Segui questa guida completa per innaffiare l’Albero di Giada e non sbagliare mai

Le piante di giada (Crassula ovata) sono adattate per tollerare la siccità e hanno bisogno che il terreno si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra.

È importante sapere con quale frequenza e quanto annaffiare l’albero di giada, poiché è suscettibile al marciume radicale causato da un’irrigazione eccessiva e da un lento drenaggio del terreno.

Il regime di irrigazione ottimale dovrebbe essere combinato con un terreno per succulente drenante appropriato e il vaso giusto per prevenire lo stress idrico e mantenere sana la tua pianta di giada.

Continua a leggere per ulteriori informazioni su quali regole seguire per innaffiare la tua pianta di giada!

Quante volte innaffiare le piante di giada

Le piante di giada sono piante grasse e sono adattate alla crescita in climi caldi e secchi con piogge rare, per questo immagazzinano l’umidità nelle foglie e negli steli per prevenire la perdita d’acqua (traspirazione) dalle foglie aprendo gli stomi di notte piuttosto che durante il caldo sole giorno.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Poiché le piante di giada sono così adattate alla siccità, preferiscono condizioni asciutte e quindi sono molto suscettibili ai problemi associati all’irrigazione eccessiva come foglie ingiallite o traslucide e marciume radicale.

Per coltivare con successo piante di giada in casa o in giardino, è importante emulare le condizioni di irrigazione del loro habitat.

Le piante di giada richiedono che il terreno attorno alle radici si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra, quindi annaffia la tua pianta di giada solo quando il terreno è completamente asciutto.

In genere questo significa annaffiare le piante di giada 1 volta ogni 14 giorni circa.

Tuttavia molti fattori influiscono sulla velocità con cui si asciuga il terreno come il livello di umidità e la temperatura del tuo clima, la dimensione del vaso (i vasi più piccoli si asciugano molto più velocemente), la capacità del terreno di trattenere l’acqua è così via.

Per stabilire con quale frequenza annaffiare la tua pianta di giada, inserisci il dito o un bastoncino di legno: se il terreno è umido, non annaffiare ancora, ma se il terreno sembra asciutto, questo è il momento perfetto per annaffiare.

Come capire se stai sbagliando le innaffiature

Se stai annaffiando le tue piante di giada più di una volta alla settimana, probabilmente stai annaffiando troppo frequentemente anche se vivi in ​​un clima arido e caldo.

I segni di una pianta di giada troppo annaffiata sono foglie che ingialliscono, traslucide e infine nere, il che è un’indicazione di marciume.

Ridimensiona immediatamente l’irrigazione e lascia che il terreno si asciughi completamente per dare alla giada la possibilità di riprendersi.

Se le tue foglie di giada stanno diventando marroni o nere, questo è dovuto al marciume che richiede più attenzione, in questo caso sarà necessario controllare lo stato delle radici e nel caso eliminare le parti marce e rinvasare.

Se hai trascurato completamente l’albero di giada, il primo segno di stress da siccità è un avvizzimento delle foglie.

In tal caso la soluzione è semplicemente dare un buon ammollo al terreno, attendere che si asciughi di nuovo nelle prossime 2 o 3 settimane e poi immergerlo di nuovo.

Quanto annaffiare le piante di giada

Sapere quanto annaffiare la tua pianta di giada è fondamentale per il successo della pianta.

La variabilità del clima, dell’umidità e delle temperature può influenzare la frequenza con cui annaffiare la tua pianta di giada, ma la quantità di acqua dovrebbe rimanere la stessa.

Innaffia le piante di giada in modo uniforme bagnando tutta la zolla di terreno in modo che l’acqua fuoriesca dalla base del vaso.

Ciò garantisce che l’acqua raggiunga tutte le parti del vaso in modo che le radici possano assorbire l’umidità necessaria.

Un’annaffiatura generosa favorisce anche la crescita delle radici nel terreno e la maturazione, il che fa bene alla salute della pianta e aumenta ulteriormente la resistenza delle piante alla siccità.

Un’annaffiatura troppo leggera fa sì che solo i primi centimetri superiori del terreno si bagnino e l’acqua non raggiunga le radici dove è necessaria, il che fa sì che le foglie delle piante di giada diventino avvizzite e alla fine diventino marroni come segno di stress da siccità.

Usa un terreno drenante

Le buone pratiche di irrigazione dovrebbero essere combinate con la coltivazione dell’albero di giada in un appropriato terreno drenante per evitare il marciume radicale.

Il terriccio classico trattiene troppa umidità intorno alle radici per la pianta di giada che è tollerante alla siccità ma non ad un terreno sempre umido.

Le piante di giada crescono naturalmente in un terreno molto sabbioso e granuloso, in un terreno che drena molto rapidamente e non trattiene molta umidità.

Per mantenere la pianta di giada sana ed evitare la putrefazione delle radici, è importante coltivarle giade in una miscela per piante grasse e cactus che puoi anche creare da te.

Con il terreno giusto è molto più facile mantenere il perfetto equilibrio di umidità per le piante di giada e prevenire gli effetti dell’irrigazione eccessiva per mantenere la pianta sana.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.