente afflosciata? Scopriamolo insieme!

Innaffia accuratamente

Ogni volta che la Fittonia si affloscia, è (quasi sempre) perché ha bisogno di acqua.

Anche se salti una sola annaffiatura, la pianta te lo farà sapere. Considera che, poiché è una pianta proveniente dalla foresta pluviale tropicale, la Fittonia ha bisogno di molta umidità.

L’umidità puoi fornirla mantenendo il terreno umido e aumentando l’umidità dell’ambiente in cui la pianta si trova, tutto ciò mantiene sane le sue belle foglie.

Di quanta acqua ha bisogno la Fittonia? Dipende dalle condizioni della tua casa. Ma di regola, controlla la tua pianta ogni giorno toccando la parte superiore del terreno.

Dovrebbe essere umido al tatto, ma non completamente zuppo. Se ti sembra anche leggermente asciutto, aggiungi altra acqua. Di nuovo, facendo attenzione a non esagerare.

Di solito puoi innaffiare ogni giorno o a giorni alterni durante i mesi estivi e due o tre volte a settimana durante l’inverno. Potrebbe essere necessario sperimentare con la tua pianta per vedere cosa funziona meglio per lei.

Le foglie ingiallite possono indicare che hai dato troppa acqua, quindi tieni gli occhi aperti.

Dopo aver innaffiato una Fittonia afflosciata e cadente, servirà qualche ora o anche tutta la notte per ritornare alla sua forma normale.

Se non si ravviva, passa ai paragrafi successivi.

Spostala dove c’è una luce diversa

Se l’annaffiatura da sola non risolve il problema della tua pianta, potresti aver scelto un luogo sbagliato in cui farla vivere.

La Fittonia è molto esigente riguardo la quantità di luce di cui ha bisogno. Non tollera il sole diretto o la scarsa illuminazione.

Per far felice la tua pianta, mettila vicino una finestra rivolta a est o ad ovest che riceva molta luce indiretta e brillante.

Se devi mettere la tua pianta vicino una finestra esposta a sud, spostala di qualche metro per proteggerla dal sole diretto o metti una tenda sulla finestra per filtrare la luce.

Se la Fittonia sta crescendo in una stanza poco illuminata, spostala in una stanza più luminosa oppure utilizza delle lampadine apposite usate per sostituire la luce del sole e dare più luce alla pianta.

Aumenta l’umidità

Essendo una pianta tropicale, la Fittonia ha bisogno di alti livelli di umidità. Se l’aria diventa troppo secca, le foglie possono abbassarsi.

Proprio perché ha bisogno di molta umidità, viene spesso coltivata in un terrario chiuso che ricrea il suo ambiente ideale.

La Fittonia è considerata difficile da coltivare proprio a causa di questo bisogno costante di umidità.

Se trattata come una normale pianta d’appartamento, la Fittonia tende a reagire male, soprattutto se l’aria è secca.

Puoi risolvere il problema dell’umidità con questi consigli:

  • Nebulizza quotidianamente con uno spray con acqua
  • Posiziona il vaso su un sottovaso pieno di argilla espansa e acqua, assicurandoti che il fondo della pentola si trovi sui ciottoli e non tocchi effettivamente l’acqua
  • Metti un umidificatore nella stanza

Se mantieni l’umidità alta e dai le giuste annaffiature, non sarà difficile mantenere la tua Fittonia in salute e bella.

Forse non è facile come coltivare una Sansevieria, ma nemmeno troppo difficile. Per lo più ha solo bisogno di molto amore e attenzione.

Alcuni consigli sull’annaffiatura

Ma come si annaffia correttamente la Fittonia? Applica acqua a temperatura ambiente direttamente sul terreno.

Per i migliori risultati, usa un annaffiatoio con un beccuccio lungo e stretto per arrivare sotto le foglie.

Assicurati che l’acqua non sia troppo calda o troppo fredda per evitare di dare uno shock alle radici.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.