5 Trucchi per Basilico in balcone perfetto quando fa caldo

Coltivare il basilico in vaso è facile ed è una delle erbe aromatiche più utilizzate che puoi piantare.

Il basilico viene coltivato nella bella stagione e in più, cresce velocemente, quindi avrai foglie deliziose in pochissimo tempo.

Anche se si tratta di una pianta che ama il sole e il caldo, tuttavia ho bisogno comunque di un po’ di tregua.

Per di più se vuoi avere una pianta molto rigogliosa dovrai seguire il fabbisogno idrico della pianta.

Trova un posto soleggiato

Che tu coltivi il basilico all’interno o all’esterno, ha bisogno di un luogo caldo e soleggiato per prosperare.

Da sei a otto ore di luce solare sono perfette, ma se vivi in ​​un clima molto caldo, dai al tuo basilico un po’ di ombra pomeridiana per un po’ di sollievo.

Il basilico può prendere troppo sole e, se lo fa, può sviluppare bruciature alle foglie.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Scegli un vaso adatto

Puoi coltivare basilico in qualsiasi tipo di vaso, di plastica, di terracotta e così via. Tutti i tipi di contenitori funzioneranno ma ci sono alcune cose da valutare.

Al basilico non piace seccare completamente il terreno, quindi dovresti usare un vaso un po’ più grande in cui il terreno si asciughi più lentamente.

Non affollare le tue piantine di basilico in un vaso troppo stretto, anche se esteticamente è più gradevole perché c’è il rischio che non tutte le foglie ricevano allo stesso modo la luce del sole.

Assicurati che il tuo vaso abbia fori di drenaggio e utilizza un terriccio di alta qualità. Al basilico non piace essere troppo bagnato, quindi mantieni il terreno umido, non inzuppato.

Parti sempre dal seme

Il basilico è incredibilmente facile da coltivare dal seme. Puoi anche avviare i tuoi semi all’interno circa un mese prima della tua ultima data di gelo.

Ma dovrai spostarli fuori quando iniziano ad alzarsi le temperature. Il basilico ha bisogno di un minimo di luce per germogliare, quindi non piantare i semi troppo in profondità, qualche millimetro di profondità andrà bene.

Le piante germoglieranno entro 5-10 giorni. Trapianta con attenzione quando le piante hanno da tre a quattro serie di foglie.

Puoi anche radicare il basilico in acqua. Prendi lo stelo di una pianta e mettilo in un vaso trasparente o in un bicchiere d’acqua. Quando compaiono le radici, puoi trapiantarle nel tuo vaso.

Nutri e annaffia il tuo basilico

Il basilico è esigente con le innaffiature. Non gli piace essere troppo asciutto o troppo bagnato.

Puoi anche annaffiare il basilico dall’alto o dal basso ma l’irrigazione dal basso o dal sottovaso incoraggia la crescita delle radici ed evita di diffondere problemi di funghi dovuti all’umidità eccessiva sulle foglie.

Per sapere se dovresti innaffiare, infila il dito nel terreno fino alla seconda nocca. Se il terreno si sente asciutto, aggiungi acqua. Tieni presente che il basilico che cresce in vaso all’aperto si secca più rapidamente del basilico piantato nel terreno o che cresce all’interno.

Mescola un fertilizzante organico nel terriccio quando pianti. Prima di farlo, leggi l’etichetta sul terriccio per assicurarti che non contenga già del fertilizzante. A meno che il tuo terriccio non abbia già incluso un fertilizzante a rilascio prolungato, aggiungi un fertilizzante liquido diluito ogni 4 settimane.

Raccogli spesso il basilico

È importante pizzicare spesso il basilico perché diventi cespuglioso invece che alto ed esile.

Inizia a pizzicare dal momento in cui è alto circa 8 cm, togliendo le foglie superiori. Raccogli il basilico senza uccidere la pianta pizzicando delicatamente le foglie in alto in modo che gli steli rimangano intatti. Puoi anche usare una piccola forbice sterile per tagliare le foglie alla base.

In questo modo ritarderai la comparsa dei fiori che determinano la fine del ciclo di vita della pianta.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.