Il metodo semplice per potare il Rosmarino nel modo giusto

La potatura delle piante e dei cespugli di rosmarino è necessaria almeno una volta all’anno per assicurarsi che la pianta venga mantenuta sana, viva più a lungo e abbia una bella forma.

Se non poti regolarmente il rosmarino, la pianta diventerà legnosa e produrrà meno foglie e fiori.

In questo articolo, ti darò alcuni consigli per la potatura della tua pianta o cespuglio di rosmarino in modo che possa rimanere profumata, sana e bella nel tuo giardino per molto tempo.

Scopriamo insieme quando e come potare il rosmarino, il punto giusto dove fare un taglio e quali strumenti utilizzare per ottenere i migliori risultati!

Come capire dove potare il rosmarino

Innanzitutto, bisogna osservare il modo in cui cresce effettivamente il rosmarino, il che ti aiuterà a capire esattamente dove potarlo.

Se prendi uno stelo dal tuo cespuglio di rosmarino puoi vedere la parte apicale (quella in cima, per intenderci) ed è lì che si formano i fiori.

Più in basso allo stelo, ci sono piccole foglie aghiformi e piccoli rami che crescono dallo stelo verde. Verso la parte inferiore del fusto c’è una parte del ramo che è diventata nuda e legnosa, senza foglie.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Se tagli questa parte legnosa, il taglio non stimolerà una nuova crescita e lascerà solo uno stelo nudo. Se tagli la punta o fai un taglio più in basso sul gambo verde stimolerai una nuova crescita e la ramificazione, rendendo il tuo rosmarino più arrotondato e pieno.

Il punto migliore dove tagliare è appena sopra le ultime foglie verdi dello stelo che lasciano abbastanza stelo verde vivente per produrre nuovi rami proprio sopra il taglio.

Quanto potare il rosmarino

Ma quanto bisogna potare il rosmarino per farlo crescere rigoglioso e cespuglioso? Vediamo insieme nel dettaglio la quantità giusta di steli da rimuovere sulla tua pianta.

Potatura leggera

Fondamentalmente, ci sono due tipi di potatura del rosmarino:

  • potatura leggera
  • potatura drastica

Lo scopo della potatura leggera è solo quello di rimuovere le punte degli steli dopo che i fiori blu sono appassiti. Questo taglio abbellisce il tuo cespuglio e promuove una maggiore fioritura durante la stagione di crescita.

Quindi, se la tua intenzione è promuovere la crescita, taglia il tuo rosmarino dopo la fioritura solo di pochi centimetri.

Cerca di mantenere le dimensioni della pianta/cespuglio durante l’estate con potature leggere e la raccolta di rami per usarlo in cucina.

Potatura drastica

Il secondo tipo di potatura è una potatura più drastica che viene eseguita 1 volta l’anno.

Ogni anno, dopo la stagione della fioritura, viene fatta una potatura drastica per mantenere le dimensioni e la forma desiderate. Il rosmarino che viene potato in modo drastico promuove anche una nuova crescita cespugliosa.

Taglia circa 15-25 cm sugli steli verdi in crescita, assicurandoti di non tagliare il legno nudo e lascia molte foglie verdi sotto il taglio, specialmente se poti un ​​rosmarino troppo cresciuto.

Lavora intorno al tuo rosmarino finché non avrai rimosso circa un quarto o un terzo della pianta. Inoltre, rimuovi tutti i rami danneggiati o legnosi fino alla base della pianta.

Se desideri che le tue piante creino una siepe o grandi cespugli di rosmarino, potala regolarmente per alcuni anni, lasciando che ogni anno cresca più in alto di circa 25 cm.

Il momento migliore per potare il rosmarino

Ma allora quando si deve potare il rosmarino? È necessario potare leggermente il rosmarino all’inizio della primavera, subito dopo il gelo invernale per favorire la crescita.

La seconda potatura leggera dovrebbe essere all’inizio dell’estate dopo che il fiore è appassito per rimuovere la fioritura e, possibilmente, incoraggiare la seconda fioritura.

E la terza, la potatura più drastica, in autunno inoltrato per modellare e mantenere le dimensioni della pianta.

Potatura del rosmarino in vaso

Dovresti iniziare con la potatura del rosmarino già quando la tua pianta è molto giovane e non ha steli legnosi, non appena la prendi da un vivaio.

Basta fare alcuni tagli degli steli più lunghi per modellare la pianta nel modo desiderato.

Questi tagli leggeri incoraggeranno la formazione di nuovi rami sui lati. Ripeti quel taglio leggero per ciascuno degli steli per modellare e ottenere ancora più rami laterali.

Nel giro di pochi mesi, la tua pianta diventerà cespugliosa, con numerosi germogli di fiori e cime da raccogliere.

Una volta che il tuo rosmarino è ben radicato, fai sia la potatura leggera che quella drastica come spiegato sopra. Questi due tipi di potatura lo aiuteranno a prosperare anche in piccoli vasi.

Se il tuo rosmarino è molto legnoso

Se hai a che fare con rosmarino che è molto legnoso, o per lo più legnoso all’interno, l’opzione migliore è sostituirlo con la pianta giovane poiché è molto improbabile che tu possa incoraggiare la crescita dalle parti legnose.

Puoi provare a potarlo molto drasticamente fino alle ultime due serie di foglie sopra la parte legnosa e vedere se si riprende.

Cosa succede se non poti il ​​rosmarino?

Se non poti il ​​rosmarino almeno una volta all’anno e se viene coltivato liberamente nel terreno, può diventare piuttosto alto, fino a 2 metri, e diventerà legnoso, crescerà in modo irregolare e sembrerà trasandato.

Ecco perché la potatura regolare è importante per evitare che i cespugli diventino legnosi e abbiano un aspetto sgradevole.

La potatura regolare del rosmarino è una parte essenziale della cura della pianta per evitare che diventi legnosa.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.