Sai davvero come moltiplicare la Sansevieria in acqua?

Radicare e moltiplicare la pianta di Sansevieria in acqua deve essere uno dei procedimenti più divertenti. È molto veloce e semplice ma la parte più difficile è aspettare.

Tuttavia, se segui i passaggi giusti è davvero semplicissimo radicare la Sansevieria nell’acqua.

Vediamo subito nel dettaglio come. fare per evitare di sbagliare e moltiplicare con successo la Sansevieria in acqua!

Scegli una foglia sana

Scegli una foglia sana, ma non troppo vecchia. Per aumentare le tue possibilità, prendi più talee se la tua pianta lo permette.

Taglia la foglia dalla pianta con forbici affilate, preferibilmente sterilizzate. Puoi usare una singola foglia o persino tagliare la foglia in sezioni.

In ogni sezione cresceranno delle piantine. Quindi da una singola foglia puoi ottenere più piante.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli posso inviarteli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Contattami qui e salva il mio numero in rubrica! Ti aspetto!

Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Cerca di avere segmenti fogliari di almeno 5-7 cm oppure puoi usare semplicemente l’intera foglia.

Metti in acqua seguendo il verso

Ci vuole molto tempo per radicare la Sansevieria. Tuttavia, radicare la Sansevieria nell’acqua è in realtà più veloce che radicarla nel terreno.

C’è un suggerimento importante da ricordare se decidi di tagliare ogni foglia in più segmenti.

Devi inserire i segmenti di talee di foglia nello stesso verso in cui stavano crescendo sulla pianta.

Metti le foglie intere, o i segmenti di foglia, in un bicchiere o in un barattolo con almeno un paio di cm di acqua.

Se usi un bicchiere più stretto nella parte inferiore, può tenere la foglia in posizione in modo che il fondo di ogni foglia non poggi sul fondo del bicchiere.

Cambia l’acqua

Assicurati di cambiare spesso l’acqua, Inizia con 1 o 2 volte a settimana. Se noti che l’acqua sta diventando torbida o sporca, cambiala più frequentemente.

Potresti notare soprattutto nella parte iniziale del processo di propagazione dell’acqua che le tue talee di foglie diventeranno viscide.

Tirale fuori e tocca le parti delle foglie che erano sott’acqua. Se sono viscide, sciacqua le foglie sotto l’acqua tiepida e strofinale delicatamente con il dito per rimuovere la sostanza.

Una volta che tutte le tue talee sono pulite, dovresti anche pulire il contenitore: risciacqua completamente, aggiungere nuovamente le talee e aggiungi acqua fresca.

Ciò dovrebbe ridurre notevolmente le possibilità che le tue talee marciscano.

Posiziona le talee di radicazione vicino a una finestra. Una brillante luce indiretta, o anche un po’ di sole, andrebbe bene. Evita però di posizionare le talee in pieno sole, e sicuramente evita anche di metterle al buio.

Quanto tempo impiegano le radici a crescere?

Considera che le sansevierie sono piante a crescita lenta, dunque armati di pazienza e aspetta.

Se tutto è fatto secondo il corretto procedimento potresti vedere spuntare qualche radice dopo 15 giorni, ma la media di tempo è di circa 2 mesi prima di vedere emergere le radici.

Dopo che le radici si sono formate, dovrai aspettare ancora un po’ prima che si formino i cuccioli. Le radici si formeranno prima, e poi inizieranno a crescere piccoli cuccioli perfettamente formati.

Metti in vaso le tue talee radicate di Sansevieria

Se preferisci piantare i cuccioli nel terreno, segui la procedura seguente.

Dopo che le tue foglie hanno circa un centimetro di radici, puoi piantarle nel terreno. Alcune persone aspettano di vedere crescere i cuccioli e poi li mettono in vaso ma in entrambi i casi va bene.

Scegli il tipo di terreno giusto per la Sansevieriae riempi un vaso in cui inserirai le talee radicate.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.