7 Piante che rigenerano l’aria in casa quando fa freddo e le finestre sono chiuse

La credenza per cui si dice che le piante purifichino l’aria è nata dopo che la NASA pubblicò una serie di studi risalenti alla fine degli anni ’80, affermando che le piante da interno potrebbero purificare l’aria.

In realtà, i ricercatori ora dicono che avresti bisogno di circa 500 piante in una casa di 100 metri quadri perché il fogliame possa davvero filtrare le tossine nocive per la salute.

Ma le piante d’appartamento hanno altri benefici per la salute e per la qualità dell’aria dunque non devi necessariamente trasformare la tua casa in una giungla per trarne dei benefici.

Anche una modesta quantità di piante potrebbe migliorare la qualità dell’aria interna, soprattutto in inverno quando le finestre sono chiuse la maggior parte del tempo.

Vediamo allora insieme quali piante rigenerano l’aria in casa!

Perché la qualità dell’aria interna è importante?

Che si tratti di dormire, guardare un film o lavorare in ufficio, trascorriamo circa il 90% del nostro tempo al chiuso. E quel tempo trascorso all’interno ci espone all’inquinamento dell’aria interna.

La vernice sulle pareti e la tappezzeria sono solo alcuni degli elementi in una casa o in un ufficio che rilasciano composti organici volatili, come la formaldeide.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

I livelli di questi composti sono in genere da due a cinque volte superiori all’interno rispetto all’esterno. Siamo tutti esposti a questo “inquinamento” ma non causa problemi finché facciamo aerare spesso l’ambiente.

Ma, in alcuni casi, quando la ventilazione è cattiva, puoi aver bisogno dell’aiuto extra delle piante.

Sebbene sia necessario riempire la casa o l’ufficio con quantità enormi di piante per avere un impatto sui livelli di queste componenti volatili, le piante da interno possono comunque migliorare la qualità dell’aria.

La purificazione delle piante da interno riduce i livelli di CO2 e aumenta l’umidità dell’ambiente. In altre parole, aiutano a liberarsi dell’aria viziata e agiscono come un umidificatore naturale.

Palma Areca

Conosciuta anche come palma gialla o palma farfalla, la palma areca è una delle palme più popolari e aggraziate.

È tollerante nei confronti dell’ambiente interno, rilascia abbondanti quantità di umidità nell’aria, rimuove le tossine chimiche ed è una bella pianta.

Posiziona la palma vicino una finestra soleggiata per garantire la fotosintesi delle sue grandi fronde.

Ficus elastica

Coltivata per la sua robustezza, la pianta di Ficus elastica tollera la luce indiretta e le temperature fresche, il che la rende un’eccellente pianta da appartamento.

Questa pianta è facile da coltivare ed è ottima per rimuovere le tossine dall’ambiente interno, in particolare la formaldeide.

In più con le sue foglie grandi e lucide è perfetta per la tua casa dall’arredamento moderno.

Singonio

Le piante di Syngonium non sono solo decorative, hanno la capacità di purificare l’aria, respirare e agire come anti-inquinanti.

Queste piante possono ridurre i componenti dell’inquinamento dell’aria interna di casa, anche composti organici volatili come benzene, formaldeide, toluene e xilene. Riducono anche i microbi nell’aria e aumentano l’umidità.

Le piante d’appartamento emettono anche vapori d’acqua che aiutano la pianta a tirare l’aria inquinata alle radici dove la pianta converte le tossine in nutrienti.

Pothos

Uno dei motivi principali per cui Pothos è popolare è che può tollerare una luce più bassa, un’umidità inferiore e temperature più fresche rispetto a molte altre piante.

Il Pothos è considerato una delle migliori piante d’appartamento anche per rimuovere tutte le tossine dell’aria interna.

A questa pianta però non piace però avere le radici zuppe e il terreno non dovrebbe essere troppo umido.

Ficus Alii

Il Ficus Maclellandii Alii (o Ficus Binnendijkii) è una nuova varietà di ficus che sta rapidamente guadagnando popolarità.

Le sue sottili foglie verde scuro la rendono una pianta estremamente attraente. La sua capacità di aiutare a purificare l’aria, la facilità di crescita e la resistenza ai parassiti la rendono una pianta perfetta per la casa o l’ufficio.

È molto meno schizzinoso del Ficus Benjamin. Come tutte le specie di ficus, aspettati che cadano le foglie finché la pianta non si adatta alla sua nuova posizione.

Felce di Boston

Le felci sono probabilmente una delle famiglie di piante più antiche.

Resti di felci sono stati trovati come fossili risalenti alla preistoria. Viene coltivata rigorosamente per il suo fogliame perché non produce fiori.

È ancora più bella se esposta in un vaso sospeso perché le fronde ricadenti fanno un bell’effetto pendenti dal vaso.

Come pianta da interno, la felce di Boston richiede una certa attenzione. Richiede un ambiente umido e annaffiature costanti, altrimenti le foglie diventeranno rapidamente marroni e inizieranno a cadere.

È una buona pianta anche per rimuovere agenti inquinanti nel tuo ambiente e per aggiungere umidità all’ambiente interno. Preferisce la luce solare indiretta.

Giglio della pace (Spathiphyllum)

Un’eccezionale pianta dal fogliame lussureggiante che produce anche bellissime spate bianche, il giglio della pace dovrebbe essere sempre tra le tue scelte quando cerchi una bella pianta da interno.

Questa pianta ha un alto tasso di traspirazione e possiede tutte le qualità che la rendono una delle migliori piante da interno.

Lo spatafillo eccelle nella rimozione di alcoli, acetone, tricloroetilene, benzene e formaldeide nell’ambiente.

La sua capacità di rimuovere gli inquinanti atmosferici la rendono una pianta d’appartamento preziosissima. Meglio se posizionata verso la luce solare indiretta, da media a bassa.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.