Come potare l’Albero di giada per avere una pianta piena di Foglie

La pianta di giada (Crassula ovata) è comune sia per il suo aspetto attraente e unico che per la sua facilità di cura.

È una pianta longeva, il che significa che può crescere molto e la potatura non solo evita che ti ritrovi con una pianta troppo grande, ma può essere usata anche per modellare la struttura della pianta in forme diverse.

Sebbene cresca piuttosto lentamente, le piante di giada rispondono bene alla potatura che mantiene la pianta della giusta dimensione e rende la struttura aperta e sana.

Inoltre, tagliando sopra un nodo, puoi stimolare la ramificazione e rendere più folta la pianta. Ma vediamo insieme come potare l’albero di Giada per avere una pianta piena di foglie!

Attenzione: la linfa di una pianta di giada può essere leggermente irritante per la pelle, quindi è meglio indossare i guanti quando si pota una pianta di giada.

Tutti i motivi della potatura

Con l’albero di giada puoi cambiare il tuo metodo di potatura in base allo scopo desiderato. Potrai potare per:

  • controllare la crescita eccessiva
  • per rafforzare i rami deboli
  • per salvare una pianta in difficoltà

Quando poti una pianta troppo cresciuta, non tagliarla semplicemente nella forma che desideri.

Una pianta di giada non è una siepe! Pota per l’equilibrio generale della pianta e per stimolare la crescita futura.

Una pianta che non riceve una luce giusta svilupperà steli radi e lunghi con poche foglie e saranno troppo sottili per sostenere il fogliame.

Taglia questi rami striminziti fino a un terzo della loro lunghezza originaria. Ciò conserverà l’energia della pianta e, con la cura adeguata, stimolerà una crescita più sana.

A volte è necessaria la potatura anche per salvare una pianta malata. Rimuovi tutti gli steli malati, ingialliti o gravemente infestati da parassiti, compresi i rami con foglie danneggiate da scottature solari o altre cause.

Può essere scoraggiante quando devi potare severamente una pianta di giada, ma non perderti d’animo! È sorprendente quanto possa essere resistente una pianta di giada.

Stile di potatura

La potatura può essere fatta per ottenere o una forma ad albero o una forma a cespuglio.

Vediamo come fare in entrambi i casi!

Potatura ad albero

Prenditi il ​​tuo tempo quando crei una struttura ad albero. Assicurati che la pianta abbia una luce adeguata e lascia che si riprenda tra una fase e l’altra.

Inizia identificando uno stelo verticale abbastanza dritto e rimuovendo la maggior parte del suo fogliame.

Lascia alcuni rami adatti, ma rimuovi quelli che crescono verso il basso.

Una volta che lo stelo centrale ha raggiunto un’altezza soddisfacente, pizzica i rami della parte superiore per favorire la crescita di nuove ramificazioni.

Andando avanti, pota regolarmente i rami superiori per incoraggiare ulteriori ramificazioni.

Una volta che il tronco ha uno spessore adeguato e c’è un’ampia chioma sulla parte superiore della pianta, rimuovi le foglie inferiori.

Potatura a cespuglio

Il trucco per modellare la tua giada in un cespuglio pieno è la potatura paziente e regolare nel tempo.

Inizia potando la pianta nella forma generale che desideri. Puoi tagliare alcuni dei rami inferiori, ma mantieni la maggior parte dei rami.

Taglia i rami troppo lunghi appena sopra il punto in cui vuoi che appaiano i nuovi gambi.

Rimuovi i rami che crescono verso l’interno per mantenere la pianta in crescita verso l’alto e verso l’esterno. Assottiglia il centro della pianta tagliando i rami aggrovigliati.

Quando potare una pianta di giada

Il momento migliore per potare una pianta di giada è in primavera o all’inizio dell’estate, quando la pianta sta crescendo attivamente.

La pianta sarà capace di riprendersi dallo stress della potatura e produrre una nuova crescita vigorosa.

Fai attenzione ai rami pendenti come segnale di avvertimento che la tua pianta di giada sta diventando troppo cresciuta e ha bisogno di una potatura: gli steli legnosi rischiano di rompersi.

Un consiglio è osservare la pianta dopo che è stata completamente annaffiata: i rami deboli possono afflosciarsi quando il fogliame si carica d’acqua.

Ecco le cose da tenere a mente:

  • È meglio aspettare che la pianta abbia almeno un anno. Le giovani giade stanno ancora sviluppando le loro radici e il tronco centrale nel primo anno e la potatura precoce può ostacolarle.
  • Scegli steli spessi da potare. Più spesso è lo stelo, più è probabile che si ramifichi. Uno stelo sottile può produrre solo un nuovo germoglio! Una buona luce produce steli più spessi.

Regole sulla potatura delle piante di giada

Alcune di queste regole ti aiuteranno ad evitare problemi quando poti una pianta di giada-

Per prima cosa, a meno che tu non stia rimuovendo materiale danneggiato, pota solo una pianta sana e in crescita.

Non potare quando si prevede pioggia o in condizioni di elevata umidità. È importante che la tua pianta cicatrizzi rapidamente i tagli.

Il momento migliore per potare una pianta di giada è in primavera o all’inizio dell’estate prima che diventi troppo caldo. Le temperature di crescita calde e la luce intensa aiutano la pianta a riprendersi più rapidamente.

Non rimuovere più del 25-30% della pianta in una sola volta. Fai il lavoro per gradi.

Per il recupero più rapido, evitare di tagliare il tronco principale.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.