I problemi più comuni che puoi incontrare coltivando l’Orchidea

Coltivare orchidee non è sempre facile e possono sorgere diversi problemi.

Oltre a fornire loro le cure di base necessarie, potresti scoprire che le orchidee possono essere soggette a tutta una serie di malattie.

La chiave è individuare precocemente questi problemi e determinare la causa, in modo da poterli trattare adeguatamente e riportare la tua orchidea in salute.

Vediamo insieme quali sono i problemi più comuni che colpiscono la tua orchidea!

Foglie raggrinzite

Le foglie raggrinzite sono un problema comune che puoi incontrare nella cura delle orchidee.

Questo problema è dovuto alla disidratazione della pianta.

Idealmente, dovresti innaffiare le tue orchidee quando noti che le radici sono grigie e il bark è asciutto. Se la tua orchidea rimane secca troppo a lungo tra un’annaffiatura e l’altra, potrebbe disidratarsi.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Lo vedrai nella tua orchidea come foglie ingiallite, rugose o flosce. Un altro segno di disidratazione è lo scolorimento delle foglie.

La buona notizia è che la disidratazione è facile da risolvere. Se hai dimenticato di innaffiare le tue orchidee e non sai quando è stata l’ultima volta che hai dato loro acqua, tutto ciò che devi fare è reidratare la tua pianta.

Se il clima è più caldo del solito, potrebbe essere necessario annaffiare più frequentemente.

Irrigazione eccessiva

L’eccesso di acqua è un problema comune per i coltivatori di orchidee. È dannoso per la tua orchidea perché l’eccesso di acqua mantiene bagnate le radici dell’orchidea.

L’esposizione costante all’umidità può danneggiare il delicato velamen che circonda le radici della tua orchidea e portare alla putrefazione delle radici.

Poiché le radici non sono facilmente visibili, spesso noterai prima i cambiamenti nelle foglie delle tue orchidee. In caso di irrigazione eccessiva, le foglie ingialliscono e diventano morbide e flosce.

Se sospetti la putrefazione delle radici o un’irrigazione eccessiva, dovrai ispezionare il sistema radicale per confermare i tuoi sospetti. Togli l’orchidea dal vaso e rimuovi il terriccio.

In situazioni di irrigazione eccessiva, il terreno sarà generalmente umido e zuppo.

Se vedi radici nere o marrone scuro che sono mollicce e mollicce al tatto, allora hai un caso di marciume radicale dovuto all’umidità eccessiva. Rimuovi tutte le radici marce e morte usando un paio di forbici da giardino sterilizzate e lascia solo quelle sane e vitali.

Puoi spruzzare le radici rimanenti con un fungicida diluito. Ciò garantirà che eventuali funghi o batteri presenti nelle radici non infettino le radici rimanenti e causino più danni.

Radici marce

Il marciume delle radici è molto comune sulle orchidee.

Se l’orchidea viene lasciata in acqua stagnante, la putrefazione può svilupparsi rapidamente e uccidere le tue orchidee.Il marciume è principalmente causato da due varietà di funghi:

  • Pythium
  • Phytophthora

Questi funghi possono vivere solo in luoghi dove possono godere di elevata umidità.

Il fungo romperà i tessuti vegetali e si nutrirà dei tessuti dell’orchidea che apparirà presto malsana.

Quando i funghi attaccano le piante di orchidee, l’infezione parte solitamente dalle radici.

Tuttavia, la maggior parte delle volte, noterai prima il marciume che si sviluppa su una nuova crescita, come i germogli che germogliano o sulle foglie giovani.

Se hai a che fare con il marciume delle radici, la soluzione migliore è usare forbici sterilizzate per tagliare le parti malate. Quando rimuovi le aree infette, assicurati di tagliare alcuni dei tessuti sani che circondano i punti neri. Questo è solo per essere sicuro di ottenere tutto il marciume nero.

Il semplice taglio delle parti infette non è sufficiente per fermare la putrefazione. Assicurati di usare un fungicida per proteggere ulteriormente le tue orchidee.

La cannella in polvere è un ingrediente comune per un trattamento semplice della malattia. Puoi strofinare un po’ di cannella in polvere sulle aree tagliate della tua pianta di orchidea per proteggere l’orchidea dal reinfettarsi.

Macchie scure sui petali

La Botrite cinerea provoca la peronospora dei petali. Questa malattia fungina si manifesta con minuscole macchie circolari che crescono ovunque sui sepali e sui petali dei fiori.

Le piccole macchie diventano rapidamente più grandi e alla fine fanno appassire e morire l’intera fioritura. Ci sono tre condizioni che aiutano la botrite a prosperare:

  • Tempo umido
  • Basse temperature
  • Scarsa circolazione dell’aria

Nelle aree in cui ci sono livelli elevati di umidità e temperature fredde prolungate, potresti persino vedere una crescita sfocata di colore da biancastro a grigiastro.

La botrite colpisce diverse varietà di orchidee. Si trova più comunemente su Cattleya e Phalaenopsis.

Questo particolare tipo di fungo potrebbe nascondersi sulle tue orchidee durante l’inverno nella materia vegetale morente o morta. Questo è il motivo per cui la potatura di routine della materia vegetale morta è così importante. In primavera o in autunno, inizieranno a produrre e diffondere spore.

Queste spore si depositano sulle superfici umide dell’orchidea. Una volta che hanno infettato le tue orchidee, i tessuti vegetali altrimenti sani possono danneggiarsi in poche ore.

Puoi facilmente prevenire un’infezione da Botrite assicurandoti che le tue orchidee si trovino in un’area ben ventilata dove l’aria circoli liberamente.

Rimuovere qualsiasi materiale vegetale morto dalle tue orchidee aiuterà anche a prevenire la peronospora dei petali. Rimuovi eventuali foglie morte, fiori esauriti e altro materiale vegetale che sta morendo o decadendo.

Inoltre, quando innaffi le tue orchidee, non bagnare i fiori o la pianta stessa. Concentrati solo sull’irrigazione delle radici e del terreno di invasatura. Se lasci anche solo poche gocce d’acqua su un petalo, crei un’opportunità per la crescita di questo fungo.

Una volta che noti le piccole macchie sulle fioriture delle tue orchidee, la prima cosa che dovresti fare è isolare la pianta. In questo modo, l’infezione non si diffonderà ad altre piante.

Non puoi rimuovere le macchie che sono già apparse sui petali. Tutto quello che puoi fare è assicurarti di utilizzare il fungicida giusto.

Macchie marroni sulle foglie

L’antracnosi è una malattia causata da virus, funghi, agenti patogeni batterici.

Saprai che la tua orchidea è colpita da antracnosi a causa della presenza di macchie e lesioni giallastre e marrone chiaro sulla zona interessata. Inoltre, le spore avranno una tonalità rosso-arancio o rosata. Spesso formano anelli sull’area interessata della tua orchidea.

L’antracnosi avrà più facilità a infettare l’orchidea quando gli apparati radicali sono deboli o se l’orchidea è stata ferita o stressata da temperature fredde o calde.

La buona notizia è che non uccide davvero le tue orchidee, ma può farla sembrare malata.

Se vuoi evitare questa malattia, astieniti dall’annaffiare le tue orchidee dall’alto. Dovresti anche mettere la pianta in un’area ben ventilata.

Per trattare l’antracnosi, elimina le foglie infette. Ciò ridurrà il numero di funghi che possono attaccare le tue piante. Come con altri trattamenti per le malattie, aiuta anche spruzzare fungicida sulle piante colpite.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.