Rinfresca il Geranio così quando le temperature sono torride

Caldo e afa non sono insopportabili solo per noi esseri umani: anche le piante, infatti, possono soffrire le alte temperature.

Tra queste, un ruolo particolare ha il Geranio che siamo abituati a tenere in vasi da ringhiera, molto esposti alla luce solare che ne aiuta la fioritura primaverile ed estiva.

Quando, però, in piena estate, le temperature superano i 30 °C, la combinazione tra calore ed esposizione al sole può essere molto dannosa per questa pianta.

Le conseguenze? Appassimento precoce, foglie gialle e deperimento della pianta.

Per evitare tutto questo, basta rinfrescare il Geranio. Ecco come puoi fare.

Vaporizza acqua sulle foglie

Le alte temperature non sono sempre un problema insormontabile. A volte, per sconfiggerle basta semplicemente vaporizzare un po’ d’acqua sulle foglie del nostro Geranio.

La cosa migliore è utilizzare dell’acqua a temperatura ambiente o fresca, ma non fredda, da vaporizzare con l’aiuto di uno spruzzino.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Il momento migliore per farlo? Durante le ore più calde, quindi intorno a ora di pranzo.

Attenzione: non esagerare. Ricorda di dover lasciare le foglie leggermente umide, ma non bagnate, o rischi di danneggiarle.

Fai ombra

Com’è noto, il Geranio ha bisogno di molta luce solare per fioriture abbondanti e lunghe.

Quando le temperature sono afose, però, esporre questa pianta alla luce solare diretta può esporla a gravi rischi: foglie bruciate e caduta dei fiori sono solo alcune delle possibili conseguenze.

Ecco perché, proprio nelle ore più calde, puoi proteggere questa pianta dai raggi del sole e dal calore troppo intenso mettendola in un posto a mezz’ombra, più fresco, oppure facendole ombra con un telo o un qualsiasi altro oggetto.

Il tuo geranio ha pochi fiori? Risolvi così.

Inumidisci il terreno

Tenere il terreno del Geranio sempre umido è utilissimo per mantenere questa pianta sempre idratata, ma anche per tenere un po’ più alto il tasso di umidità ambientale e permetterle di affrontare al meglio una torrida estate.

Controllate quotidianamente lo stato del terreno e innaffiate ogni volta che notate il terriccio ormai non più umido.

N.B: dovresti mantenere il terreno sempre umido, ma mai bagnato. Un eccesso di innaffiature può portare le radici del Geranio a marcire.

Se il tuo geranio ha i rami spezzati, segui questa guida facile e utilissima!

Innaffia al mattino

Per tenere al fresco i gerani, a volte, occorre buttare un occhio… all’orologio!

Innaffiare a determinati orari, infatti, garantisce un maggior assorbimento d’acqua e aiuta la pianta a mantenersi più fresca.

Importante è innaffiare al mattino, quando le temperature sono in genere più basse. In questo modo, l’acqua evapora più lentamente e la pianta ha più tempo per dissetarsi.

Se ti stai chiedendo ogni quanto è necessario innaffiare il geranio, leggi questi consigli.

Innaffia per immersione

Proprio a causa delle alte temperature, spesso l’acqua d’innaffiatura fatica ad arrivare agli strati più bassi del terreno, mantenendosi in superficie e poi evaporando. Di conseguenza, le radici non assorbono l’acqua di cui hanno bisogno.

Puoi risolvere questo problema innaffiando per immersione. Ti basterà immergere il vaso della pianta, purché sia provvisto di fori di drenaggio, in una bacinella o un lavandino pieno di almeno 5-6 cm d’acqua per circa 20-30 minuti.

In questo modo, il geranio avrà tutto il tempo necessario per assorbire tutta l’acqua di cui ha bisogno.

Hai intenzione di moltiplicare il tuo geranio? Segui questo metodo!

Attenzione: se non potete innaffiare per immersione perché il vaso è troppo pesante o perché i vostri gerani sono stati piantati a terra, in giardino, il modo giusto per innaffiare è con un innaffiatoio dal beccuccio abbastanza lungo che vi permetta di bagnare solo il terreno, senza versare troppa acqua su foglie e fiori.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".