Come far durare di più la fioritura delle Rose

Chiudiamo gli occhi e pensiamo al primo fiore che ci viene in mente… quasi sicuramente, pensiamo alla rosa! Pianta da fiore per eccellenza, la rosa è celebre per i suoi fiori e per le sue infinite varietà che regalano tantissime sfumature diverse.

La sua fioritura principale si ha, di norma, nel mese di maggio. Alcune specie hanno una sola fioritura, altre invece fioriscono più volte fino all’autunno (sono dette rifiorenti), alcune varietà fioriscono addirittura col freddo.

Qualsiasi sia la specie che stai coltivando, però, se vuoi far durare il più possibile la sua fioritura attuale ti diamo una serie di consigli da poter seguire.

Innaffia con regolarità

La prima cosa da fare per far sì che la tua pianta di rose si mantenga in salute e resti fiorita il più a lungo possibile è tenerla idratata.

Innaffiala con regolarità, aumentando la frequenza in modo proporzionale all’aumento delle temperature. In particolare, prova a mantenere il terreno sempre abbastanza umido innaffiando con dell’acqua non eccessivamente calcarea.

In generale, quando fa caldo e le temperature si mantengono sopra i 23-24 °C, dovresti innaffiare ogni 2-3 giorni. Prima di farlo, assicurati che il terriccio si stia asciugando per evitare ristagni d’acqua. In questo modo, aiuterai la pianta a mantenere la sua fioritura.

Stacca i fiori secchi

Una volte che i fiori della tua rosa siano ormai appassiti, se non cadono spontaneamente, sarai tu a doverli tirar via.

Il modo più corretto per farlo è utilizzare delle cesoie ben pulite. In alternativa, puoi staccarli con le mani facendo attenzione a non danneggiare la pianta.

In questo modo, lascerai spazio per lo spuntare di nuovi boccioli oltre a evitare che le rose appassite marciscano e diffondano malattie.

Preferisci concimi a base di fosforo

L’elemento principale perché la tua rosa mantenga più a lungo la sua fioritura resta forse questo: la concimazione.

Concimare la pianta significa donarle sostanze nutritive essenziali alla sua salute, che la rinforzano ed aiutano la fioritura. Ecco perché dovresti iniziare a concimare la rosa sin dall’arrivo della primavera.

In commercio esistono diversi fertilizzanti specifici per questa pianta: molti hanno una formulazione NPK 7:5:6, sono cioè composti da 7 parti di azoto ogni 5 parti di fosforo e 6 di potassio. Questi, però, sono utili soprattutto per la salute generale della pianta.

Alcuni vivaisti sostengono che, per far durare di più i fiori, sia necessaria una composizione che privilegi la presenza di fosforo rispetto alle altre sostanze, secondo una formulazione NPK 18:24:16.

Proteggi dalle intemperie

In caso di intemperie, purtroppo, i fiori presenti sulla tua rosa potrebbero essere staccati da folate di vento troppo forti o da un acquazzone eccessivamente violento.

Se stai coltivando la pianta in vaso, ti conviene semplicemente spostarla in un luogo più riparato.

Se, invece, la tieni a terra in giardino, proteggila temporaneamente con un telo in nylon da rimuovere una volta che la tempesta sia ormai passata. In questo modo, aiuterai i fiori a vivere più a lungo.

Da’ alla pianta la giusta luce

La luce è un elemento fondamentale non solo per l’inizio della fioritura di questa pianta, ma anche per il suo mantenimento.

Le necessità di esposizione possono variare in base alla specie e varietà di rosa. In generale, però, questa pianta ama anche 6 ore al giorno di luce solare diretta, pur mantenendosi in salute anche alla mezz’ombra.

Per prolungare la fioritura è meglio tenerla al sole, ma occorre anche tenere sotto controllo la chioma della pianta. Se il caldo è eccessivo, sopra i 30 °C per molte ore al giorno, l’esposizione prolungata alla luce solare diretta potrebbe far seccare i fiori interrompendo prima la fioritura.

Se le foglie cominciano ad apparire un po’ bruciate ai bordi e i boccioli a cadere, metti la pianta in un posto più riparato o fai un po’ di ombra alla pianta con un telo.


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Gianluca Grimaldi
Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".