Aloe: come dividere i nuovi germogli e creare nuove piante

Le piante di aloe vera spesso producono tante nuove piantine alla base della pianta madre.

Quando i nuovi germogli sono cresciuti abbastanza bisogna rinvasare la pianta e puoi approfittarne per creare tante piccole nuove piantine di aloe.

Se hai una pianta di aloe vera o stai pensando di prenderne una, devi essere preparato alla nascita dei nuovi germogli.

Se la tua pianta ha iniziato a far crescere i cuccioli, le istruzioni che ti darò ti aiuteranno a dividerli, rinvasarli e farli crescere.

Scopriamo insieme come rinvasare l’Aloe quando spuntano nuovi germogli!

Come ottenere nuovi germogli di aloe

Cominciando dall’inizio, per ottenere dei nuovi germogli di aloe, avrai bisogno di una pianta di aloe vera matura e sana.

Dopo averla curata nel modo giusto per un po’, probabilmente inizierai a notare piante di aloe in miniatura che si formano alla base.

Aspetta che quei bambini di aloe vera siano alti circa 4-5 centimetri prima di iniziare a dividerli.

Se la tua pianta è matura ma non sana, è difficile che tu possa ottenere nuovi germogli da essa, e se spuntano potrebbero non essere molto sani.

Le condizioni che ti aiutano ad aver una pianta di aloe sana sono: un terreno drenante e di qualità; la giusta quantità di sole (ricorda, è una pianta del deserto); una buona annaffiatura di tanto in tanto.

Come dividere le nuove piantine di aloe

La maggior parte dei cuccioli di aloe vera sarà saldamente attaccata alla base della pianta madre, ma avrà anche le proprie radici.

Togli la pianta madre dal suo vaso e poi scrolla via la maggior quantità possibile di terreno dalle radici.

Individua ogni nuova piantina e vedi se riesci a dividerla facilmente dalla pianta madre. Se viene via e ha delle radici sue, è fatta. Se non ha radici non crescerà.

Fai asciugare i tagli

Come tutte le piante grasse, se hai fatto dei tagli perché le nuove piantine non si staccavano facilmente, fai asciugare le ferite dell’aloe vera.

Metti la pianta madre, insieme a tutti i cuccioli, in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce solare diretta. Lasciali lì da 1 a 5 giorni prima di rinvasarli.

Puoi rinvasare la pianta madre e i bambini di aloe vera già dopo 24 ore. Se sei impegnato e non hai tempo di farlo dopo un giorno, hai fino a circa 5 giorni prima che inizino a soffrire per essere fuori dal terreno.

Noterai dopo un giorno che le parti tagliate sulle radici si saranno asciugate fino a ottenere una finitura leggermente ruvida.

Rinvasare i cuccioli di aloe vera

Le piantine avranno bisogno delle loro case ora e della possibilità di far crescere un apparato radicale completo.

Ogni piantina di aloe avrà bisogno del proprio vaso di circa 8-9 centimetri di diametro.

Piantali in un terreno abbastanza drenante. Metti delicatamente ogni pianta nella sua nuova casa e compatta il terreno attorno ad essa. Piantala alla stessa profondità di come stava crescendo in terreno prima.

Aspetta tre giorni prima di annaffiarli. Successivamente, innaffia le piante solo quando il terreno si è asciugato.

Quanto tempo ci vorrà prima che siano maturi?

Le piante di aloe vera possono vivere fino a dodici anni. È una discreta quantità di tempo per una pianta.

Ciò significa anche che ci vuole del tempo prima che i tuoi cuccioli di aloe vera raggiungano la fase in cui puoi raccogliere le foglie per il gel.

Tieni presente che l’aloe vera non ha bisogno di molto in termini di concime.

Hanno solo bisogno di essere rinvasate in un vaso con terreno fresco ogni anno. A parte ciò, una concimazione leggera ed equilibrata in primavera o in autunno sarà già abbastanza.

Ci vorranno dai tre ai quattro anni perché i tuoi cuccioli di aloe vera crescano grandi quanto la pianta madre.

Durante questo periodo, sono un ottimo purificatore dell’aria in casa e hanno un bell’aspetto come pianta domestica.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.