Perché i fiorellini della Calluna cadono subito?

La Calluna (Calluna vulgaris) o falsa erica è un piccolo arbusto sempreverde con fiori bianchi, viola e rosa che regalano una fioritura ricca da metà estate a metà autunno.

Chi coltiva la calluna lo fa per il suo aspetto rustico, la forma delle foglie particolare, e per i suoi piccoli fiori adorabili.

Questa pianta è una scelta popolare perfetta per i giardini di tutte le stagioni con le sue foglie sempreverdi, i fiori dai colori vivaci e la sua durata per tutto l’anno. La manutenzione minima della calluna assicura che anche i principianti si divertano a coltivarla.

A volte, però le piante diventano grigie o marroni con mancanza di vigore e vitalità e capita che i fiori si seccano e cadono subito quando la porti a casa dal vivaio.

Ecco alcuni motivi per cui i fiorellini della calluna stanno cadendo insieme ad alcuni consigli per evitarlo!

Hai scelto il posto sbagliato

La calluna viene scelta subito tra le altre piante autunnali perché riesce subito a catturare l’attenzione con i suoi fiori multicolor.

Tuttavia, il suo aspetto gradevole può illuderti che sia una pianta perfetta per quella mensola in casa che appare spoglia, ma devi valutare anche i bisogni della pianta.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

La calluna è una pianta che va tenuta all’esterno e vive ancora meglio se viene piantata in giardino. Nel momento in cui dal vivaio la sposti in casa al chiuso, la pianta soffre e lo shock si tramuta in fiori secchi che iniziano a cadere.

Portala fuori se noti segni di sofferenza e posizionala dove riceva la luce del sole.

Come capire che la Calluna è viva?

Quando noti una pianta di calluna o falsa erica che sta appassendo, il primo passo è capire se l’intera pianta sta morendo.

Esistono tre metodi principali per determinare se una pianta di calluna è viva.

Per prima cosa, tocca le foglie e i fiori della calluna con le dita per verificare se sono completamente secchi. Questo è un indicatore sicuro che la pianta sta per appassire.

In secondo luogo, taglia un singolo stelo dalla pianta. Se è morbido e ha un interno di tessuto vegetale bianco o verde, allora è viva. Tuttavia, se si spezza rapidamente in due e lo stelo è molto secco, potrebbe essere morta.

In terzo luogo, alza la zolla di terreno dal vaso con delicatezza per osservare le radici della pianta. Le radici bianche indicano una calluna sana, mentre le radici marroni, nere o arancioni indicano piante morenti o morte.

Terreno sbagliato

Uno dei motivi principali per una pianta di calluna o falsa erica perde i fiori in modo anomalo è che il terreno in cui è piantata non è adatto alla sua crescita.

Le callune preferiscono i terreni acidi con un buon drenaggio. Quindi puoi aiutare una pianta in difficoltà a prosperare di nuovo assicurandoti che riceva i nutrienti di cui ha bisogno.

Usa del pacciame, ovvero dei pezzi di corteccia di pino e altro materiale organico per aumentare l’acidità del terreno. Metti del compost sulla sua base per stimolare la crescita di nuove piante.

Innaffiature inadeguate

Un’altra delle principali cause di morte delle piante di calluna è l’irrigazione inadeguata.

Assicurati che il terreno intorno alla pianta sia umido per garantire i livelli di idratazione adeguati. Se le radici e le foglie della pianta vengono lasciate asciugare completamente, la pianta morirà in pochi giorni e poi smetterà di crescere l’anno successivo.

L’acqua insufficiente potrebbe far diventare secche le radici. Tuttavia, il terreno deve rimanere sempre leggermente umido ma mai zuppo.

La calluna ama l’acqua piovana. Invece di usare l’acqua del rubinetto, puoi raccogliere l’acqua piovana e usarla per innaffiare le tue piante di erica durante i giorni di siccità.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.