Per propagare la tua Orchidea partendo da uno stelo segui questi semplici passaggi

Le orchidee danno sempre un tocco di eleganza alle nostre case. Tendiamo sempre a comprarle già grosse e fiorite ma potrebbe essere un’esperienza soddisfacente provare a propagarla partendo da uno stelo.

Certo, si tratta di un piccolo esperimento, ma se segui tutti i passaggi potrai riuscirci molto facilmente e ottenere da piccoli steli tante nuove orchidee da collezionare o regalare.

Ti spiego brevemente cosa fare e quali sono i semplici passaggi.

Cosa occorre

Prima di iniziare, avrai bisogno di alcune cose che renderanno la tua impresa più efficace.

  1. Il giusto contenitore, di dimensioni da scegliere a seconda del numero di gambi che tagli. Un barattolo di vetro alto, di quelli che usiamo per conservare la pasta ad esempio, può andare bene;
  2. Corteccia di abete e il muschio di sfagno per invasare gli steli una volta che avranno sviluppato radici. Puoi trovare la giusta miscela già pronta nei vivai;
  3. Ciottoli o ghiaia, i giusti materiali di drenaggio da aggiungere.
  4. Ormone radicante, se vuoi utilizzarlo all’occorrenza, anche se non è indispensabile per provarci;
  5. Cesoie, spruzzino e pellicola.

Taglia lo stelo

Il modo in cui tagli il gambo per radicare la tua orchidea è importante, così come lo strumento che usi per tagliarlo.

Sia che tu usi un coltello o cesoie, igienizza la lama prima del primo taglio e di ogni taglio successivo.

Scegli un gambo sano, che abbia più di un nodo, cosi da poter ottenere diverse parti da poter mettere a radicare.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Dopo aver tagliato la sezione principale dello stelo di grandi dimensioni, disinfetta l’utensile da taglio e taglia lo stelo in sezioni da 5 o 10 cm tra i nodi fogliari.

Metti lo stelo a radicare

Hai le tue talee, quindi ora le metti nel contenitore scelto, ben umide e ricoperte da pellicola trasparente, così da trattenere l’umidità. Scegli un luogo caldo e buio in cui tenerle.

I gambi delle orchidee devono essere mantenuti ad una temperatura compresa tra i 23 e i 29 gradi e in umidità costante, non lasciandole a mollo.

Puoi aiutarti con un ormone radicante al fine di velocizzare il processo: puoi trovarne molti in commercio.

Il processo di crescita delle radici e dei nuovi germogli di foglie richiederà diverse settimane, quindi sii paziente.

Se uno qualsiasi degli steli diventa fradicio o mostra marciume, rimuovilo.

Metti a dimora

Dopo alcune settimane, dovresti iniziare a vedere le prime radici, e poi un po’ ‘più tardi, qualche germoglio.

Una volta che le radici avranno raggiunto circa 5 cm prepara un vaso non troppo grande, fino a 6 cm di diametro, con fori per il drenaggio sul fondo, preferibilmente trasparente.

Prepara sul fondo uno strato di ciottoli e poi aggiungi corteccia e sfagno dopo aver adagiato delicatamente le radici e lo stelo.

Se necessario, sostieni la tua nuova orchidea con un piccolo paletto, facendo attenzione a non interferire con le sue tenere e piccole radici.

Metti le tue orchidee in una stanza con luce solare indiretta e nebulizzale regolarmente. Le orchidee amano la luce, ma il sole diretto può bruciare tutto, soprattutto quando sono così piccole.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.