Come far rifiorire la Calancola?

Il periodo di fioritura della Calancola (Kalanchoe blossfeldiana) va dal tardo autunno all’inizio della primavera, rendendola la pianta d’appartamento perfetta per illuminare le cupe giornate invernali.

La Calancola ha bisogno di poche cure e cresce facilmente in un ambiente con poca umidità soprattutto in inverno quando tieni i riscaldamenti accesi.

Poiché la Calancola è resistente all’inverno (se la coltivi all’aperto) solo nelle zone in cui non ci sono gelate, questa pianta amante del sole muore se la tieni a temperature gelide.

Poiché la loro fioritura è una risposta al numero di ore di luce disponibili, puoi facilmente convincere la pianta a fiorire di nuovo dopo un periodo di riposo.

Scopriamo insieme come far rifiorire la Calancola!

Mantieni la pianta al caldo

Per assicurarti di far rifiorire la Calancola mettila nel posto giusto. La Calancola preferisce una stanza calda vicino a una finestra luminosa, preferibilmente esposta a sud poiché avrebbe più ore di sole.

Tienila però lontana dal sole diretto fino all’estate. Dai alla pianta tutta la luce indiretta che puoi.

Questa pianta è felice in condizioni domestiche normali e crescerà bene con temperature del giorno intorno ai 20-25 gradi centigradi e temperature notturne non inferiori a 10 gradi.

Innaffia nel modo giusto

Per garantire una fioritura ricca e duratura, innaffia bene la Calancola durante la stagione di crescita, dovresti dare acqua quando i primi centimetri del terreno sono asciutti.

Innaffia fino a quando l’acqua non fuoriesce dai fori di drenaggio e svuota subito il sottovaso.

Questa pianta odia restare troppo zuppa e marcisce facilmente. Lascia asciugare completamente i primi due centimetri di terreno tra un’annaffiatura e l’altra.

Fertilizza la pianta

Per avere dei fiori sani e belli devi dare nutrimento alla pianta di Calancola.

Dai da mangiare alla pianta con un fertilizzante liquido bilanciato per piante d’appartamento.

Ti basterà concimare una volta al mese durante la stagione di crescita, dall’autunno alla primavera. Segui attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta.

Sposta la pianta

Se vedi che la Calancola non fiorisce il problema potrebbe essere la posizione sbagliata.

Sposta la pianta all’aperto quando le temperature sono superiori a 10 gradi centigradi. Posizionala in un luogo luminoso ma con un po’ d’ombra per evitare che le foglie si brucino.

Se non puoi metterla all’esterno, dai alla pianta quanta più luce possibile all’interno e tienila vicino a una finestra soleggiata ma lontana dal sole diretto.

Taglia le fioriture esaurite con forbici pulite e affilate.

Riporta la Calancola dentro per l’inverno, quando le temperature notturne iniziano a scendere sotto i 10 gradi.

Simula un periodo di dormienza

Un ultimo tentativo per avere una fioritura della tua Calancola è quello di dare alla pianta un periodo invernale simulato di sei settimane in modo che possa sviluppare boccioli dei fiori.

Sposta la pianta in una stanza fresca e ben illuminata per sei settimane. Mantieni la temperatura tra i 10 e i 15 gradi.

Dai una luce intensa per 10 ore ogni giorno. Spostala poi in una stanza completamente buia o in un armadio per le altre 14 ore della giornata.

Puoi coprirla con una scatola di cartone (attenzione che la scatola non schiacci i fiori) se non hai una stanza buia o un armadio.

Non innaffiare o concimare la Calancola durante il suo periodo di riposo forzato.

Dopo queste settimane di riposo, seguite in modo scrupoloso, riprendi le cure normali.

Controlla che la pianta metta i boccioli dei fiori dopo sei settimane. Una volta che i boccioli iniziano a formarsi, puoi riportare la Calancola vicino la sua finestra luminosa e soleggiata e riprendere ad annaffiarla e a concimarla.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.