Maggiociondolo: l’albero dai fiori ciondolanti

L’albero dai riccioli d’oro, conosciuto come il Maggiociondolo (Laburnum anagyroides) appartenente alla famiglia delle Fabaceae di cui fanno parte anche i piselli.

Il nome volgare allude ai fiori a grappoli pendenti che nel periodo di fioritura, a maggio, ciondolano.

fiori sono di colore giallo oro e sono molto profumati, raggruppati in lunghi grappoli penduli.

Richiede un clima “giusto”, soprattutto se si vuole ottenere una fioritura ricca.

Gli alberi di Maggiociondolo dovrebbero essere piantati in autunno o all’inizio della primavera, crescono velocemente, guadagnando più di 60 centimetri all’anno.

Attenzione: l’albero di maggiociondolo è una pianta altamente velenosa, quindi non è una scelta adatta agli animali domestici o ai bambini. Tutte le parti della pianta sono tossiche, soprattutto i baccelli, perché contengono citisina, un alcaloide velenoso.

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche del maggiociondolo, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Il genere Laburnum comprende solo due specie confermate:

  • Laburnum alpinum: o, volgarmente, Maggiociondolo alpino cresce in ambienti di montagna a quote comprese fra i 600 e i 1600 metri circa. Ha i fiori completamente gialli.
  • Laburnum anagyroides: questa specie invece cresce fra la pianura e gli 800 metri circa, i fiori sono gialli con macchie marroni-rossastre.

I botanici hanno individuato il seguente ibrido:

  • Laburnum × watereri: è una specie ibrida naturale di Maggiociondolo, originaria dell’Europa centrale. I suoi genitori sono il maggiociondolo anagyroides e il maggiociondolo alpino. È una popolare pianta da giardino, chiamata albero dalle catene d’oro per la sua spettacolare fioritura di grappoli pendenti di fiori gialli.

Esposizione

L’albero di Maggiociondolo ha bisogno di una zona con estati fresche ma deve essere piantato dove riceve comunque pieno sole.

Soprattutto per stimolare la ricchissima fioritura, l’esposizione è importante per questo tipo di pianta.

Fioritura

Questa straordinaria pianta ha fiori giallo oro che penzolano da maggio a luglio.

I suoi fiori hanno anche un profumo molto forte.

Tuttavia tutti restano incantati immediatamente dalla loro fioritura luminosa e allegra. I fiori dorati possono essere lunghi da 20 a 40 centimetri.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno il maggiociondolo per crescere sano e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Il terreno drenante è la scelta migliore per il tuo albero dalle catene d’oro.

L’albero di maggiociondolo è una buona pianta da vaso, poiché le sue radici non sono invasive.

Assicurati che la tua fioriera abbia un drenaggio adeguato e usa una miscela di terriccio pensato per gli alberi.

È meglio non piantarlo vicino a uno stagno o ad un orto, poiché le sue radici velenose possono diffondere tossine nelle acque sotterranee e nel terreno.

Quando innaffiare

Gli alberi di maggiociondolo dovrebbero essere annaffiati una volta a settimana se li coltivi in vaso. Assicurati che l’acqua non si accumuli alla base.

Tuttavia, se li coltivi in giardino bisogna affidarti alle piogge, innaffiando il terreno solo quando ci sono periodi prolungati di siccità.

Concime

Nutri il tuo maggiociondolo con fertilizzante all’inizio della primavera.

Usa un concime progettato per alberi e arbusti in fiore, con un alto contenuto di fosforo.

Potatura

I giovani alberi di maggiociondolo hanno rami deboli.

Per questo motivo, è meglio potarli dopo ogni stagione di fioritura, come misura preventiva contro i danni invernali.

Moltiplicazione

Esistono diversi modi per propagare l’albero di maggiociondolo.

Puoi prendere talee di radice, talee di gemme fogliari (che includono una foglia e una gemma) o moltiplicare la pianta da seme.

L’albero di maggiociondolo può essere coltivato dai suoi semi che sono contenuti in baccelli.

Poiché i semi hanno un rivestimento duro, devono essere immersi in acqua per 24 ore prima di piantarli.

Dopo l’ammollo, scegli quelli più grandi che hanno migliori possibilità di germinare. Piantane alcuni in un piccolo vaso, in un buon terriccio mescolato con una piccola quantità di compost.

Mantienili al fresco, annaffia quando è asciutto e in poche settimane appariranno le piantine!

Malattie e parassiti

Peronospora e macchie fogliari sono potenziali malattie da tenere d’occhio per l’albero di maggiociondolo.

Per afidi e cocciniglie puoi usare delle soluzioni da vaporizzare sulla pianta.

Anche il marciume radicale è una malattia comune, soprattutto quando il maggiociondolo non si trova in un terreno drenante.

Significato e curiosità

La tradizione popolare gli ha dato il significato di albero malvagio, oltre che per la sua tossicità, anche perché con i suoi rami flessibili si costruivano archi potenti.

Inoltre viene chiamato anche falso ebano, perché la sua corteccia quando si ossida si scurisce e viene utilizzato dagli artigiani in sostituzione dell’ebano, più raro e costoso.

Il Maggiociondolo ha ispirato J.R.R.Tolkien per la creazione di Laurelin, l’albero che emanava una luce dorata, ed aveva foglie pallide, screziate d’oro.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.