Anice verde: la pianta dal sapore di liquirizia

Se cerchi una pianta che abbia un sapore audace e brillante per ravvivare la tua cucina, ma che non richieda molto lavoro in giardino, puoi coltivare l’anice verde.

Se non conosci l’anice, devi sapere che è usato come erba aromatica perché ha un sapore che ricorda la liquirizia.

La graziosa pianta è originaria dell’Europa meridionale e del Mediterraneo. Produce foglie di pizzo e fiori bianchi su un’erba cespugliosa.

Il maggior vantaggio che offre questa pianta, oltre al suo sapore e profumo, è che la sua coltivazione è molto facile.

Differenza tra anice stellato, finocchio e anice verde

L’anice a volte viene confuso con il finocchio e l’anice stellato. Chiariamo la differenza tra le tre piante.

Sebbene abbiano un sapore simile, l’anice stellato e l’anice sono due piante diverse, ma vengono spesso confusi a causa del nome.

L’anice stellato proviene dalla famiglia delle Schisandraceae: gli alberi sempreverdi di questa famiglia producono frutti a forma di stella che hanno un sapore pepato di liquirizia più intenso dell’anice.

L’anice e il finocchio a volte vengono confusi perché i semi di anice assomigliano un po’ ai semi di finocchio. Entrambi hanno un sapore simile di liquirizia, anche se il finocchio è più audace.

Il finocchio proviene dalla stessa famiglia delle carote (Foeniculum) ed è tipicamente coltivato per la sua base bulbosa, sebbene anche le fronde siano deliziose. Le foglie e i fiori assomigliano un po’ all’anice.

L’anice verde (Pimpinella anisum), invece, è una pianta erbacea che cresce fino a circa due metri di altezza. Produce molti semi deliziosi che possono essere usati per aromatizzare zuppe, torte, caramelle e altro ancora.

Come coltivare l’anice verde

L’anice è una pianta dal clima caldo, originaria dell’Europa meridionale, quindi ha bisogno di molta luce solare, piantala in pieno sole.

L’anice preferisce un terreno argilloso ricco di materia organica, può essere utile aggiungere del compost.

Il terreno deve essere drenante, ovvero deve dare modo alle radici di respirare.

Anice in vaso

Se sei a corto di spazio all’aperto, prova a coltivare l’anice in vaso.

Se decidi di piantarlo dai semi, mettili già in un vaso definitivo perché ha radici molto delicate che non sempre reggono al trapianto.

Scegli un vaso con fori di drenaggio profondo almeno 18 centimetri e riempilo con una miscela di terriccio.

Cospargi i semi e coprili con un sottile strato di terra. Spruzza delicatamente il terreno con acqua per evitare di spostare i semi con un getto d’acqua molto forte.

Quando innaffiare

Innaffia l’anice regolarmente fino a quando le piante non sono mature e consolidate nelle aiuole.

Puoi innaffiare due o tre volte a settimana fino a quando non sono alte almeno 15-20 centimetri. A questo punto, puoi ridurre le annaffiature.

Una volta stabilite, le piante di anice possono tollerare periodi di siccità, il che ha senso poiché hanno avuto origine in aree note per i loro climi più secchi.

Concime

L’anice in crescita non richiede molta fertilizzazione, ma beneficia dell’applicazione di un fertilizzante prima che fiorisca da giugno a luglio.

Puoi anche aggiungere del compost a metà stagione per incoraggiare la crescita.

Assicurati di testare il tuo terreno prima di decidere di concimare. Se il terreno è povero, aggiungi il concime.

Altrimenti, se il terreno è già di per sé ricco, il concime non è necessario per la coltivazione dell’anice.

Malattie e parassiti comuni dell’anice

L’anice non soffre di troppe malattie o parassiti, ma ci sono alcuni problemi che potresti incontrare.

La peronospora porta a macchie gialle sulla superficie superiore delle foglie e una crescita bianca e soffice sul lato inferiore.

È un fungo fastidioso che colpisce le foglie giovani ed è causato dall’umidità prolungata delle foglie dovuta all’annaffiatura dall’alto.

L’oidio si riconosce per uno strato polveroso sulle foglie. È un fungo che può diffondersi nell’aria per lunghe distanze: questa malattia si diffonde con un’umidità elevata.

Per eliminare l’oidio, evita di concimare eccessivamente e utilizza applicazioni fungicide protettive. Le applicazioni di zolfo possono aiutare a controllare le infezioni all’inizio della stagione.

Gli afidi sono piccoli insetti dal corpo molle che si aggrappano alla parte inferiore delle foglie e ai gambi delle piante.

Sono tipicamente verdi o gialli e una forte infestazione può far ingiallire o distorcere le foglie. Gli afidi rilasciano una melata sulla pianta che favorisce la crescita della muffa.

Per sbarazzarsi degli afidi, spruzza le piante con un forte getto d’acqua per farle cadere dalle foglie. Gli insetticidi sono necessari solo se l’infestazione è molto forte.

Puoi usare saponi o oli insetticidi, come l’olio di neem, per controllare l’infestazione se diventa troppo estesa.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.