Perché dovresti tenere il Pothos in casa?

Le sue liane piene di foglie la rendono una delle piante preferite da chi vuole arredare la propria casa con un tocco un po’ selvaggio: parliamo del pothos.

Questa pianta, oltre ad avere caratteristiche uniche, è anche molto resistente e di facile coltivazione: per questo è adatta anche a chi si sta appena approcciando al mondo delle piante.

Inoltre, quasi tutte le sue varietà sono adatte sia a una coltivazione in casa sia all’esterno. I vivaisti più esperti, però, consigliano di tenerla in casa. Ecco perché!

Per i suoi benefici

Rispetto al tenere un pothos all’aperto, il tenerlo in casa può portare una serie di benefici. Eccone qualcuno.

Purifica l’aria

Tenere un pothos in casa fa bene alla… salute!

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Può sembrare un’affermazione strana, eppure è verissima. Questa pianta, infatti, tende ad assorbire, seppur in piccola quantità, alcune sostanze tossiche presenti nell’aria.

Tra queste il benzene, la formaldeide, lo xilene e altri allergeni. Inoltre, secondo alcuni esperti, sfavorirebbe il formarsi delle muffe.

Oltre a questa, ci sono anche altre piante con simili proprietà.

Aiuta a dormire meglio

Proprio perché tende a purificare l’aria, il pothos rende l’ambiente più sano e rilassante.

Non è un caso se in molti la consigliano come pianta da camera da letto, proprio perché adatta a questa stanza della casa.

Se avete dubbi su altre piante da tenere in camera da letto, ecco una lista.

Attenzione: i benefici attribuiti al pothos non devono essere interpretati come un modo per sostituirlo all’utilizzo di strumenti professionali o medici.

Per l’esposizione più adatta

E’ abbastanza risaputo che il pothos non tollera la luce diretta del sole: questa, infatti, può danneggiare le sue foglie, in particolare quelle più delicate, facendole ingiallire e cadere.

Anche se, tenendo la pianta all’esterno, possiamo comunque controllarne l’esposizione, è sempre meglio tenere questa pianta in casa in modo da collocarla in un punto non eccessivamente luminoso, comunque ben lontano dalla luce diretta del sole.

Importante è garantire comunque all’intera pianta una buona esposizione alla luce solare indiretta. Nel corso delle giornate, quindi, girate la pianta in modo che ogni sua parte riceva il giusto apporto di luce.

Per proteggerlo dalle intemperie

Pur essendo estremamente resistente, il pothos può essere danneggiato dal maltempo e dalle intemperie, soprattutto nel periodo invernale.

In particolare, le piogge eccessive possono inzuppare il substrato e, di conseguenza, far marcire le radici della pianta.

Anche se non è un’ipotesi molto frequente, si tratta comunque di un rischio che non correrete se scegliete di coltivare questa pianta in casa dove sicuramente sarà più protetta.

Per farla crescere più velocemente

Il pothos è originario dei Paesi tropicali. Qui da noi, non troverà mai all’aperto le stesse condizioni ambientali che trova nel suo luogo natio.

Tenendolo in casa, invece, possiamo condizionare l’ambiente più facilmente in modo da renderlo più adatto alla pianta.

Di conseguenza, il pothos tende a crescere in casa con più velocità e, in poco tempo, le sue liane possono raggiungere una lunghezza davvero considerevole.

Se il vostro pothos resta di piccole dimensioni, seguite questi suggerimenti.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".