Se la tua Orchidea non fiorisce prova questi Concimi

Le orchidee sono bellissime fiorite ma cosa bisogna fare quando non compaiono più steli pieni di boccioli?

Il trucco è curarle nel modo giusto tutto l’anno, ma soprattutto quando non sono fiorite e hanno solo le foglie: è questa la fase in cui le orchidee si preparano a raccogliere le energie per la futura fioritura.

Incoraggiare poi la fioritura con un concime è una scelta saggia. Vediamo insieme quali concimi puoi applicare alla tua orchidea sfiorita!

Fertilizzanti azotati

I fertilizzanti per orchidee sono spesso realizzati con una percentuale di azoto più alta rispetto al fosforo e al potassio.

Ricorda che i 3 nutrienti NPK hanno rispettivamente queste funzioni:

  • L’azoto (N) serve per la crescita di foglie, steli e germogli
  • Il fosforo (P) aiuta la sana crescita delle radici
  • Il potassio (K) favorisce la fioritura

Quando applicare il concime

Una volta acquistato un fertilizzante per la tua orchidea, dovresti applicarlo quando la pianta è nel suo ciclo vegetativo, cioè quando non è fiorita.

In questo periodo infatti la pianta sta producendo nuove foglie, radici e steli.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Il fertilizzante può alimentare la salute dell’orchidea per incoraggiare la fioritura in futuro, ma non è il solo responsabile della comparsa di steli fioriferi.

La maggior parte delle specie di orchidee tropicali innescano la fioritura quando c’è un cambiamento di temperatura.

Per la phalaenopsis, si tratta di un calo della temperatura durante la notte. Per incoraggiare la tua orchidea a fiorire, mettila su un davanzale durante i mesi invernali.

Posso utilizzare fertilizzanti casalinghi?

Le orchidee prosperano quando vengono alimentate con il giusto equilibrio di azoto (N), fosforo (P) e potassio (K), preferibilmente somministrato in una formula idrosolubile. Questi 3 nutrienti sono noti come macronutrienti (N-P-K).

Ma ci sono alcuni ingredienti casalinghi che contengono questi elementi, anche se ad una concentrazione minore rispetto ai concimi già formulati e bilanciati.

Esistono dei fertilizzanti per orchidee fatti in casa che puoi preparare facilmente, sebbene i fertilizzanti commerciali siano la migliore fonte di nutrizione equilibrata per le tue orchidee. Vediamo quali sono!

Concime a base di tè

Le bustine di tè usate, ad alto contenuto di azoto, sono adatte alle orchidee. Le bustine di tè contengono materia organica che non è tossica e non ha un cattivo odore.

Per usare la bustina di tè, aprila e svuota il contenuto nel vaso dell’orchidea. Applicare 1 volta al mese nei mesi primaverili ed estivi.

Una cosa da ricordare quando si producono fertilizzanti per orchidee fatti in casa è che le orchidee hanno bisogno di un fertilizzante con un contenuto di azoto più elevato rispetto alle normali piante domestiche.

Questo perché il terriccio di un’orchidea è solitamente costituito da corteccia d’albero. La corteccia ospita batteri che consumano molto azoto nei fertilizzanti, lasciandone pochissimo per l’orchidea stessa.

Concime a base di gusci d’uovo

Salvare i gusci d’uovo e usarli come fertilizzante per le orchidee è il modo più economico ed efficiente per fornire calcio alle tue orchidee.

Schiacciare i gusci d’uovo essiccati in pezzi il più piccoli possibile o utilizzare un pestello e un mortaio per ridurli in polvere.

Cospargi la polvere ottenuta sulla superficie della corteccia nel vaso e innaffia.

Un modo più laborioso consiste nel far bollire 10 gusci d’uovo in mezzo litro d’acqua e lasciarli in infusione per 8 ore. Scolare i gusci d’uovo, conservare in un contenitore coperto e utilizzare settimanalmente.

Concime a base di riso

Fornisci minerali extra per la tua orchidea usando l’acqua in cui è stato bollito il riso.

Il riso integrale è migliore perché il guscio del chicco integrale contiene niacina, tiamina, riboflavina e acido folico, molti di questi nutrienti vengono persi durante il processo di invecchiamento riso in riso bianco.

Qualunque sia il riso che usi, assicurati di lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente prima di versarlo nel vaso della tua orchidea.

Precauzioni sull’uso di concimi casalinghi

Se non sei sicuro che le tue orchidee beneficeranno dell’uso di fertilizzante fatto in casa, potresti fare prima una prova.

Usa il concime sull’orchidea meno pregiata della tua collezione. Ricorda di sciacquare il vaso dell’orchidea una volta al mese, con abbondante acqua, per lavare via qualsiasi accumulo di sali di fertilizzante che potrebbero essersi formati.

Fai attenzione alla concimazione eccessiva, i segni di questo problema includono:

  • Residui biancastri sul terriccio
  • Radici annerite
  • Foglie bruciate sulle punte

Osserva attentamente le tue piante e prendi nota delle reazioni sia positive che negative e se non hai successo con i concimi fai da te, passa ad un concime formulato proprio per orchidee e segui l’etichetta per le giuste dosi.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.