5 cose da sapere per far prosperare la Sansevieria in inverno

L’inverno è il periodo di dormienza per la maggior parte delle piante da interno. La sansevieria non è diversa.

Non crescono attivamente durante i mesi invernali, poiché per loro è il periodo dormiente. Pertanto, la routine di cura della tua pianta di serpente sarà diversa durante il periodo invernale.

Durante l’inverno, la sansevieria può resistere per un mese e mezzo senza acqua e non richiede alcun nutrimento aggiuntivo.

Tuttavia, dovremo concentrarci su alcuni elementi essenziali durante l’inverno se vogliamo che la nostra pianta serpente rimanga sana e sopravviva durante l’inverno. Scopriamoli insieme!

Evita di annaffiare eccessivamente la tua pianta di serpente

La sansevieria è una pianta succulenta e non ama essere inzuppata d’acqua. Queste piante possono sopravvivere in condizioni di siccità e al contrario le piante troppo irrigate non prospereranno a lungo.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

La sansevieria immagazzina l’acqua nelle sue foglie e, se innaffiamo eccessivamente la pianta, le foglie assorbiranno più acqua del necessario, il che potrebbe danneggiare le cellule.

Non dovresti innaffiare la tua pianta di sansevieria seguendo un regime rigido. Invece, controlla il terreno usando uno spiedino e annaffia solo quando i primi 3-4 cm di terreno si asciugano.

Evita il concime in inverno

Il fertilizzante è essenziale per la crescita sana della pianta serpente. Ma quando fertilizzare la pianta serpente?

Le sansevierie richiedono un concime molto diluito, poiché cresce molto lentamente e non può essere sovralimentata.

Come ogni altra pianta d’appartamento, la sansevieria dovrebbe essere fertilizzata solo durante la stagione di crescita e non durante il periodo di dormienza.

L’inverno è il periodo di dormienza per la sansevieria e durante questo periodo non cresce attivamente. Quindi, evita di concimarla durante i mesi invernali.

Assicurati che sia nella posizione giusta

La pianta di sansevieria è così facile da coltivare che richiede un’attenzione minima. Questa pianta può prosperare anche in zone poco illuminate.

Tuttavia, ci sono alcune cose che dovresti mantenere durante l’inverno.

Se la pianta del serpente viene tenuta vicino a una finestra, dove riceve corrente fredda durante l’inverno, valuta la possibilità di cambiare la posizione della pianta.

La pianta di sansevieria non ama le temperature inferiori a 10°C.

Tieni la pianta in una posizione luminosa, poiché in inverno già le ore di sole sono inferiori, in più le giornate coperte e piovose contribuiscono a non offrire luce alla pianta; se con ciò aggiungi anche che magari la tieni in una angolo buio della casa, allora la pianta ne soffrirà e interromperà del tutto la crescita.

Mantieni un buon livello di umidità

La sansevieria non richiede un particolare livelli di umidità, sopravvive lo stesso anche con le normali condizioni delle nostre case.

Ma se tieni spesso accesi i riscaldamenti e l’aria in casa è molto secca, preoccuparsi di fornire una buona umidità aiuterebbe la pianta a vivere meglio l’inverno.

Puoi usare un umidificatore durante l’inverno per controllare il livello di umidità, oppure usare alcuni stratagemmi per ottenere più o meno lo stesso risultato.

Un punto importante da notare è tenere la pianta del serpente lontana dai termosifoni durante l’inverno, poiché ciò può influire sui livelli di umidità.

Evita di stressare la pianta

In inverno dovrai cercare di evitare cambiamenti estremi di coltivazione in modo che la pianta serpente non venga stressata.

Ma cosa si intende per stress della pianta? Un brusco cambiamento di ambiente, dove la luce passa da moderata a scarsa, oppure un rinvaso non necessario, o un cambiamento di temperatura importante e improvviso, tutti questi fattori contribuiscono a stressare la pianta durante una stagione di per sé difficile.

Ti consiglio di tenere la pianta di sansevieria lontana dalla corrente fredda per gli stessi motivi.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.