Se sul tuo Cactus sono spuntati i figlioletti agisci così

I cactus sono adorabili e la sfida spesso è quella di coltivarli correttamente in modo da vederli fiorire almeno una volta: uno spettacolo che non ha eguali!

Ma se curi correttamente queste piantine possono regalarti anche dei baby cactus che spuntano sulla pianta madre quando meno te lo aspetti.

Se questo è il tuo caso sei nel posto giusto, in questo articolo vedremo come dovresti comportarti quando spuntano i figlioletti sui tuoi cactus.

Scopriamolo insieme!

Come nascono i figlioletti sul cactus

Varie specie di cactus producono piccoli polloni, che possiamo chiamare volgarmente cuccioli, che possono essere utilizzati per la propagazione di nuove piante.

La pianta madre produce dei piccoli polloni, ovvero delle protuberanze dalla base o dal corpo stesso della pianta in modo autonomo.

Il cucciolo si presenta come un baby cactus che puoi facilmente separare dalla pianta madre e farlo crescere in un nuovo vaso.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questo è probabilmente il metodo più semplice per propagare i cactus. Il più delle volte, è relativamente facile separare il cucciolo dalla pianta madre, che farà crescere le sue radici e si stabilirà abbastanza rapidamente e spesso con successo.

Nella maggior parte dei casi, i cuccioli avranno già un piccolo insieme di proprie radici. Sfortunatamente, non tutte le specie di cactus possono produrre cuccioli. Pertanto, prima di iniziare a considerare questo metodo di propagazione, assicurati che le specie di cactus nel tuo giardino possano produrre questi polloni.

Rimuovi i cuccioli di cactus dalla pianta madre

Per propagare con successo i baby cactus, dovresti tagliare l’offset con un angolo di 45°.

La prima cosa che devi imparare è come rimuovere i polloni dalla pianta madre.

Se il mini cactus è già ben formato e la superficie con cui è ancora legato alla pianta madre è ristretta puoi semplicemente ruotare il cactus su se stesso (attenzione a non farti male, usa un foglio di giornale o dei guanti da giardinaggio) come quando sviti una vite.

Se invece la varietà di cactus non ti permette di staccarlo come appena spiegato dovrai prendere un coltello da cucina affilato e pulirlo con un po’ di alcol o una soluzione di candeggina al 10%.

Questo lo disinfetterà e impedirà agli agenti patogeni di farsi strada nel tuo cactus attraverso le aree tagliate.

Individua un buon cucciolo e taglialo con cura con un angolo di 45°. Assicurati che il tuo taglio sia inclinato per deviare l’acqua in modo che l’area del taglio non marcisca prima che cicatrizzi.

Alcuni applicano della polvere di cannella sull’estremità tagliata del cucciolo per prevenire problemi di marciume e infezioni fungine.

Saprai che il pollone o baby cactus è pronto per essere piantato quando l’estremità tagliata è asciutta, indurita, leggermente raggrinzita e biancastra.

Metti il mini cactus in vaso

Dopo aver rimosso il cucciolo, la prossima cosa che devi fare è piantarlo.

Per radicare il tuo cucciolo, considera di metterlo in un terreno asciutto con un po’ di ghiaia per alcuni giorni o fino a una settimana.

Puoi anche posizionare il pollone in un piccolo vaso con sabbia, carbone e un po’ di perlite per stimolare la crescita di radici.

Una volta che i tuoi cuccioli hanno sviluppato alcune radici, è il momento di metterli in vaso.

Il terreno dovrebbe anche avere un buon drenaggio ed essere granuloso. Puoi creare tu una miscela adatta tuo combinando il 50% di perlite o pomice con il 50% di compost o torba.

Metti con cura il tuo cucciolo nel terreno, ma non spingere troppo nel terriccio o marcirà. Solo ¼ dello stelo del cucciolo dovrebbe essere sotto terra. Assicurati che il tuo cucciolo sia abbastanza stabile in modo che non cada.

Posiziona il vaso in un punto che riceva luce solare intensa ma indiretta e mantieni il terreno umido.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.