Sai quante volte potare il tuo Geranio?

Sapevi che il geranio ha bisogno di diverse potature nell’arco dell’anno? 

Ciascuna operazione di potatura ha un senso specifico e una funzione precisa al fine di mantenere i gerani sempre al meglio

Due sono i periodi di potatura principali: puoi ricorrere ad una potatura primaverile ed una invernale, ma entrambe sono intervallate da potature straordinarie con obiettivi ben definiti.

Vediamo insieme in che modo potare i tuoi gerani e soprattutto quando è bene farlo durante tutto l’anno.

Potatura primaverile

Sul finire dell’inverno, a inizio marzo puoi effettuare la prima potatura dell’anno per i tuoi gerani, una potatura delicata e attenta.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

All’inizio della primavera la sua funzione è quella di affiancare il risveglio dei gerani ed indurli a produrre nuova vegetazione. 

È inoltre utile per la rimozione delle parti secche lasciate dal periodo invernale che potrebbero essere di ostacolo per una nuova produzione fogliare. 

Con cesoie ben disinfettate asporta le parti secche e legnose, con tagli netti e decisi poco prima dei nodi fogliari.

Potatura invernale 

La potatura invernale ha la funzione di rinnovare completamente la chioma dei tuoi gerani a seguito della fase vegetativa durante il periodo primaverile ed estivo. 

A fine autunno puoi eseguire una potatura anche drastica così da prepararli per la fase dormiente e la successiva ripresa.

Con cesoie ben disinfettate e pulite puoi tagliare non solo le parti legnose ma anche un terzo della lunghezza di ciascun ramo. 

Cimatura

Cimare un ramo significa spuntare l’apice, eseguire un taglio sulla punta dei rami di qualche centimetro con lo scopo di risvegliare la vegetazione e fare in modo che il ramo produca dei getti laterali.

Questò incrementa la produzione di foglie e fiori e infoltisce la chioma dei tuoi gerani. 

Esegui la cimatura in primavera facendo attenzione a non asportare i rami che si preparano già alla fioritura.

Puoi routilizzare i rami ottenuti per ricavare talee da utilizzare per moltiplicare i tuoi gerani.

Dirada la chioma

All’inizio dell’autunno puoi diradare la chioma, tirar via i rami secchi e legnosi. I fiori secchi puoi semplicemente staccarli; i rami secchi tagliali con cesoie ben disinfettate.

Questo consentirà ai gerani di avere una chioma areata e permetterà alla luce di raggiungere ogni punto evitando un sovraffollamento.

Pulizia della chioma

È essenziale periodicamente potare via fiori secchi e ogni parte secca della pianta per evitare che parassiti possano rintanarvisi. 

I rami malati devono essere non solo potati ma addirittura sradicati per evitare che la malattia si propaghi su tutta la chioma. Le infezioni fungine si diffondono rapidamente, soprattutto se vi sono condizioni di marciume di rami secchi e bucati o vuoti.

Per queste ragioni i gerani vanno tenuti d’occhio e ripuliti durante tutta la fase vegetativa.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.