Se vuoi sapere come avere una Stella di Natale di Lunga vita segui questa Guida

Se ti dedichi a mantenere la tua stella di Natale in vita con le cure di cui ha bisogno, rispettando anche piccoli programmi definiti di cura, noterai la differenza rispetto agli altri anni, durante i quali la tua pianta cominciava a seccare subito dopo le feste.

Può sembrare una pianta fragile, ma la stella di Natale richiede solo alcune specifiche attenzioni e in questa guida potrai capire come rispettarle e utilizzare la luce come tua alleata per vederla nuovamente rossa il natale successivo.

Ti spiego come fare per assicurare lunga vita alla tua bella stella di Natale con questo specifico programma.

Quanto vive una stella di Natale?

La durata media di una stella di Natale solitamente è di 3 anni circa ma non disperare.

Questo dipende dalla tipologia di ambiente e di cure che noi le offriamo. La durata media indica semplicemente quanto la stella riesce a dare in contesti che non sono di certo naturali.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Ma può vivere e prosperare anche per anni se affini le tue capacità di cura, e la sua cura può diventare una vera e propria tradizione che accompagna la tua attesa al Natale.

Le giuste cure

Le cure giuste ti consentiranno durante tutto l’anno di seguire la stella di Natale in ogni sua fase di crescita.

Quando parliamo di cure giuste non possiamo non fare riferimento alle sue specifiche necessità.

La luce di una finestra

La stella di Natale dà il meglio di sé quando posizionata alla luce solare intensa e diffusa, quindi posiziona la tua pianta vicino a una finestra soleggiata dove riceverà almeno sei-otto ore di luce indiretta al giorno.

Le ore di luce sono una piccola assicurazione per la longevità delle tue piante, ma quelle giuste e delle giusta qualità.

Terriccio ideale

Quando compri la tua stella di Natale non aver paura di sostituire il suo terriccio che ha già in dotazione nel vaso di acquisto.

È la cosa migliore in quanto il terriccio che ha già è commerciale e spesso dozzinale, che si impoverisce in poco tempo.

Le occorre un terriccio ricco di materiali drenanti, leggermente acido con una buona percentuale di torba e perlite in proporzione 2 a 1.

Innaffia al bisogno

Innaffia la tua stella di Natale ogni volta che la superficie del terreno è asciutta al tatto.

Se il vaso è avvolto in un foglio decorativo, assicurati di praticare alcuni fori attraverso il fondo per consentire all’acqua in eccesso di defluire ed al terriccio di asciugare al meglio.

Garantiscile la giusta umidità

La mancanza di umidità durante le stagioni secche, in particolare durante l’inverno, periodo nel quale esplode con i suoi colori, è un problema continuo per la maggior parte delle piante d’appartamento, comprese le stelle di Natale.

Tienila lontana da fonti di calore come dispositivi di riscaldamento che seccano l’aria in casa e adotta piccole strategie per incrementare l’umidità nello spazio circostante, come nebulizzare la chioma oppure appoggiare il vaso su un sottovaso con ciottoli e acqua.

Calendario delle cure per rivederla rossa l’anno successivo

Se vuoi coltivare la tua stella di Natale durante tutto l’anno e forzare la sua colorazione per le prossime festività natalizie devi prestare attenzione a questo processo da eseguire durante l’anno.

Da dicembre a inizio primavera

Innaffia al bisogno come indicato in precedenza durante i mesi invernali ma a partire dai primi mesi primaverili comincia a ridurre le innaffiature, permettendo al terriccio di asciugarsi.

Anche i cambiamenti legati al soddisfacimento della necessità di acqua giocano un ruolo fondamentale nel tempo per la sopravvivenza della stella di Natale.

Maggio

A metà maggio, puoi eseguire le operazioni seguenti:

devi potarla, lasciando almeno 10 cm per ogni ramo e provvedi al rinvaso con un vaso leggermente più grande, fino a 5 cm di diametro maggiore rispetto all’apparato radicale, e nuovo terriccio.

Posiziona la pianta appena invasata di fronte alla finestra più luminosa che hai, proteggendola dai raggi diretti del sole.

Estate

Arriva l’estate, sposta la tua stella di Natale in vaso all’aperto, in un luogo parzialmente ombreggiato, e metti in atto un programma di comcimazione.

Comincia a pizzicare la cima dei rami, cioè potare giusto un paio di centimetri per infoltire la chioma e stimolare la nascita di nuove gemme. Questo ti permetterà di vederla cespugliosa.

Sul finire dell’estate, riporta la tua stella di natale in casa.

Ottobre

A questo punto deve avere inizio un programma di alternanza tra luce e buio affinché le sue belle foglie possano cambiare colore e divenire rosse.

Parlo di foglie perché si tratta di brattee e non fiori, cioè di foglie che cambiano il loro colore grazie all’alternanza tra buio e luce.

Le stelle di Natale hanno bisogno di circa 10 settimane con 12-14 ore di buio assoluto al giorno. Dovrai creare artificialmente queste condizioni e rimanere diligente. All’inizio di ottobre, procedi come segue:

  • Mantieni la tua pianta nella completa oscurità dalle 17:00 alle 8:00: qualsiasi esposizione alla luce ritarderà la colorazione. Molte persone mettono la pianta in uno sgabuzzino.
  • Sposta la pianta nella finestra soleggiata durante il giorno e continua ad annaffiare e concimare.

Circa l’ultima settimana di novembre, interrompi il trattamento.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.