Come si pota la salvia per averla sempre bella?

La salvia è un’erba perenne: è un’ottima scelta sia per il tuo giardino che per la tua cucina.

Ma devi sapere che per farla crescere nel modo migliore devi darle le giuste cure e potarla appena arriva la primavera.

Potare le piante di salvia in primavera aiuta la tua pianta a crescere sana e bella.

Scopriamo allora insieme come si pota la salvia!

Il momento giusto per potare

Il momento giusto per potare la salvia è all’inizio della primavera.

Non ti consiglio di potare la salvia durante l’autunno o l’inverno. Devi sapere che quando poti cresceranno nuove foglioline che saranno molto sensibili al freddo e potrebbero essere danneggiate dal gelo.

Pota le tue piante di salvia in primavera, proprio quando iniziano a spuntare nuove foglie.

Cosa succede se poti nel momento sbagliato? Succede che gli steli legnosi (quelli più maturi) che però sono ancora vivi possono essere facilmente scambiati per steli morti e quindi tagliati inutilmente.

Per questo è meglio aspettare che spunti una nuova crescita prima di iniziare.

Come tagliare i rami

Per potare la tua salvia devi tagliare i gambi lasciando gli steli di almeno 10-15 centimetri dal terreno.

Usa forbici affilate o cesoie da giardino sterilizzate per tagliare i gambi della tua pianta di salvia appena sopra le nuove foglioline.

Assicurati che ci siano i germogli (le nuove foglie) sugli steli rimanenti e, se necessario, taglia di meno uno stelo per lasciare almeno qualche nuova fogliolina su ognuno. Potare la pianta la aiuta anche a ringiovanire la tua salvia.

Una buona abitudine per mantenere viva e sana la tua pianta di salvia è rimuovere le foglie morte o morenti: questo puoi farlo tutto l’anno!

Pizzica delicatamente le foglie e tira via quelle gialle, rimpicciolite o secche. Se necessario, usa forbici o potatori per tagliare i gambi e rimuovere le foglie morte.

Cura delle piante giovani

Fino ad ora abbiamo visto come potare le piante di salvia mature che abbiano diversi anni di crescita, ma come devi comportarti con le piantine giovani?

Con una salvia ancora giovane pota leggermente la tua pianta solo dopo il suo primo anno di crescita, per assicurarti che almeno cresca del tutto.

Le piante di salvia giovani e in crescita possono essere sensibili ai danni se tagli troppo. Durante il suo primo anno, concentrati solo nel rimuovere le foglie danneggiate o secche.

Sii prudente nel tagliare i rami in primavera perché la pianta deve avere abbastanza forza durante le stagioni più fredde.

Come raccogliere la salvia

Abbiamo visto come potare la salvia per fare in modo che cresca sana, ma ora vediamo come raccogliere qualche fogliolina di salvia quando magari ti serve in cucina.

Togli delicatamente le foglie dallo stelo. Ti consiglio di iniziare la raccolta della salvia al mattino.

Per farlo, pizzica il fondo di ogni foglia di salvia tra il pollice e l’indice. Tira delicatamente la foglia finché non si stacca dal gambo. Deve essere una rottura netta che non danneggia lo stelo.

Le foglie di salvia possono essere raccolte quando ne hai bisogno durante tutto l’anno. Separa le foglie secche, morte o gialle dalle foglie sane che vuoi conservare.

Se non riesci a rimuovere correttamente le foglie dalla pianta, rimuovile usando piccole forbici affilate, forbici per erbe o un paio di cesoie da giardinaggio. Taglia i gambi appena sotto le foglie.

Taglia gli steli interi se vuoi raccogliere tanta salvia. È meglio sempre rimuovere i gambi interi con le foglie ancora attaccate.

I gambi di salvia possono anche essere rimessi in terreno per creare una nuova piantina.

Come usare e conservare la salvia

Ma come va usata la salvia che hai raccolto per i tuoi piatti? Risciacqua e asciuga bene le foglie di salvia prima di usarle.

Mettile tra due tovaglioli di carta per asciugarle. Usa le foglie di salvia fresca entro una settimana da quando le hai raccolte.

Ti consiglio sempre usare le foglie di salvia appena colte alle tue ricette subito dopo averle tagliate. La salvia dà un ottimo sapore a carni, stufati e ripieni e può essere preparata per preparare tè e infusi.

Butta via le foglie di salvia dopo una settimana se non le hai usate.

Se vuoi essiccare la salvia, appendi i gambi o metti le foglie su un tovagliolo di carta ad asciugare in un luogo fresco e con poca umidità.

Lasciali riposare per 2-3 settimane. Una volta secchi, mettili in un contenitore ermetico e conservali in un luogo buio e al riparo dalla luce.

Una volta che le tue foglie di salvia sono essiccate, possono essere usate come condimento. La salvia secca ha un sapore più forte della salvia fresca, quindi fai attenzione quando condisci i tuoi piatti.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.