Come curare l’Abelia per una siepe fiorita a lungo

Conosciuta per il fogliame vivace e i lunghi tempi di fioritura, il genere Abelia è composto da una trentina di specie di arbusti sempreverdi.

Per gli arbusti comunemente noti sotto il nome di Abelia, esistono diverse caratteristiche comuni.

Questi arbusti producono foglie appuntite di forma ovale che sono spesso gialle o verdi con dettagli rosa, arancio, bronzo o bordeaux.

Alcuni sono multicolori o variegati e cambiano persino colore al variare delle stagioni. I loro fiori sono spesso in bianco, rosa o giallo.

A differenza di molte piante da fiore, gli arbusti di abelia hanno una lunga stagione di fioritura che va dalla primavera all’autunno.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Vediamo come curare l’Abelia per una siepe rigogliosa tutto l’anno!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche dell’Abelia, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Vediamo quali varietà sono più comuni:

  • Abelia grandiflora: questa varietà può essere coltivata sia in zone zone fredde che in quelle calde. Le foglie sono semi-sempreverde nelle regioni più fredde mentre completamente sempreverdi nelle regioni calde.
  • Abelia Kaleidoscope: questa popolare varietà nana è famosa per il suo fogliame che cambia colore con le stagioni. Il suo fogliame variegato appare giallo in primavera, poi diventa rosso-arancio brillante in autunno. In fioritura produce piccoli fiori bianchi.
  • Abelia chinensis: questa varietà è nota per le sue combinazioni di colori uniche. Vanta foglie verdi lucide che virano al bronzo in autunno e fiori che cambiano dal rosa al bianco. In più ha rami rosso intenso.

Esposizione

L’Abelia può essere coltivata sia in pieno sole che in ombra parziale.

Tuttavia, piantarli in un’area con pieno sole incoraggerà colori del fogliame più vivaci e una fioritura ricca.

Le piante coltivate in zone con estati molto calde avranno bisogno di un po’ di ombra pomeridiana.

Fioritura

Gli arbusti di Abelia sono noti per i loro fiori tubolari di lunga durata che compaiono in primavera e durano fino all’autunno.

Questi piccoli fiori sono lunghi un paio di cm e sfoggiano 4 o 5 petali ciascuno. Possono essere bianchi, rosa o gialli e attirano impollinatori come farfalle e colibrì. Hanno anche un buon profumo.

Questi arbusti generalmente fioriscono senza problemi ma puoi incoraggiare una fioritura sana assicurandoti che il terreno dreni bene e che la pianta riceva molto sole.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno l’Abelia per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Sebbene le piante di Abelia crescano bene in un terreno fertile, drenante e umido, tollerano le diverse condizioni del suolo.

Si consiglia di miscelare il terreno con il compost prima di piantare in giardino, poiché queste piante si comportano meglio in un terreno ricco di materia organica.

Il livello di pH del suolo dovrebbe essere leggermente acido per una crescita ottimale.

Quando innaffiare

Queste piante sono resistenti alla siccità una volta che si sono stabilite in giardino.

Tuttavia, crescono meglio quando vengono annaffiate regolarmente. Soprattutto durante i mesi estivi più caldi, dovresti pianificare di annaffiare le abelie 1 o 2 volte alla settimana per mantenerle vivaci e sane.

Lascia che il terreno inizi ad asciugarsi prima di annaffiare di nuovo. Innaffiare in profondità ma meno frequentemente è meglio per le abelie piuttosto che annaffiare poco e regolarmente.

Concime

Gli arbusti di Abelia beneficiano di un terreno ricco di materia organica.

Aggiungi il compost ogni anno per fornire i nutrienti necessari e per supportare il corretto drenaggio del suolo.

Inoltre, fornire alla pianta un fertilizzante per arbusti a lenta cessione (ovvero quello sotto forma di granelli che si dissolve nel terreno lentamente) all’inizio della primavera darà alle abelie la spinta di cui hanno bisogno per un altro anno di crescita.

Potatura

La potatura occasionale aiuterà a mantenere gli arbusti puliti e a farli crescere più forti.

È meglio potare a fine inverno o all’inizio della primavera per evitare di potare nuovi germogli o boccioli di fiori.

Rimuovi eventuali rami danneggiati o morti e pota la pianta nella forma desiderata. Non eliminare più di un terzo circa dell’arbusto.

Alcune varietà producono germogli lunghi e sottili dal tronco o dai rami che possono essere rimossi per un aspetto più pulito.

Altre varietà fioriscono su legno vecchio, quindi è meglio potare dopo la fioritura.

Moltiplicazione

La propagazione dell’abelia può essere effettuata attraverso talee, sia di legno duro che tenero.

Sebbene le talee di legno duro siano spesso più resistenti del legno tenero, non radicano facilmente come le talee di legno tenero.

Le talee di legno tenero vengono prelevate in primavera mentre le talee di legno duro vengono prelevate in autunno.

Entrambi sono curati allo stesso modo. Per coltivare entrambe le opzioni, avrai bisogno di cesoie affilate, un piccolo vaso, un terreno drenante e ricco e l’ormone radicante.

Quindi segui questi passaggi:

  • Usando cesoie affilate, taglia un piccolo ramo lungo circa 15 cm: taglia sotto un nodo
  • Elimina le foglie inferiori
  • Immergi l’estremità tagliata nell’ormone radicante, quindi piantala delicatamente in un terreno ricco e drenante
  • Metti il vaso in una zona calda e soleggiata e mantieni il terreno umido
  • Le radici dovrebbero formarsi in circa uno o due mesi

Malattie e parassiti

Le Abelia sono famose per la loro facilità di cura. Tuttavia, occasionalmente possono verificarsi problemi durante la coltivazione di queste piante.

Un primo problema è scoprire che un’abelia durante il periodo di fioritura ha un fogliame fitto e sano e nessuna fioritura, il problema potrebbe riguardare la tua scelta del fertilizzante.

Il fertilizzante con troppo azoto incoraggia la crescita del fogliame a discapito dei fiori. Passa ad un fertilizzante con un rapporto più elevato tra fosforo e azoto e potassio.

Se le foglie stanno ingiallendo è un segno di troppa acqua, spesso causata da un terreno inzuppato e poco drenante.

Se sospetti che ci sia marciume radicale, scava delicatamente la pianta e taglia via le radici o i rami infetti.

Significato

Questa pianta era coltivata in Cina perché sarebbe stata capace di proteggere la casa e gli animali domestici.

In più, il suo fiore simboleggia la capacità di trovare concentrazione in situazioni difficili.

Quando fiorisce l’Abelia?

L’abelia è un arbusto sempreverde che è noto proprio per la fioritura duratura. In condizioni ottimali fiorisce dalla primavera all’autunno.

Quando si pota l’Abelia?

Le piante di Abelia non hanno sempre bisogno di potatura, ma possono trarre vantaggio dalla potatura annuale a fine inverno o all’inizio della primavera. Ciò mantiene la pianta ordinata e pulita.

Come curare la pianta di Abelia?

L’arbusto di Abelia è molto semplice da curare, basterà piantarla in un posto soleggiato e innaffiare per bene quando il terreno si asciuga. Concima una volta all’anno o miscela del compost al terreno.

L’abelia è sempreverde?

Dipende dalla varietà di arbusto e dalle condizioni in cui viene coltivato. Alcune specie di Abelia sono sempreverdi mentre altre sono decidue. Gli arbusti di Abelia coltivati nei climi più freddi perdono le foglie nei mesi invernali più freddi, mentre quelli coltivati nei climi caldi mantengono il fogliame tutto l’anno.

Quanto crescono gli arbusti di Abelia?

Ogni varietà ha la sua dimensione. Le dimensioni variano ovunque da 60 cm a 1 metro di altezza e da 60 cm a 2 metri e mezzo di larghezza, fornendo un’ampia gamma di dimensioni per soddisfare le tue esigenze in base al tuo giardino.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.