4 Modi per evitare la comparsa di macchie sull’Orchidea

Ci sono alcune soluzioni che puoi adottare per mantenere le tue orchidee sane e prevenire il verificarsi di infezioni e marciume.

Il marciume batterico e le macchie marroni sulle foglie sono infezioni dell’orchidea che possono essere prevenute.

Ecco alcuni semplici interventi che puoi intraprendere per migliorare la salute delle tue orchidee e prevenire le infezioni.

Scopriamoli insieme!

Gestisci i livelli di umidità

Le condizioni di crescita calde e umide contribuiscono alla diffusione del marciume batterico.

Se livelli di umidità elevati contribuiscono ai problemi con le orchidee, dovrai ridurre i livelli di umidità intorno alla tua orchidea. Puoi monitorare i livelli di umidità usando un igrometro.

La maggior parte delle orchidee si comporta bene con livelli di umidità che vanno dal 40 al 70%. Tuttavia, alcune specie di orchidee preferiranno un livello di umidità più basso, mentre altre richiedono un’umidità elevata.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Conosci la tua orchidea e scopri che tipo di orchidea hai e quali sono le sue esigenze di crescita.

Aumenta il flusso d’aria

Sposta la tua orchidea in un’area con una migliore circolazione dell’aria. Un corretto flusso d’aria aiuterà a gestire i livelli di umidità e previene la putrefazione batterica, la crescita di muffe e altri problemi.

Evita di posizionare le tue orchidee troppo vicine tra loro. Mantieni lo spazio tra le diverse piante di orchidea per consentire il flusso d’aria tra le foglie e i vasi.

Lasciare spazio tra le orchidee renderà anche più difficile per parassiti e organismi infettivi (batteri) spostarsi facilmente da un’orchidea all’altra.

Inoltre, una buona circolazione dell’aria aiuta a favorire l’asciugatura del terriccio dopo l’irrigazione. Questo, a sua volta, previene altri problemi come il marciume radicale, muffe e decomposizione accelerata del terriccio.

Innaffia le radici non le foglie

Una regola fondamentale per la cura dell’orchidea è quella di innaffiare solo le radici dell’orchidea. Evita di annaffiare l’orchidea dall’alto, poiché l’acqua può schizzare sulle foglie.

L’irrigazione dall’alto può anche portare a un ristagno d’acqua nella corona dell’orchidea. Lasciata così, questa acqua stagnante può portare al marciume del colletto nell’orchidea.

Quindi innaffia le radici, non le foglie. Questo può sembrare un gioco da ragazzi per te, ma saresti sorpreso di quanto spesso le foglie di orchidea possono bagnarsi durante le sessioni di irrigazione, anche se stai attento.

Normalmente un po’ d’acqua sulle foglie dell’orchidea non sarebbe un problema, ma se ci sono tagli o rotture nella foglia dell’orchidea e l’acqua è contaminata da batteri, ciò potrebbe portare a macchie marroni batteriche o marciume.

Un altro consiglio è usare acqua pulita per innaffiare le tue orchidee. Questo può sembrare ovvio per te, ma l’acqua di irrigazione sporca e contaminata è una delle cause della macchie marroni.

In alcuni vivai e serre, le piante possono essere infettate a causa di condizioni di crescita affollate e schizzi d’acqua contaminata su più piante.

Sterilizza gli attrezzi da giardinaggio

Gli attrezzi contaminati, come le forbici da giardinaggio, così come i vasi sporchi, possono contribuire alla diffusione di agenti patogeni infetti.

Prima di potare la tua orchidea o tagliare eventuali aree infette, assicurati di aver sterilizzato in anticipo le forbici o la lama da giardinaggio.

Se stai rinvasando la tua orchidea, sterilizza i vasi prima di rinvasarle. Dovrai farlo anche se hai acquistato un nuovo vaso al vivaio. È probabile che ci siano microrganismi sulla superficie che non puoi vedere.

Usa un cucchiaio di candeggina diluita in una bacinella con dell’acqua per immergere i vasi e le attrezzature e lasciale in immersione per qualche minuto.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.