Tutto sulla cura della bellissima Opuntia

La pianta di Opuntia è tra i generi di cactus più diffusi e fa parte della stessa famiglia dei fichi d’india.

Questa pianta è caratterizzata dai suoi cuscinetti spinosi e piatti. Molte varietà hanno spine grandi e rotonde, mentre altre hanno piccole spine simili a piccoli peli che si staccano facilmente.

Mentre i cactus sono generalmente conosciuti come piante del deserto, ci sono alcune specie di opuntia che sono resistenti anche in zone più fresche.

In più, alcuni tipi di Opuntia producono frutti commestibili, ma il tasso di crescita della pianta è piuttosto lento e possono volerci tre o quattro anni prima che una nuova pianta inizi a fruttificare.

Vediamo allora insieme come curare la bellissima Opuntia!

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della pianta di Opuntia, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Delle molte specie di Opuntia, molte possono essere usate sia come piante da giardino che come piante d’appartamento.

I vivai locali normalmente offrono solo le varietà adatte al clima della tua zona, vediamone alcune:

  • Opunta humifusa: conosciuta come opuntia orientale, questa specie è un cactus tentacolare e avvolgente che produce fiori gialli con macchie arancioni da maggio a luglio. Questa è una delle specie di opuntia più popolari per la coltivazione in giardino.
  • Opuntia microdasys Albaspina: questa varietà cresce con piccoli grappoli di spine bianche. Questa e altre cultivar di Opuntia microdasys sono molto popolari come piante d’appartamento.
  • Opunta aurea: solitamente conosciuta come opuntia dorata, produce fiori gialli in tarda primavera o all’inizio dell’estate. Questa specie è popolare sia come esemplare da giardino che come pianta d’appartamento.
  • Opuntia fragilis: questa piccola pianta cresce solo fino a 13 cm circa di altezza e 18 di larghezza. Fedele al suo nome comune, ha fusti che si rompono facilmente, ma si radicano altrettanto facilmente ed è molto popolare per giardini rocciosi all’aperto o vasi per interni.
  • Opunta macrohiza: Conosciuta come opuntia delle pianure, questa specie cresce da 12 a 25 cm di altezza e produce fiori giallo chiaro a giugno e luglio. È popolare per i giardini rocciosi e come pianta d’appartamento.

Esposizione

Come un cactus del deserto, l’opuntia prospera in pieno sole. Ciò significa almeno sei ore di luce solare diretta al giorno.

All’interno, una finestra esposta a ovest o a sud andrebbe meglio. In climi molto caldi, un po’ di ombra durante il mezzogiorno può prevenire le scottature.

Le temperature e i livelli di umidità tipici degli interni di solito vanno bene per un’opuntia coltivata come pianta d’appartamento.

Tuttavia, tieni la pianta lontano da fonti di calore e da condizionatori, poiché possono causare sbalzi di temperatura estremi.

Fioritura

La maggior parte delle specie di Opuntia possono impiegare diversi anni prima che siano abbastanza mature per fiorire e produrre frutti, quindi è possibile che tu debba solo essere paziente.

Se la tua pianta è abbastanza matura ma non sta ancora fiorendo, ricorda che ha bisogno di molto sole, di un terreno molto poroso e di pochissimo materiale organico o fertilizzante per poter fiorire.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno l’Opuntia per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Il requisito più importante per qualsiasi pianta del genere Opuntia è un terreno che drena bene. La pianta di Opuntia cresce facilmente in terreni sabbiosi o ghiaiosi, ma può tollerare altri tipi di terreno purché ci sia un buon drenaggio.

Quando si coltiva come pianta da esterno in zone soggette a piogge abbondanti, è fondamentale che il terreno sia estremamente poroso e drenante.

Quando innaffiare

La pianta di Opuntia ama restare asciutta e per mantenerla sana è necessario innaffiare bene ma poco frequentemente.

Limita l’irrigazione ad ogni due o tre settimane o ogni volta che il terreno è completamente asciutto.

Concime

L’opuntia ha raramente bisogno di fertilizzante quando viene piantata in giardino, a meno che tu non abbia un terreno molto povero.

Nei vasi, consumerà più rapidamente i nutrienti del terreno e richiederà un po’ di nutrimento.

È possibile applicare un fertilizzante bilanciato durante la stagione di crescita, seguendo le istruzioni del prodotto. Puoi anche scegliere un fertilizzante ad alto contenuto di azoto per avere fusti più grandi o un fertilizzante a basso contenuto di azoto per avere più fiori e frutti.

Potatura

Non è necessario potare questi cactus per la salute delle piante, ma puoi farlo per controllare le dimensioni dell’opuntia, il che può essere una buona idea per le piante d’appartamento che possono essere pericolose con le loro spine.

Tieni i fusti con una pinza, quindi taglia il fusto che vuoi rimuovere lungo l’articolazione che lo collega al resto del cactus.

Questi fusti possono essere radicati per ottenere nuove piante.

Moltiplicazione

All’interno, puoi fare una talea per iniziare una nuova pianta in qualsiasi momento durante la stagione di crescita. Puoi propagare la pianta per talea o per seme. Per propagare per talea segui questi passaggi:

  • Taglia alcuni fusti dalla pianta madre e lasciali asciugare per un giorno circa per consentire alle ferite di guarire. Usa le pinze e guanti spessi.
  • Posiziona l’estremità in un vaso con terriccio per cactus.
  • Innaffia abbondantemente una volta, ma poi evita di annaffiare finché non vedi nuova crescita.
  • Continua a coltivarlo nel suo vaso fino al momento della semina all’aperto o, se cresce come pianta d’appartamento, fino a quando non è abbastanza grande da richiedere un nuovo vaso.

Malattie e parassiti

L’opuntia è soggetta a una varietà di parassiti nocivi, tra cui acari e cocciniglie. Trattali con alcol denaturato o con olio di neem.

Le piante da interno sono in qualche modo più suscettibili ai parassiti rispetto alle piante da esterno.

Tutte le specie del genere Opuntia possono essere soggette al fungo phyllosticta, che provoca lesioni ai fusti, creando grandi macchie nere che si ricoprono di croste.

Questo fungo non è mortale ma è così contagioso che si diffonde inevitabilmente alle piante vicine. Non esiste un trattamento efficace: rimuovi e smaltisci i fusti infetti per impedire la diffusione del fungo.

A cosa serve l’Opuntia?

Nella medicina popolare messicana le piante di opuntia sono utilizzate proprio per il trattamento del diabete e come rimedio naturale per la gestione del peso corporeo.

Quando fiorisce l’Opuntia?

L’opuntia fiorisce in estate e con fiori bianchi o gialli, ma il colore dei fiori dipende dalla varietà. La maggior parte delle specie di Opuntia possono impiegare diversi anni prima che siano abbastanza mature per fiorire e produrre frutti, quindi è possibile che tu debba solo essere paziente.

Quanto bagnare un’Opuntia?

Innaffia bagnando tutta la zolla di terreno dell’opuntia ma fai asciugare completamente il terreno tra un’annaffiatura e l’altra.

Come coltivare un’Opuntia?

Le diverse specie di Opuntia hanno esigenze di cura leggermente diverse, ma in generale, tanto sole e terreno drenante sono fondamentali per la loro crescita. Un terreno troppo umido può uccidere rapidamente la pianta con varie forme di marciume.

Quanto vive un’Opuntia?

La durata della vita varia di un’opuntia varia a seconda della specie, ma ci sono molti casi di piante in vaso che vivono fino a 30 anni. Grandi esemplari all’aperto che formano tronchi legnosi possono vivere molto più a lungo.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.