Ti spiego come trattare un Nuovo Germoglio di Ciclamino per ottenere una nuova Pianta

Pensavo fossero delle erbacce ma ad una più attenta osservazione mi sono accorto che dal terriccio spuntano piccole foglioline di ciclamino e non vedo un bulbo.

È incredibile ma credo che il ciclamino si sia riprodotto da solo e ora sta germogliando un nuovo piccolo bulbo.

Ti spiego cosa fare per avere la massima cura ed attenzione per questo nuovo germoglio di ciclamino.

Quando dare al nuovo germoglio una sua dimora?

Un bulbo come quello del ciclamino necessita di avere il suo spazio per potersi ingrossare ma devi attendere il momento giusto.

Non puoi dare nuova dimora ad un piccolo bulbo nato da seme durante i mesi caldi, che corrispondono alla fase dormiente o rischi di compromettere la sua nuova germinazione.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Non appena vedi spuntar le prime foglioline puoi effettuare questa importante ma delicata operazione, a partire da ottobre.

Estrai la plantula

La piccola piantina, detta plantula va estratta dal terriccio ma non commettere l’errore di tirarla dal terriccio afferrando le foglioline.

Inumidisci la parte interessata del terriccio e svasa tutto il contenuto del vaso, rovesciandolo pian piano.

Scrolla la plantula di ciclamino dal terriccio e osserva la piccola radice, verificando che sia integra e della colorazione giusta, non annerita o marcia.

Prepara la giusta miscela

Serviti di un terriccio di qualità che abbia una buona percentuale di torba.

I materiali inerti non devono mancare in una proporzione di 1 parte di inerti su 3 parti di terreno, per rendere il terreno più drenante.

Serviti di perlite o argilla espansa, ma anche di corteccia di pino che possa dare quel tocco grossolano e nutriente in più per un piccolo di ciclamino che necessita di tutti i nutrienti possibili.

Scegli il vaso

Il vaso deve avere un diametro contenuto, giusto qualche centimetro in più rispetto al diametro dell’apparato radicale e non eccessivamente profondo.

Un vaso troppo grande rispetto all’apparato radicale contiene troppo terriccio che può trattenere l’umidità troppo a lungo.

Dai alla plantula di ciclamino nuova dimora

Con tutti gli elementi necessari a tua disposizione ora puoi assemblarli e dare nuova dimora al piccolo di clamino.

Sul fondo del vaso qualche centimetro di argilla espansa, poi versa la miscela realizzata e infine posiziona la piccola piantina a circa 3 cm di profondità.

In questo caso non avrai un bulbo come un ciclamino adulto; quindi, è essenziale che la piccola radice non sia né troppo in profondità ma nemmeno scoperta.

Con uno spruzzino tieni umido la superfice del terriccio, senza eccedere con le innaffiature o potresti farlo marcire prima del tempo.

Tanta luce e innaffiature giuste gli garantiranno la giusta crescita nel tempo, accrescendo quello che sarà nel giro di alcuni anni un bulbo tuberoso classico e fioriture sgargianti.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.