7 Motivi per cui le Foglie del Ciclamino si stanno arricciando

Se hai notato che la tua bella pianta di ciclamino sta lentamente perdendo la sua energia mentre le sue foglie iniziano ad arricciarsi sei nel posto giusto.

Il ciclamino richiede solo una cura minima. Tuttavia, per mantenere la sua naturale freschezza ed evitare che le foglie di ciclamino si arriccino, ci sono alcune cose da considerare.

Il motivo principale per cui le foglie di ciclamino iniziano ad arricciarsi sotto è l’infestazione da parassiti del ciclamino.

Anche se ci sono altri motivi come l’annaffiatura scorretta, la mancanza di concime, lo stress termico e così via. Ci sono altri errori di cura che possono portare a questo problema.

Scopriamo insieme 7 motivi per cui le foglie del tuo ciclamino si stanno arricciando!

Non innaffi abbastanza

Uno dei motivi per cui le foglie del ciclamino si arricciano è la mancanza di irrigazione.

È ovvio per quasi tutte le piante che, quando sono a corto d’acqua, diventino secche, le foglie ingialliscano e col tempo appassiscano.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Quando innaffi il ciclamino assicurati che l’acqua raggiunga le radici della pianta, osserva finché non viene completamente assorbita.

Se il terreno risulta molto secco a tal punto che si stacca dai bordi del vaso, prova ad innaffiare per immersione riempiendo una bacinella e immergendo il vaso per 3/4.

Infestazione da parassiti

Il motivo più comune per cui le foglie del ciclamino si arricciano è per l’infestazione da parassiti.

Questi parassiti sono in genere acari e risultano quasi semitrasparenti, verdastri e sono lunghi circa 0,02 cm. Quindi sono troppo piccoli per essere notati ad occhio nudo.

Ma non sono gli unici insetti che comunemente danneggiano il ciclamino, puoi trovare anche:

Questi insetti apportano evidenti danni alla pianta. Di solito si nascondono sul retro delle foglie. Lentamente, il fogliame diventerà giallo mentre alla fine muore e cade.

Possiamo sbarazzarci di questi insetti che causano lo scolorimento e l’appassimento della pianta utilizzando sapone insetticida.

Un altro modo per rimuoverli è con un getto d’acqua ad alta pressione su entrambi i lati delle sue foglie poiché abbiamo detto prima che di solito si nascondono sul retro della pianta.

Puoi anche usare l’olio di Neem che è un bio-pesticida per la coltivazione biologica. Funziona molto bene, soprattutto con acari e afidi.

Mancanza di nutrienti

Quando una pianta di ciclamino manca di nutrimento, le sue foglie cresceranno piccole e fioriranno a fatica.

Pertanto, la salute della pianta sarà ridotta rendendo più facile l’appassimento, l’arricciamento e la caduta delle foglie.

Il principale responsabile dell’arricciamento delle foglie del ciclamino è la carenza di Potassio (indicato con K sulle etichette).

Nutri la pianta con un fertilizzante ad alto contenuto di K (potassio). Dai da mangiare al tuo ciclamino ogni 3-4 settimane.

Stress da temperatura

La temperatura migliore per il ciclamino è una temperatura fresca e questo è già un vantaggio per loro perché soffrono in un ambiente caldo.

Tuttavia, se posizionato vicino ad elettrodomestici che generano molto calore, il ciclamino può subire uno stress termico e fa arricciare le foglie.

La temperatura perfetta per le piante di ciclamino è di 14°C. Un altro modo è considerare sempre il luogo in cui tieni il tuo ciclamino.

Quando li metti vicino alla finestra, assicurati che non siano esposti al calore diretto appendendo una tenda sottile tra la finestra e il ciclamino.

Qualità dell’acqua

L’acqua aiuta la pianta a produrre nutrienti, a rimanere in salute e a rimanere in vita.

Ecco perché è importante considerare la qualità dell’acqua con cui si alimenta il ciclamino.

L’acqua contiene diverse sostanze, alcune possono dare una vita più sana alla pianta e altre possono peggiorare la salute della pianta.

Se vivi in ​​una città, è probabile che la tua acqua provenga da compagnie idriche che aggiungono cloro per eliminare possibili malattie e germi, parliamo ovviamente dell’acqua del rubinetto.

L’acqua del rubinetto di solito contiene cloro e sale che possono danneggiare il nostro ciclamino.

Il ciclamino non può prosperare quando è regolarmente innaffiato dall’acqua con del cloro poiché gli fa perdere la sua robustezza e lo fa arricciare.

D’altra parte, il sale in eccesso provoca un’ustione salina, dà secchezza alla pianta e foglie deformate.

Per quanto possibile, usa l’acqua piovana per la tua pianta e quando la nutri con l’acqua del rubinetto assicurati di distillarla prima per ammorbidire l’acqua.

Esposizione scorretta alla luce

Il fabbisogno di luce è importante quanto la qualità dell’acqua. La luce ha un ruolo importante nella fotosintesi, nella crescita e nella salute della pianta.

Senza un’adeguata esposizione alla luce, il tuo ciclamino può non crescere, sembrare malato, le foglie cadono, si arricciano e possono cadere.

Devi dare al tuo ciclamino una quantità regolare di luce solare. Dare al tuo ciclamino troppa luce può causare foglie bruciate, tuttavia pochissima luce dà alla pianta una crescita stentata.

Dai sempre al tuo ciclamino la giusta quantità di luce. Non esporli troppo a lungo, soprattutto se vedi segni che di secchezza.

Dimensione del vaso

Le piante di ciclamino non hanno bisogno di molto spazio, quindi non sbagliare mai a metterle in un vaso più grande del necessario, altrimenti questo causerà una crescita malsana.

I piccoli vasi, d’altro canto, inibiscono la diffusione delle radici, quindi trova un giusto mezzo per una pianta sana.

Il diametro del vaso fino a 8 cm è per piante di ciclamino con un’età di 1 o 1 anno e mezzo.

Tuttavia, un vaso dal diametro fino a 15 cm è per i ciclamini con un’età di circa 3 anni.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.